SVENDIAMOCI PURE I GIOIELLI DI FAMIGLIA – LA PROPOSTA DI ZANDA (SENATORE E TESORIERE PD): "PER LA RICOSTRUZIONE PRONTI ANCHE A DARE IN PEGNO MONTECITORIO E PALAZZO CHIGI" - "SI TRATTA DI BENI GIÀ ISCRITTI NEL BILANCIO DELLO STATO PER UN VALORE CHE SI AGGIRA INTORNO AI 60 MILIARDI. COLOSSEO E FONTANA DI TREVI? NON RIENTRANO NEI BENI DA IPOTECARE. NON SIAMO IN UN FILM DI TOTÒ" – QUANDO BORGHEZIO PROPOSE DI VENDERE LA SARDEGNA…

-

Condividi questo articolo

https://www.open.online/2019/02/25/quando-borghezio-voleva-vendere-la-sardegna-per-saldare-il-debito-pubblico/

 

 

Da Libero Quotidiano

luigi zanda luigi zanda

L'idea per affrontare la crisi potrebbe essere quella di impegnare i gioielli di famiglia. Ovvero, "se l'Europa non ci aiuta il premier Conte ha detto che faremo da soli. Ma siccome nessun prestito ci verrà mai concesso senza garanzie", propone Luigi Zanda in una intervista a La Repubblica, "per far fronte al nostro fabbisogno straordinario senza far esplodere il debito pubblico potremmo dare in garanzia il patrimonio immobiliare di proprietà statale".
 
Il senatore e tesoriere del Partito democratico afferma che la garanzia potrebbe essere costituita "almeno per la parte costituita dagli edifici che ospitano uffici, sedi delle grandi istituzioni, ministeri, teatri, musei...", come lo possono essere ad esempio Montecitorio, sede della Camera, o Palazzo Chigi, sede del governo. Chiosa Zanda: "Siamo in guerra. E poi parliamo di garanzia, non di vendita".
 
ZANDA

Estratto dell’articolo di Giovanna Vitale per la Repubblica

 

Bisognerà impegnare i gioielli di famiglia per rimettere in piedi l' Italia, quando l' emergenza sarà finita. È la tesi del senatore Luigi Zanda, che propone di utilizzare il nostro vasto patrimonio pubblico - comprese le sedi istituzionali - come garanzia per finanziare la ricostruzione. “Anche Montecitorio o palazzo Chigi? E perché no? Siamo in guerra...” Colosseo e Fontana di Trevi, per intenderci, non rientrerebbero fra i beni da ipotecare, giusto?

«Mi pare evidente. Non siamo in un film di Totò. Ma credo sia meglio dare in garanzia il nostri immobili pubblici anziché affidarsi alla Troika. Che vorrebbe dire cessione di sovranità

PALAZZO CHIGI PALAZZO CHIGI

 

 

luigi zanda ugo sposetti foto di bacco luigi zanda ugo sposetti foto di bacco PALAZZO CHIGI PALAZZO CHIGI zanda zanda

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGONOTA - MATTARELLA SBAGLIA DELEGANDO AL PARLAMENTO LA RIFORMA DI UN CSM PIOMBATO IN UNA FOGNA A CIELO APERTO CON LE INTERCETTAZIONI DI PALAMARA - SE LO SCIOGLIMENTO DEL CSM SAREBBE UN ATTO AUTORITARIO, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PUÒ PERMETTERSI INVECE DI ESSERE AUTOREVOLE USANDO LA SUA “MORAL SUASION” PER FAR DIMETTERE INTANTO IL VICEPRESIDENTE DEL CSM DAVID ERMINI. GLI ALTRI CONSIGLIERI SEGUIRANNO E, UNA VOLTA VENUTO A MENO IL NUMERO LEGALE DEI COMPONENTI, AVRÀ CAMPO LIBERO PER UNA RIFORMA CHE “CONTRIBUISCA A RESTITUIRE APPIENO ALL'ORDINE GIUDIZIARIO IL PRESTIGIO E LA CREDIBILITÀ INCRINATI”