TRUMP NE HA PER TUTTI - STAVOLTA FINISCE NEL MIRINO IL CAPO DELLO STATO MAGGIORE CONGIUNTO USA MARK MILLEY - SECONDO “THE DONALD”, RISPONDENDO AD UNA TELEFONATA DI PECHINO SULL'ONDA DELL'ASSALTO AL CONGRESSO E RASSICURANDOLA CHE GLI USA NON ERANO SOTTO ATTACCO, HA COLLUSO CON LA CINA IN UN ATTO CHE “UN TEMPO SAREBBE STATO PUNITO CON LA MORTE” - GLI ALTRI CANDIDATI REPUBBLICANI ALLE PRIMARIE HANNO STIGMATIZZATO LE PAROLE DEL TYCOON: “SUGGERIRE CHE IL GENERALE MILLEY DEBBA ESSERE GIUSTIZIATO È IMPERDONABILE E PERICOLOSO”

-

Condividi questo articolo


TRUMP EVOCA CONDANNA A MORTE PER CAPO STATO MAGGIORE, POLEMICHE

mark esper donald trump mark milley mark esper donald trump mark milley

 (ANSA) - WASHINGTON, 28 SET - Non si placano le polemiche dopo che Donald Trump ha suggerito che il capo dello stato maggiore congiunto Usa Mark Milley, rispondendo ad una telefonata di Pechino sull'onda dell'assalto al Capitol e rassicurandola che gli Usa non erano sotto attacco, ha colluso con la Cina in un atto che un tempo sarebbe stato punito con la morte. Miller ha rivelato di aver preso "adeguate misure" per proteggere se stesso e la sua famiglia, mentre tre candidati presidenziali repubblicani hanno stigmatizzato le parole del tycoon.

 

MARK MILLEY MARK MILLEY

"Non c'è alcun motivo di usare quel tipo di linguaggio nei confronti di qualcuno che ha indossato l'uniforme degli Stati Uniti e ha prestato servizio con tale distinzione", ha detto l'ex vicepresidente Mike Pence. "Parole riprovevoli", gli ha fatto eco l'ex governatore del New Jersey Chris Christie, definendo Trump "un bambino totale".

 

"Suggerire che il generale Milley debba essere giustiziato è imperdonabile e pericoloso", ha detto l'ex governatore dell'Arkansas Aas Hutchinson. "Anche se alcuni giustificheranno quest'ultimo oltraggio sostenendo che Trump è semplicemente Trump - ha ammonito - il fatto è che la sua dichiarazione mette in pericolo le persone ed è un insulto per coloro che prestano servizio nell'esercito".

 

donald trump MARK MILLEY donald trump MARK MILLEY

TRUMP NON CHIEDERÀ DI SPOSTARE PROCESSO GEORGIA A CORTE FEDERALE

 (ANSA) - WASHINGTON, 28 SET - Donald Trump non tenterà di trasferire a livello federale il processo ad Atlanta per aver tentato di ribaltare il voto in Georgia. Lo hanno reso noto i suoi difensori. Si tratta di una mossa a sorpresa, che disattende quanto ventilato dagli stessi legali. Ma c'è da ricordare che Marc Meadows, l'ex chief of staff di Trump, si è visto respingere una istanza in questo senso.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…