SAPETE CHI HA CONSIGLIATO A GIORGIA MELONI DI DIRE CHE “LEI NON ERA RICATTABILE” A BERLUSCONI? FEDERICO PALMAROLI. CIOÈ “OSHO” – IL RACCONTO DEL VIGNETTISTA: “QUANDO IL CAVALIERE LE SCRISSE QUELLE COSE LE DISSI: 'TU NON SEI RICATTABILE' E LEI L'HA DETTO – CON GIORGIA L’ULTIMA VOLTA CI SIAMO SENTITI TRAMITE MESSAGGIO. LEI ERA ANDATA IN INDIA E IO LE SCRISSI: 'DÌ CHE SEI AMICA DI OSHO COSÌ TI TRATTANO BENE’. LEI MI RISPOSE CON… - PALMAROLI CONFERMA IL DAGO-SCOOP: “CON AUGUSTA MONTARULI SIAMO STATI FIDANZATI DUE ANNI FA PER 6 MESI, MA SIAMO RIMASTI MOLTO AMICI..” - VIDEO!

-

Condividi questo articolo


 

Da “Un Giorno da Pecora” – Rai Radio1

 

federico palmaroli in arte osho federico palmaroli in arte osho

Tra i più noti e apprezzati autori satirici italiani, Federico Palmaroli, la mente dietro alle pagine social e ai libri a nome 'le Frasi di Osho', oggi è stato ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, dove si è raccontato ai conduttori Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. Come definisce il suo lavoro? “Mi definirei un umorista o un vignettista 2.0. Io faccio una sorta di fotoromanzi, forse è questa la definizione più giusta”.

 

In pratica crea dei meme? “Quello è un termine che non mi piace, fa molto bimbominkia, io al massimo sono un boomer. Diciamo che se devo presentare il mio lavoro dico che faccio satira politica”. Lei però ha anche un'altra professione. “Si, un lavoro 'normale', ordinario, mi occupo di mercato immobiliare in una società”. E' vero che lei è un grande amico della premier Meloni? “La conosco dal 2016, ci siamo conosciuti in occasione dell'uscito di un mio libretto su Osho, una mia amica in comune mi ha detto che voleva conoscermi, così me l’ha presentata e da lì è nata l’amicizia”.

 

augusta montaruli federico palmaroli foto di bacco (2) augusta montaruli federico palmaroli foto di bacco (2)

Lei è sempre stato di destra? “Tendenzialmente non amo le etichette e per un lungo periodo non ho votato. Ideologicamente sono di destra - ha spiegato Palmaroli a Rai Radio1 - tendenzialmente si, ma io non amo le etichette né seguo i dogmi”. Con Meloni avete fatto delle vacanze o delle cene insieme? “Delle cene si, molte volte. Ci troviamo perché lei ha un'ironia simile alla mia, è questo il motivo per cui è nata l'amicizia" Da quanto non la vede? “L'ultima volta ci siamo sentiti tramite messaggio. Lei era andata in India e io le dissi: 'dì che sei amica di Osho così ti trattano bene'...”

 

E lei cosa le ha risposto? “Mi ha mandato un emoticon con la faccia che ride, che è quella che usa di più quando ci scriviamo”. E' vero che quando la premier disse a Berlusconi di non esser ricattabile lo fece per un suo suggerimento? “Quando il Cavaliere le scrisse quelle cose io mi sentii con Giorgia e le dissi: la sintesi, fondamentalmente, è che tu non seri ricattabile. Poi Giorgia ha valutato che questa fosse la cosa giusta da dire e quindi l'ha detta”.

 

 

FEDERICO PALMAROLI GIORGIA MELONI FEDERICO PALMAROLI GIORGIA MELONI

 

Lei è amica di Meloni ma si è scritto anche che fosse fidanzato con la deputata Augusta Montaruli, E' vero? “Si, siamo stati fidanzati due anni fa”. E poi? “E' finita, come spesso succede. Era poco che stavamo insieme, solo sei mesi, ma siamo rimasti molto amici”.

FEDERICO PALMAROLI IN ARTE OSHO A UN GIORNO DA PECORA FEDERICO PALMAROLI IN ARTE OSHO A UN GIORNO DA PECORA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ