SOLDI CHE ENTRANO, SOLDI CHE ESCONO: TRUMP RESTA AL VERDE – L’EX PRESIDENTE HA TROVATO I 175 MILIONI DI DOLLARI PER LA CAUZIONE NEL PROCESSO CHE LO VEDE ACCUSATO DI FRODE. E HA EVITATO L’UMILIAZIONE DEL SEQUESTRO DEI BENI – MA, NELLE STESSE ORE, SONO CROLLATE A WALL STRETT LE QUOTAZIONI DI TRUMP MEDIA & TECHNOLOGY GROUP E IL TYCOON HA VISTO SVANIRE DUE MILIARDI DI DOLLARI – DA QUANDO HA LASCIATO LA CASA BIANCA, “THE DONALD” HA SGANCIATO OLTRE 100 MILIONI IN SPESE LEGALI. E ORA CHIEDE LA RICUSAZIONE DEL GIUDICE DEL CASO STORMY DANIELS

-

Condividi questo articolo


1 - TRUMP CHIEDE CHE IL GIUDICE DEL CASO PORNOSTAR SI RICUSI

donald trump - comizio in ohio donald trump - comizio in ohio

 (ANSA) - Donald Trump ha avviato l'iter per chiedere che Juan Merchan, il giudice del caso pornostar, si ricusi per conflitti di interesse, essendo la figlia una consulente politica dei dem. L'ex presidente aveva avanzato la stessa istanza lo scorso anno, ma il giudice l'aveva respinta dopo che una commissione etica aveva escuso che il lavoro della figlia ponesse ragionevoli questioni sulla sua imparzialita'. Il processo e' fissato per il 15 aprile. (ANSA).

 

2 - TRUMP, 'CON BIDEN BAGNO DI SANGUE AL CONFINE COL MESSICO'

DONALD TRUMP AL CONFINE CON IL MESSICO DONALD TRUMP AL CONFINE CON IL MESSICO

(ANSA) - "Bagno di sangue", "carneficina", "caos": sono le parole usate da Donald Trump per attaccare la politica migratoria del suo rivale Joe Biden in un comizio in Michigan, prima di atterrare per un altro raduno in Wisconsin, due stati 'battleground' che ha perso nel 2016. Il tycoon ha rispolverato la controversa immagine del "bagno di sangue" (Bloodbath) che aveva evocato come scenario per una sua eventuale sconfitta elettorale e l'ha appiccicata al confine col Messico di Joe Biden", sotto la cui presidenza "ogni stato è diventato uno stato di confine e ogni città una città di frontiera". Il partito repubblicano nel frattempo ha lanciato il sito "BidenBloodbath.com" che mette in guardia contro una "invasione (di migranti, ndr) sostenuta e facilitata da Joe Biden". (ANSA).

 

3 - TRUMP SULLE MONTAGNE RUSSE VERSA 175 MILIONI DI CAUZIONE MA PERDE 2 MILIARDI AL NASDAQ

Estratto dell’articolo di Massimo Basile per “la Repubblica”

 

DONALD TRUMP DONALD TRUMP

Donald Trump ha trovato i soldi per evitare l’umiliazione del sequestro dei beni in relazione al processo per frode, ma nelle stesse ore la sua compagnia, a Wall Street, ha perso due miliardi di dollari. Il mese di aprile del tycoon è cominciato come era finito marzo: sulle montagne russe, tra piccole vittorie e rumorosi tracolli.

 

Lunedì Trump ha presentato il bond di garanzia da 175 milioni richiesto per l’appello alla condanna per frode fiscale e finanziaria nei confronti dello Stato di New York. L’ex presidente è stato dichiarato colpevole di aver gonfiato per anni il valore degli asset della sua compagnia, la Trump Organization, per ottenere prestiti bancari a condizioni vantaggiose, e condannato a pagare 454 milioni di dollari.

 

donald trump - comizio in ohio donald trump - comizio in ohio

La procuratrice generale di New York, Letitia James, era già pronta a sequestrare la Trump Tower, sulla Fifth Avenue, quando i giudici della corte d’appello statale hanno ridotto da 454 a 175 milioni la cifra da depositare in attesa dell’appello. [...]

 

Ma mentre il denaro entrava da una parte, usciva dall’altra: in poche ore di contrattazioni al Nasdaq, la Trump Media & Technology Group, proprietaria del social Truth, ha perso lunedì due miliardi di dollari. La scorsa settimana la compagnia aveva raggiunto una valutazione record di otto miliardi, con rialzi abnormi che avevano suscitato perplessità. Due giorni fa il titolo è andato a picco, perdendo più del 20 per cento.

 

donald e melania trump 4 donald e melania trump 4

A trascinare verso il basso le quotazioni sono stati i dati deludenti di Truth. Il tycoon lo aveva presentato come fenomeno che avrebbe fatto impallidire la concorrenza, ma la realtà è apparsa molto diversa. La compagnia ha generato nel quarto trimestre ricavi per soli 750 mila dollari, per un totale di 4,1 milioni nel 2023. In un anno ha perso 58 milioni. I numeri sono apparsi così magri da spingere i revisori dei conti a osservare come le perdite «alimentano dubbi sulla sua capacità di continuare» a operare a Wall Street.

 

donald trump con le sue sneakers dorate donald trump con le sue sneakers dorate

Ieri, a un certo punto, le azioni avevano recuperato intorno all’ 8%. Ma Trump, che detiene il 57 per cento delle azioni, non può cedere i titoli prima di sei mesi dall’ingresso a Wall Street. A corto di liquidità, dovrà trovare soldi in un altro modo per pagare, nel caso perda l’appello, il mezzo miliardo di dollari che lo Stato di New York gli ha chiesto.

 

Le uniche certezze sono le uscite: da quando ha lasciato la Casa Bianca, Trump ha versato più di 100 milioni in spese legali. In media, 90 mila dollari al giorno. Secondo il New York Times , il tycoon ha utilizzato parte delle donazioni alla sua campagna elettorale, ma i soldi stanno finendo. [...]

donald trump donald trump DONALD TRUMP - JOE BIDEN - IMMAGINE CREATA DA MIDJOURNEY DONALD TRUMP - JOE BIDEN - IMMAGINE CREATA DA MIDJOURNEY

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)