VIA DALLA SETA – GIANCARLO GIORGETTI DAL G7 DI TOKYO CONFERMA CHE L’ITALIA STA PENSANDO DI STRACCIARE IL MEMORANDUM CON LA CINA, FIRMATO NEL 2019 DA GIUSEPPE CONTE: “UNA VALUTAZIONE DI QUESTO TIPO STRATEGICO SI IMPONE. NON SOLTANTO PER L’ITALIA MA PER TUTTI I PAESI DEL G7” – IL PRAGMATISMO DEL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO: “DOBBIAMO MANTENERE APERTO IL DIALOGO E TRATTARE INSIEME I PROBLEMI CHE CI COLPISCONO”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Chiara Masi per www.formiche.net

 

giancarlo giorgetti giancarlo giorgetti

“Sicuramente quello della sicurezza economica è un tema centrale, tanto più collegato con la rivoluzione green e la rivoluzione energetica dove buona parte delle materie prime critiche arrivano esattamente da Paesi che, in qualche modo, sono influenzati o hanno rapporti con la Cina”.

 

Lo ha dichiarato Giancarlo Giorgetti, ministro dell’Economia, rispondendo al Tg1 alla domanda se la sicurezza economica sia un’ulteriore spinta per l’Italia per ripensare l’accordo sulla Via della Seta con Pechino, a margine della ministeriale G7 in Giappone. “Una valutazione di questo tipo strategico si impone”, ha continuato Giorgetti, “non soltanto per l’Italia ma per tutti i Paesi del G7”.

 

LE CONCLUSIONI DEL G7 FINANZE

XI JINPING GIUSEPPE CONTE XI JINPING GIUSEPPE CONTE

I ministri riunitisi a Niigata hanno un cauto ottimismo nel comunicato finale: “L’economia globale ha mostrato resilienza contro molteplici choc, tra cui la pandemia, la guerra della Russia contro l’Ucraina e l’inflazione”.

 

Anche se, si legge, “dobbiamo rimanere vigili, ed essere agili e flessibili nelle nostre politiche macroeconomiche in un contesto di accresciuta incertezza sulle prospettive economiche globali”.

 

LE PAROLE DI VISCO

ignazio visco foto di bacco (5) ignazio visco foto di bacco (5)

Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, ha usato toni simili: “[…]c’è un livello di incertezza molto alto”, alla luce di una “guerra ancora non conclusa”, della crisi energetica che per ora è rientrata ma resta un’incognita, e della tensione con la Cina che porta a ulteriore frammentazione. […] “Questa tensione con la Cina che ha delle ragioni, richiede uno sforzo diplomatico non indifferente perché dobbiamo mantenere aperto il dialogo e trattare insieme i problemi che ci colpiscono”, ha detto il governatore ai microfoni di Rai News 24 a margine della riunione.

xi jinping conte xi jinping conte il presidente cinese xi jinping, il ministro degli esteri wang yi, il vicepremier di maio e il premier conte il presidente cinese xi jinping, il ministro degli esteri wang yi, il vicepremier di maio e il premier conte GIUSEPPE CONTE XI JINPING BY OSHO GIUSEPPE CONTE XI JINPING BY OSHO xi jinping conte xi jinping conte conte xi jinping conte xi jinping

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…