SEGNATEVI LE PAROLE DI PAOLO BERLUSCONI: "NESSUNO DELLA FAMIGLIA HA INTENZIONE DI SCENDERE IN POLITICA" – È VERO CHE A PIER SILVIO NON INTERESSA LA DISCESA IN CAMPO, MA NESSUNO SI È ACCORTO, COME DAGO DIXIT, CHE LA VERA EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA: E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE A MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONI E, A ROMA, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA"

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.leggo.it

 

PAOLO E SILVIO BERLUSCONI PAOLO E SILVIO BERLUSCONI

La famiglia Berlusconi «è sempre vicina» a Forza Italia «ma penso che nessuno della famiglia abbia intenzione di entrare nell'agone ma di essere sempre e comunque vicini al partito». Lo ha detto Paolo Berlusconi, arrivando al convegno di Forza Italia sui diritti degli animali che vede tra i relatori la figlia Nicole.

 

«Alle Europee ci aspettiamo un buon risultato, per il bene della coalizione, visto che Antonio Tajani e tutto il gruppo hanno fatto un ottimo lavoro. Noi come famiglia siamo vicini e soddisfatti che Antonio continui il lavoro di Silvio. Credo che ognuno debba svolgere il proprio ruolo per rafforzarsi e così facendo rafforza la coalizione di centrodestra. È chiaro che ci può essere un momento in cui uno può prevalere sull'altro e viceversa. […]».

 

MARINA BERLUSCONI - prima del film ennio doris a roma MARINA BERLUSCONI - prima del film ennio doris a roma

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”

 

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/flash-ndash-mentre-tanti-cianciano-tenero-pier-silvio-capo-forza-391281.htm

paolo berlusconi prima del film ennio doris a roma paolo berlusconi prima del film ennio doris a roma i figli di silvio berlusconi con paolo e marta fascina i figli di silvio berlusconi con paolo e marta fascina pier silvio berlusconi pier silvio berlusconi pier silvio marina berlusconi pier silvio marina berlusconi paolo berlusconi ai funerali del fratello paolo paolo berlusconi ai funerali del fratello paolo MARINA PIER SILVIO E PAOLO BERLUSCONI MARINA PIER SILVIO E PAOLO BERLUSCONI paolo maldini silvio berlusconi carlo ancelotti 3 paolo maldini silvio berlusconi carlo ancelotti 3

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI