I VELENI DI FERRONI – TRA PADOAN E DI BATTISTA È DERBY ROMA-LAZIO SU UNICREDIT: IL GRILLINO "DESCAMISADO" HA UNA FEDE LAZIALE GRANITICA E NON PUÒ TOLLERARE CHE UN ROMANISTA RIESCA A CONQUISTARE UNICREDIT – DA CAIRO C’È TANTO PIOMBO (MASSIMO) – LA PIZZA “D’ATTORE” DI LUCA ARGENTERO

-

Condividi questo articolo

alessandro di battista allo stadio con sciarpa della lazio alessandro di battista allo stadio con sciarpa della lazio

Gianfranco Ferroni per "il Tempo"

 

 

Tra Padoan e Di Battista è derby Roma-Lazio su Unicredit

«Per Padoan a Unicredit c'è un conflitto di interessi grande come una banca», e «le ingiustizie sociali hanno un solo padre: l'accentramento di potere. Ed esiste un solo modo per contrastarlo: risolvere il conflitto di interessi. Per farlo, tuttavia, occorre coraggio e precisione di mira. Ciò che è mancato in passato quando gli stolti guardavano Berlusconi e i potenti mettevano le mani sulla luna».

 

pier carlo padoan pier carlo padoan

Alessandro Di Battista, con un editoriale pubblicato da Tpi, è andato contro la scelta di indicare l'ex ministro Pd dell'Economia Pier Carlo Padoan al vertice di Unicredit. Dibba, da buon laziale, aveva letto quanto scritto sul quotidiano “Il Tempo” di venerdì, nelle colonne dei “Veleni in piazza”, dove veniva sottolineata la passione calcistica di Padoan: dentro il suo corpo di ex titolare del dicastero di via XX Settembre batte un cuore giallorosso.

 

MASSIMO PIOMBO STEFANO BERALDO MASSIMO PIOMBO STEFANO BERALDO

La fede laziale di Di Battista è granitica: il grillino ha postato una foto con il piccolo figlio Filippo, sui gradoni dello Stadio dei Marmi, mentre guardavano insieme la curva nord dell’Olimpico. Che adesso poi un romanista riesca a conquistare Unicredit, Di Battista non può tollerarlo.

 

***

 

C’è tanto Piombo (Massimo) da Cairo

URBANO CAIRO BY MACONDO URBANO CAIRO BY MACONDO

Con una tiratura d’altri tempi, 600mila copie, di cui una buona parte allegata al settimanale “7” del Corriere della Sera per la gioia di Urbano Cairo, lo stilista Massimo Piombo ha lanciato il suo magazine free press per celebrare l’accordo con Ovs, società condotta con destrezza, data la stagione, dall’a.d. Stefano Beraldo.

 

Che ha puntato sul marchio Piombo per attirare un target, per ora solo maschile, in linea con i tempi frugali che ci attendono. La cura dell’art director Simone Baudo e la consulenza di contenuti “no fashion” di Marco Mottolese hanno completato questa prima fatica destinata a ripetersi quattro volte l’anno, seguendo il cambio delle stagioni.

 

STEFANO BERALDO MASSIMO PIOMBO STEFANO BERALDO MASSIMO PIOMBO

Cosa ha scritto Piombo nel primo numero? “Fare un giornale è varare una barca. Ci si affida al nuovo scafo con la consapevolezza di non conoscere con precisione il nuovo mezzo ma con il conforto che comunque, alla fine di una navigazione, c’è sempre un porto, e in questo porto, chi ti accoglie”. Perché “la sintonia va cercata, come un accordo complesso, come un verso che deve compattarsi a tutto il resto”. Applausi.

 

***

 

Luca Argentero, che pizza d’attore

luca argentero foto di bacco luca argentero foto di bacco

Luca Argentero, che pizza d’attore. Il popolare interprete di tanti film ha scelto di diventare il protagonista dello spot “Desideri” di Molino Casillo che verrà mostrato oggi in anteprima assoluta, on air da dopodomani.

 

I quattro episodi raccontano con ironia il rapporto tra Argentero e i suoi “familiari”: grazie alle farine di qualità, Luca esaudisce con fantasia e creatività ogni loro desiderio, concludendo ogni racconto con il claim “Farine Molino Casillo, per ogni tuo desiderio… in cucina!” per riuscire a preparare pizze, e non solo, di eccellenza. La produzione degli spot è stata curata da Cannizzo Produzioni con la direzione creativa di Stefano Pulcini e Daniele Bufalini e la regia di Tommaso Lusena, pianificazione media a cura di Brandinghero.

MASSIMO PIOMBO MASSIMO PIOMBO

 

***

California, dal catering alla food academy

E’ un marchio di qualità apprezzato da tantissimi romani, che grazie al catering d’autore hanno potuto condire i loro sogni d’amore con dei matrimoni indimenticabili: ora California rinnova la sua attività. Parte California food Academy, con i cuochi della casa e con il direttore creativo, lo chef Luca Materazzi. Lezioni, seminari e vera e propria scuola di cucina base e avanzata per chi vuole iniziare o approfondire l'esperienza e le conoscenze enogastronomiche. In massima sicurezza.

 

A viale Parioli, ecco locali cucina ampi e con posti, larghissimi, per un massimo di 8 studenti. Il programma è molto ricco, dai corsi di cocktail food pairing all'arte della tavola, dai piatti classici del California alla cucina etnica, dalle serate a tema tartufo o crostacei alla complessa pizza alta idratazione.

Luca Materazzi Luca Materazzi

 

Non manca nulla. E poi pane, pizza, pasta fatti in casa, sì, ma con la ricetta dello chef. Qualche esempio per invogliare i tanti vip che negli anni sono stati clienti di California? Il 19 novembre Pasquale Vangeli realizzerà alcuni dei primi piatti più apprezzati, il 26 dello stesso mese verrà spiegata la bontà dei dolci tripolini, provenienti dalla tradizione della cucina ebraica. Da non perdere.

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209