UN UOMO SOLO ALLO SBANDO - PER BERLUSCONI I SUOI PARLAMENTARI NON CONTANO UN CAZZO - NEL SUO PARTITO PADRONALE CONTA IL LEADER E LE USCITE DI DISSIDENTI, DA GELMINI E BRUNETTA FINO A VERSACE E BARONI, NON HANNO EFFETTO - SORGI: “BERLUSCONI IN ALTRE PAROLE PENSA CHE ANCHE IL CALO DI CONSENSI SUBITO DA FORZA ITALIA, RIDOTTA ANCHE NEI SONDAGGI AL DI SOTTO DEL 10%, SIA DIPESO DAL SUO FORZATO ALLONTANAMENTO DALLA SCENA POLITICA. CHE UN SUO RITORNO POSSA CAMBIARE LE COSE. E CHE LA GENTE NON ASPETTI CHE RIVEDERE 'BERLUSCONI PRESIDENTE'. CONVINTO LUI...”

Condividi questo articolo


Marcello Sorgi per “la Stampa”

 

BERLUSCONI CARFAGNA GELMINI BERLUSCONI CARFAGNA GELMINI

L'uscita di altre due deputate - l'ex-atleta paralimpica Giusy Versace e Annalisa Baroni - oltre all'assessore regionale alla Casa della giunta lombarda Alessandro Mattinzoli, dopo l'addio dei tre ministri di Forza Italia, aggrava la crisi di identità del partito, un problema che, come s' è visto, né Berlusconi né le persone a lui vicine intendono riconoscere e affrontare.

 

Le due deputate e l'assessore pongono infatti la questione della svolta che ha portato il Cavaliere, nel giro di mezza giornata, a schierarsi con Salvini nel dare il benservito a Draghi, rinunciando al tradizionale ruolo di moderazione avuto da Forza Italia nel centrodestra.

 

silvio berlusconi a venezia con renato brunetta 5 silvio berlusconi a venezia con renato brunetta 5

Dei tre, soprattutto Versace ha reagito anche al modo in cui sono stati trattati i ministri, dal «riposino in pace» di Berlusconi all'accenno alla statura di Brunetta della sua compagna, Marta Fascina. In un partito normale e non "personale", come ormai sono quasi tutte le forze politiche, tolto forse il Pd, i punti sollevati da Versace, Baroni e Mattinzoli sarebbero degni di discussione.

 

Tra l'altro i tre sono esponenti, non certo di secondo piano (un assessore regionale oggi vale anche più di due deputate) del partito lombardo pazientemente costruito da Gelmini, quando ne era coordinatrice, prima di essere sostituita da Ronzulli, nella convinzione, appunto che i consensi, specialmente al Nord, dove Forza Italia da tempo ha seri problemi, vadano cercati con un'organizzazione ramificata nel territorio, e non solo con il carisma del leader.

berlusconi gelmini berlusconi gelmini

 

Peraltro, nel caso del Cavaliere, piuttosto ammaccato di salute. Ma questo genere di ragionamenti, si sa, non sono mai piaciuti a Berlusconi. Contrario da sempre alla «democrazia interna», refrattario a qualsiasi contestazione che venga dal basso e sicuro che solo un'emanazione diretta dall'alto della sua volontà possa mantenere l'indispensabile rapporto diretto tra il leader e la sua gente.

 

GIUSY VERSACE SILVIO BERLUSCONI GIUSY VERSACE SILVIO BERLUSCONI

Berlusconi in altre parole pensa che anche il calo di consensi subito da Forza Italia, ridotta anche nei sondaggi abbondantemente al di sotto del dieci per cento, sia dipeso dal suo forzato allontanamento dalla scena politica quotidiana. Che un suo ritorno possa cambiare le cose. E che in sostanza la gente non aspetti altro che rivedere «Berlusconi presidente». Convinto lui.  

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! SE MATTARELLA E I SUOI CONSIGLIERI, A PARTIRE DAL POTENTE SEGRETARIO GENERALE UGO ZAMPETTI, APPREZZANO IL RAPPORTO “RAGIONEVOLE” CON GIORGIA MELONI, NON SI PUÒ DIRE ALTRETTANTO PER QUANTO RIGUARDA MATTEO SALVINI. IL QUIRINALE NON LO PUÒ VEDERE NEMMENO DIPINTO - MATTARELLA HA FIRMATO LA MANOVRA FINANZIARIA DEL GOVERNO MELONI PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE NON AVEVA NULLA DI ANTI COSTITUZIONALE. MA SUPERSERGIO HA GIÀ FATTO CAPIRE A BRUXELLES CHE I LORO EVENTUALI “NIET” SUL NO-POS FINO A 60 EURO E SUL TETTO AL CONTANTE, IMPOSTE DAL POPULISMO SENZA LIMITISMO DEL VICE PREMIER SALVINI, SARANNO ACCOLTI CON PIACERE DAL COLLE (E DALLA MELONI)

“MARIE THERESE MUKATSINDO AVEVA TRASFORMATO SE STESSA IN UNA SPECIE DI WANNA MARCHI DELL’ACCOGLIENZA” – “LA VERITÀ”: “LA KARIBU NON SAREBBE STATA UNA COOPERATIVA, MA UNA DITTA A CONDUZIONE FAMIGLIARE O AL MASSIMO UN'ASSOCIAZIONE. CHE NEL GIRO DI POCHI ANNI AVREBBE GESTITO PIÙ DI 60 MILIONI DI EURO DI FONDI PER L'ACCOGLIENZA. UN FIUME DI DENARO EROGATO SENZA CHE NESSUNO SI ACCORGESSE DELLA REALE NATURA DELLE DUE COOP. UNA PICCOLA HOLDING CHE HA POTUTO NON PAGARE OLTRE 1 MILIONI DI EURO DI TASSE E PIÙ DI 100.000 EURO DI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI” – LO STIPENDIO DA 4.500 EURO E LETTERE CHE SMENTISCONO LA MOGLIE DI SOUMAHORO

AVETE VOLUTO LA BREXIT? MO’ V’ATTACCATE! – ANCHE LA BANCA D’INGHILTERRA AMMETTE CHE L’USCITA DEL REGNO UNITO DALL’EUROPA È STATA UNA COLOSSALE CAZZATA – IL CAPO ECONOMISTA DELLA BOE, HUW PILL: “ALCUNE DELLE CARENZE OCCUPAZIONALI CHE ABBIAMO ADESSO IN PASSATO VENIVANO RICOPERTE DAL FLUSSO DI LAVORATORI EUROPEI. QUESTA OPPORTUNITÀ ORA NON C’È PIÙ” – LO STUDIO DELLA LONDON SCHOOL OF ECONOMICS: LA BREXIT À COSTATA AI BRITANNICI SEI MILIARDI IN PIÙ SOLO DI SPESA ALIMENTARE”