LA STAGIONE DEI CACCIA È APERTA! – DOPO LA POLONIA ANCHE LA SLOVACCHIA INVIA 13 JET DA COMBATTIMENTO “MIG-29” ALL’ESERCITO UCRAINO. IERI IL PRESIDENTE POLACCO DUDA HA ANNUNCIATO PER LA PRIMA VOLTA L’INVIO DI AEREI DA COMBATTIMENTO DI UN PAESE NATO A KIEV, OGGI IL PREMIER HEGER LO HA SEGUITO – ZELENSKY ESULTA PER I VELIVOLI, I RUSSI ROSICANO (“VERRANNO DISTRUTTI”) E BIDEN OSSERVA DA LONTANO E NON SI SBILANCIA: PER ORA NIENTE JET “F-16” PER IL PRESIDENTE UCRAINO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Alessandra Mancini per www.open.online

 

Eduard Heger Eduard Heger

Le prime resistenze sull’invio di caccia in Ucraina stanno crollando. Non da parte di tutti i Paesi della Nato, certo. Alla decisione della Polonia di fornire a Kiev alcuni jet di provenienza sovietica MiG-29, si è aggiunta quella della Slovacchia.

 

La conferma è arrivata in mattinata dal governo del premier Eduard Heger: tredici MiG-29 raggiungeranno la capitale ucraina. «Abbiamo preso una decisione costituzionalmente legittima. La presidente Zuzana Caputova è informata di tutto», ha dichiarato Heger. Alcuni di essi, ha aggiunto il ministro della difesa Jaroslav Nad, «saranno utilizzati come pezzi di ricambio».

Eduard Heger. Eduard Heger.

 

Polonia e Slovacchia sono attualmente gli unici due paesi dell’Alleanza Atlantica a rispondere alla richiesta di caccia su cui l’Ucraina insiste dall’inizio dell’invasione russa e che ha rinnovato dopo l’invio di tank a Kiev e davanti al Consiglio europeo del 10 febbraio. […]

 

Il nuovo pacchetto di armi slovacco è stato invece accolto con significativa gratitudine dal presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. «I nostri accordi a Bruxelles stanno funzionando! Durante una telefonata, ho ringraziato il primo ministro slovacco Eduard Heger per un consistente pacchetto di armi per la difesa aerea, compresi gli aerei MiG. Apprezzo il suo ruolo personale nel sostenere l’Ucraina. Non vedo l’ora di continuare il nostro dialogo a Kiev», ha scritto su Twitter il leader di Kiev.

 

caccia mig 29 2 caccia mig 29 2

Prevedibile la reazione di Mosca. «I caccia donati da Polonia e Slovacchia saranno distrutti», è la minaccia di Dmitry Peskov, citato dalla Tass. […] La decisione dei due Paesi segna sì, una svolta, ma – almeno per ora – non implica un generale cambiamento di linea nell’ambito della Nato. […]

volodymyr zelensky. volodymyr zelensky.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”