LA SPINA NEL FIANCO DI MELONI-SALVINI SI CHIAMA BERLUSCONI - DAL DECRETO RAVE ALLA SPAZZACORROTTI, GLI EMENDAMENTI PRESENTATI DA FORZA ITALIA FANNO INCAZZARE LA LEGA - LA CONTROMOSSA DI PALAZZO CHIGI CHE BLOCCA LE 90 RICHIESTE DI MODIFICA GIÀ PRESENTATE TRA CUI LE 14 DEL FORZISTA ZANETTIN. LA PROPOSTA DI DEPOTENZIAMENTO DELLA "SPAZZACORROTTI", LEGGE BANDIERA DEL M5S VOLUTA DALL'EX GUARDASIGILLI BONAFEDE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Francesco Bechis per “il Messaggero”

 

berlusconi meloni salvini alle consultazioni berlusconi meloni salvini alle consultazioni

Si scrive decreto rave. Si legge? Dipende. Nel pacchetto di emendamenti presentati da Forza Italia al Senato - il primo decreto del governo Meloni è all'esame della Commissione Giustizia - c'è di tutto. Riforma del sistema penale, abolizione de-facto della legge Spazzacorrotti, riduzione delle pene per i raduni illegali. Sono alcune delle proposte depositate dal senatore azzurro Pierantonio Zanettin.

 

IL NODO INTERCETTAZIONI

Non tutte mettono d'accordo la maggioranza. È il caso delle norme contro i rave illegali. FI chiede di diminuire la pena per chi organizza i raduni: non più dai 3 ai 6 anni come previsto nel testo iniziale ma «dai due ai quattro anni». Tradotto: niente intercettazioni, che per legge la magistratura può utilizzare solo per reati puniti con una pena dai cinque anni in su.

 

meloni berlusconi salvini al quirinale meloni berlusconi salvini al quirinale

Lo sconto però non convince affatto la Lega. E infatti un emendamento presentato da Giulia Bongiorno, presidente della Commissione e relatrice del decreto, ripropone la sanzione tale e quale: pena minima 3 anni, pena massima sei. Dunque, le intercettazioni restano.

 

«Non possiamo snaturare il decreto» spiega una prima linea del Carroccio garantendo l'«assoluto allineamento» sul punto con FdI. Si vedrà se nell'esame in commissione, al via oggi alle 15, le distanze resteranno. Anche se i forzisti si dicono pronti a dare battaglia per rendere più soft la norma. Convergenze si trovano invece sulla tipizzazione del reato. Un emendamento di Zanettin propone di alzare la soglia minima dei partecipanti da 50 a 100 e di inserire un riferimento esplicito allo «spaccio di sostanze stupefacenti» per distinguere un rave da una qualsiasi manifestazione nelle scuole e nelle università.

 

Un cruccio già emerso all'indomani dello sgombero del rave nel modenese a fine ottobre.

Quanto alle multe per chi partecipa ai party illegali - dai 1000 ai 10mila euro - l'idea è dividere i proventi: metà allo Stato, metà al «comune sul cui territorio si è accertata la violazione, anche al fine di far fronte alle spese di ripristino dei luoghi».

 

berlusconi meloni salvini al quirinale berlusconi meloni salvini al quirinale

Novità in arrivo anche sul fronte Giustizia. Ancora una volta è FI a lanciare il sasso. Chiedendo di abolire il ricorso del pubblico ministero contro le sentenze di assoluzione (art. 593 del codice di procedura penale). Fatta eccezione per il ricorso in cassazione per «manifesto travisamento od omesso esame dei fatti o documenti decisivi per il giudizio che hanno formato oggetto di un punto controverso sul quale la sentenza si è pronunciata».

 

(...)

 

Fra le pieghe degli emendamenti spunta infatti una proposta forzista su un altro dei pilastri del provvedimento: l'ergastolo ostativo. E cioè depennare dai reati ostativi - quelli che impediscono al detenuto di accedere ai benefici alternativi al carcere - i reati contro la Pubblica amministrazione, corruzione inclusa. Una retromarcia che di fatto annullerebbe lo Spazzacorrotti, la legge bandiera del Movimento Cinque Stelle approvata nel 2019 con il governo Conte 1. Zanettin, firmatario, la mette così: «Vogliamo ripristinare la situazione precedente a una legge manettara e giustizialista». Dubbi in area Lega. Che firma invece un'altra proposta: il Pm che deve partecipare alle udienze del Tribunale di Sorveglianza in cui si decide la concessione dei benefici «potrà farlo anche da remoto».

meloni salvini berlusconi al quirinale meloni salvini berlusconi al quirinale silvio berlusconi e matteo salvini si guardano mentre giorgia meloni parla di unanimita' nella coalizione silvio berlusconi e matteo salvini si guardano mentre giorgia meloni parla di unanimita' nella coalizione

 

Condividi questo articolo

politica

“PSICO-NANO” UMILIATO DA “NANA BIONDA” – AL SUCCESSO DI FDI SI ACCOMPAGNA IL TRAMONTO DI FORZA ITALIA A MILANO, L’ANTICA ROCCAFORTE DOVE TUTTO EBBE INIZIO. - MA NON È SOLO IL CAVALIER POMPETTA A ESSERE TRAVOLTO DA QUESTO SLITTAMENTO DEI RAPPORTI DI FORZA, ANCHE LA LEGA RISCHIA LA STESSA SORTE - A DIFFERENZA DI SALVINI, RESTA IL FATTO CHE BERLUSCONI NON HA OGGI UN’ALTRA STRADA DA IMBOCCARE. SE L’ELETTORATO LIBERAL-CONSERVATORE, SPECIE AL NORD, SI SPOSTA A DESTRA, EGLI NE PORTA LA RESPONSABILITÀ…

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”