TUTTO PUR DI ACCONTENTARE LA “CASTA” DEI BALNEARI – FRATELLI D'ITALIA VORREBBE METTERE A GARA SOLO LE CONCESSIONI BALNEARI SUCCESSIVE ALL’ENTRATA IN VIGORE DELLA DIRETTIVA BOLKESTEIN, NEL 2009 – UN COMPROMESSO PER VENIRE INCONTRO ALLE RICHIESTE DELLA COMMISSIONE UE E AL TEMPO STESSO GARANTIRE UNA PROROGA ALLA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI STABILIMENTI – CHE NE PENSERANNO A BRUXELLES? E COSA DIRÀ MATTARELLA, CHE HA GIÀ BACCHETTATO LA “DICETTA” SU QUESTO PUNTO?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Franco Bechis per “Il Messaggero”

 

concessioni balneari concessioni balneari

Da un lato la tagliola della Commissione Ue. Dall'altro lo sguardo vigile del Colle. Una strada stretta attende al varco il governo Meloni alle prese con la annosa questione delle concessioni balneari.

 

[…] L'ultimo piano partorito dalle fila di Fratelli d'Italia prevede di rispolverare una proposta del partito risalente al 2018. E cioè sbloccare l'impasse ricorrendo a un "doppio binario". Mettendo a gara le concessioni balneari successive all'entrata in vigore della Direttiva Bolkestein, la legge sulla concorrenza Ue del 2009, le altre invece no.

 

sergio mattarella e giorgia meloni alla scuola nazionale dell amministrazione 3 sergio mattarella e giorgia meloni alla scuola nazionale dell amministrazione 3

Un compromesso per venire incontro alle richieste di Bruxelles e però al tempo stesso garantire una proroga alla grande maggioranza degli stabilimenti, assegnati ben prima che la direttiva di Bruxelles diventasse realtà. Del resto, la proposta di legge di FdI presentata a inizio della scorsa legislatura ha tra i primi firmatari Giorgia Meloni, «e se c'è la sua firma…», nicchiano dal partito.

 

[…] Un parere legale chiesto a uno studio fiorentino rassicura il governo sulla solidità giuridica di una simile soluzione. Chi va rassicurata, però, è anzitutto la Commissione europea. Lo sa bene Raffaele Fitto: dalle sue interlocuzioni a Bruxelles sul piano di ripresa il ministro al Pnrr ha raccolto lo scetticismo dei commissari sui temporeggiamenti del governo, che nel decreto milleproroghe ha inserito il rinvio di due anni della messa a gara delle concessioni fino al 2025, inizialmente prevista per dicembre 2023.

 

mappa dei canoni demaniali degli stabilimento balneari in italia mappa dei canoni demaniali degli stabilimento balneari in italia

Sul destino delle spiagge italiane incombe peraltro la procedura di infrazione già aperta dalla Commissione Ue contro l'Italia - quest'anno, a causa dell'inflazione, le multe europee costeranno a Roma il 20% di più - al centro dei rilievi del Colle, che ha promulgato con riserva il decreto milleproroghe.

 

Senza contare le peripezie giurisdizionali. Dalla pronuncia del Consiglio di Stato che ha chiesto di mettere a gara le concessioni fino all'attesissima sentenza in materia della Corte di Giustizia Ue. […]

concessioni balneari concessioni balneari concessioni balneari concessioni balneari sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni concessioni balneari concessioni balneari

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)