SE DRAGHI VA AL COLLE, METTIAMO “ALEXA” FRANCO A PALAZZO CHIGI - LUIGI DI MAIO, DURANTE UN INCONTRO CON ALCUNI DIPLOMATICI, HA LANCIATO L'AMO SULLA STAFFETTA TRA “MARIOPIO” E IL MINISTRO DELL’ECONOMIA. DRAGHI ANDREBBE AL COLLE E FRANCO FAREBBE IL TRAGHETTATORE A PALAZZO CHIGI FINO AL 2022. MA I PARTITI REGGERANNO? SALVINI POTREBBE SFILARSI SUBITO IN VISTA DELLE ELEZIONI. E I CINQUE STELLE BALCANIZZATI CHE FAREBBERO?

-

Condividi questo articolo


Da www.liberoquotidiano.it

 

MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO

Nel corso di un vertice internazionale il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio ha confidato che Mario Draghi starebbe lavorando a una staffetta con Daniele Franco. L'attuale premier andrebbe al Quirinale, il ministro dell'Economia traslocherebbe a Palazzo Chigi.

 

Un'indiscrezione riportata da Repubblica che agita il mondo politico, visto che a febbraio si dovrà votare per il nuovo inquilino del Colle. Una prospettiva che da mesi viene riferita, ma stavolta c'è l'imprimatur, anche se in versione non ufficiale. di un alto esponente del governo Draghi. Uno scenario che molti auspicano, ma non di facile soluzione.

 

mario draghi luigi di maio 1 mario draghi luigi di maio 1

Sempre secondo la confidenza del responsabile della Farnesina, l'obiettivo di Daniele Franco sarebbe quello di traghettare il governo fino a settembre del 2022. Il termine naturale della legislatura è nella primavera del 2023.

 

Il responsabile dell'Economia oggi, giovedì 2 dicembre, sarà a Strasburgo per la commemorazione di Valéry Giscard d'Estaing. Un fatto che dimostra il legame di fiducia che lo lega al premier Draghi. Ma l'ipotesi di Di Maio è un'opzione non priva di incognite.

 

GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI

Secondo Repubblica, "così si rischia di ingabbiare il Pd in un accordo di unità nazionale dal quale Salvini potrebbe sfilarsi poco dopo, tornando a saldarsi con Giorgia Meloni in vista delle politiche. E non si sa se i 5S sosterrebbero questa ipotesi.

 

E, infine, l'attuale ministro del Tesoro avrebbe la forza per gestire una maggioranza che va dal Carroccio al Pd, e che lo stesso Draghi a volte fatica a contenere?". Tutto, comunque, dipende dalla scelta che farà Mario Draghi che, fino ad ora, non ha ancora fatto sapere nulla del suo futuro politico. Chi lo spinge al Quirinale è ancora Giancarlo Giorgetti . Alla domanda sul balletto "Draghi sì, Draghi no" al Colle non rischia di spezzare la corda, ha risposto: "Dipende dalla qualità della corda".

DANIELE FRANCO E MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO E MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI LUIGI DI MAIO GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI LUIGI DI MAIO MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO

 

mario draghi luigi di maio mario draghi luigi di maio

 

Condividi questo articolo

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

E’ TORNATO L’ASILO MARIUCCIA – LITE DA POPPANTI TRA CARLO CALENDA E MATTEO SALVINI – IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” SMONTA L’INTENZIONE DI SALVINI DI VOLARE A MOSCA: “PIANTALA DI DIRE CAZZATE, PERCHÉ LA GUERRA È UNA COSA SERIA E DRAMMATICA. QUINDI VAI A BACIARE IL CACIOCAVALLO, SALUTA LE MUCCHE SULLA SPIAGGIA E LASCIA LAVORARE GLI ADULTI” – LA REPLICA DEL LEGHISTA: “CALENDA DICE CHE NEPPURE SU MARTE DAREBBERO INCARICHI DI GOVERNO AL M5S E CHE SAREBBE PREFERIBILE FDI? ALLORA GLI CONSIGLIO DI ANDARE A VIVERE SU MARTE, IN COMPAGNIA DELLA MELONI…”

"L'ALLEANZA M5S-PD NON FUNZIONA E SE A METÀ GIUGNO VERRÀ MESSA LA FIDUCIA SUL DECRETO AIUTI, TORNERÒ A FARE IL SENATORE…" – IL CAPODELEGAZIONE M5S AL GOVERNO E MINISTRO DELL’AGRICOLTURA, STEFANO PATUANELLI, CERTIFICA L’INSOFFERENZA RECIPROCA TRA DEM E GRILLINI: “NON POSSIAMO STARE ASSIEME SOLO NELLA CONVINZIONE CHE NON DEVONO GOVERNARE GLI ALTRI. CI SONO TROPPI SCONTRI. PARTIAMO DAL PROGETTO PER LA SICILIA, NON DAI NOMI – L’INCENERITORE A ROMA? ADESSO È EVIDENTE CHE TUTTE LE CRITICHE CHE VENIVANO FATTE A VIRGINIA RAGGI ERANO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALI…”

LA SOLITA “SALVINATA” – PRIMA IPOTIZZA UN VIAGGIO DIPLOMATICO A MOSCA, POI SALVINI E’ COSTRETTO A FARE DIETROFRONT: “NON HO CERTEZZE CHE CI ANDRÒ, CI STIAMO LAVORANDO. E SI VA SE SERVE, CERTEZZE NON CE NE SONO” – NEL FRATTEMPO SI SONO INCAZZATI TUTTI, DALL’IPER-ATLANTISTA GUERINI (“VIAGGIO IMPROBABILE, NO COMMENT”) A ENRICO LETTA (“VUOLE ANDARE DOVE GLI BATTE IL CUORE”) – IL GELO DI DRAGHI CERTIFICATO DALLE VOCI DI PALAZZO CHIGI: “E’ UNA NOTIZIA CHE SI COMMENTA DA SOLA”