I TERRORISTI DI PUTIN DICHIARANO GUERRA ALL’UNIONE EUROPEA – LA BRIGATA DI MERCENARI WAGNER, CHE COMBATTE IN UCRAINA PER IL CREMLINO, HA MANDATO UN PIZZINO ALL’UNIONE EUROPEA: VI SPACCHIAMO LA TESTA A MARTELLATE – IL PARLAMENTO EUROPEO HA INSERITO, OLTRE ALLA RUSSIA, IL GRUPPO PARAMILITARE TRA LE ORGANIZZAZIONI TERRORISTICHE - LA RISPOSTA? UN VIDEO IN CUI UN MERCENARIO WAGNER CONSEGNA IL MARTELLO INSANGUINATO (CHE DI SOLITO VIENE USATO PER PUNIRE I DISERTORI) A UN FINTO RAPPRESENTANTE DELL'UNIONE EUROPEA PER METTERE IN CHIARO LE LORO (CATTIVE) INTENZIONI... - VIDEO

Condividi questo articolo


BRIGATA WAGNER MINACCIA L UNIONE EUROPEA

 

 

 

Jacopo Iacoboni per www.lastampa.it

 

IL MARTELLO DELLA BRIGATA WAGNER IL MARTELLO DELLA BRIGATA WAGNER

Evgheny Prigozhin è ormai una variabile totalmente fuori controllo nel grande gioco del potere russo. In parte usato da Putin, ma in (grande) parte ormai attore in proprio, in vista di scenari che potrebbero crearsi – o essere aperti con la forza – a Mosca e Pietroburgo: gli scenari della violenza.

 

Ieri sera tardi il fondatore del Gruppo mercenario Wagner – e di nuovi altri gruppi mercenari che stanno nascendo –, che ieri è stato inserito ufficialmente dall’Unione europea tra le «organizzazioni terroristiche», ha risposto e fatto rispondere a modo suo all’Europa: con la violenza e le minacce. La storia va raccontata dall’inizio.

 

Sul canale telegram di Concord Group, la casa madre societaria di Prigozhin, che controlla diverse di queste attività, alle sette di sera la redazione di RIA URA.RU ha chiesto a Prigozhin un commento sul fatto che il Gruppo Wagner venisse etichettato dall’Unione europea come organizzazione terroristica. La risposta di Prigozhin è stata, testuale, come al solito tra sarcasmo e minaccia: «Oggi ho tenuto una riunione dei comandanti della PMC Wagner e ho comunicato loro questa triste notizia.

 

IL MARTELLO DELLA BRIGATA WAGNER 2 IL MARTELLO DELLA BRIGATA WAGNER 2

Non so quale sia la legge che guida il Parlamento europeo, ma secondo la nostra legislazione, da oggi dichiariamo sciolto il Parlamento europeo. Ma prima che questa procedura entri in vigore, sono stato incaricato di presentare una richiesta di informazioni al Parlamento europeo. Se avete il loro contatto, propongo di farlo insieme - preparare e inviare».

 

Che cosa fosse questa “richiesta di informazioni” lo si è capito un paio di ore dopo: come sempre, Prigozhin suona il dogwhistle, il fischietto, e una costellazione – da account a canali telegram – si muove. Il principale e più autorevole, diciamo così, di questi canali affiliati o vicini, è Grey Zone, il canale telegram già famoso per varie imprese, tra cui pubblicare il video del presunto traditore di Wagner ucciso a martellate in testa, di cui La Stampa ha raccontato in anteprima.

 

IL MARTELLO DELLA BRIGATA WAGNER 1 IL MARTELLO DELLA BRIGATA WAGNER 1

Ieri Wagner ha pubblicato un altro video – che stavolta possiamo pubblicare – in cui la violenza è solo sottintesa, ma non in modo particolarmente criptico: un uomo consegna a un finto funzionario dell’unione europea il contenitore di un violino (i mercenari di Wagner tra loro si chiamano “i musicisti”, e il Gruppo “l’orchestra”), ma dentro la custodia c’è un enorme martello, con tracce di sangue e inciso il logo della brigata mercenaria.

 

Yevgeniy Prigozhin e Vladimir Putin Yevgeniy Prigozhin e Vladimir Putin

Grey Zone ricapitola la vicenda e l’intenzione di Prigozhin di chiedere informazioni» all’Ue, e aggiunge: «Prigozhin ha esaudito il suo desiderio e ha consegnato al rappresentante del Parlamento europeo una sorta di “valigetta informativa”, che esteriormente assomiglia a una custodia per il trasporto di uno strumento musicale, ma non contiene affatto un violino... È vero, non so dire cosa possa significare il contenuto. È la prima volta che vedo una cosa del genere». Il tutto, per protestare con chi li ha definiti ormai assimilabili a terroristi.

evgenij prigozhin e vladimir putin 2 evgenij prigozhin e vladimir putin 2 evgenij prigozhin 2 evgenij prigozhin 2

 

 

Condividi questo articolo

politica

ORGE, METANFETAMINE E VIDEOGAME: LA VITA FOLLE DI SAM BANKMAN-FRIED E CAROLINE ELLISON – LUI È IL FONDATORE DI FTX, L’IMPERO DELLE CRIPTOVALUTE DA 32 MILIARDI DI DOLLARI FINITO IN BANCAROTTA. LEI LA CEO DI ALAMEDA RESEARCH, LA SOCIETÀ CHE FINANZIAVA GLI INVESTIMENTI GONFIATI E TRUFFALDINI DELLA SOCIETÀ DI TRADING. INSIEME, DA UN RESORT DI LUSSO ALLE BAHAMAS, PRATICAVANO IL POLIAMORE, E DA STRAFATTI SOGNAVANO DI CAMBIARE IL MONDO. NON È ANDATA PROPRIO COME VOLEVANO – TUTTA LA STORIA

“LA DIRIGENZA DI SINISTRA ITALIANA SAPEVA, LI AVEVO AVVISATI IO” – L’EX SENATRICE ELENA FATTORI INCASTRA FRATOIANNI SUL CASO SOUMAHORO: “HO VISITATO LA COOPERATIVA KARIBU. ERA SPORCA, FATISCENTE, C’ERA LA MUFFA. NE HO VISTE TANTE DI STRUTTURE, MA QUELLA È STATA LA PEGGIORE” – “NE HO PARLATO CON FRATOIANNI, MA NON HA PENSATO CHE FOSSE RILEVANTE. D'ALTRONDE SOUMAHORO AVEVA UN GRANDE PESO MEDIATICO. ERA APPENA COMPARSO SU UNA COPERTINA DI UN SETTIMANALE COME FUTURO LEADER DELLA SINISTRA” – “ESPELLERLO ORA SAREBBE IPOCRITA: LO HANNO CERCATO PER LA CANDIDATURA SAPENDO CHI ERA”