VIDEO! “RIPETEREI LA FRASE ‘MELONI NEONAZISTA NELL’ANIMO’? RISPONDO COL PENSATORE GRECO ERACLITO: NESSUNO PUÒ TUFFARSI DUE VOLTE NELLO STESSO FIUME” – DOMANI LUCIANO CANFORA, QUERELATO DALLA DUCETTA PER DIFFAMAZIONE, SARA’ IN AULA A BARI ALL’UDIENZA DEL PROCESSO NEI SUOI CONFRONTI - LO STORICO DEFINÌ LA PREMIER "NEONAZISTA NELL'ANIMA", "UNA POVERETTA", "TRATTATA COME UNA MENTECATTA PERICOLOSISSIMA" – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

LUCIANO CANFORA LUCIANO CANFORA

 (ANSA) Si aprirà domani, in Tribunale a Bari, l'udienza predibattimentale del processo in cui lo storico, filologo e professore emerito dell'Università di Bari, Luciano Canfora, è imputato per diffamazione aggravata nei confronti della premier Giorgia Meloni. I fatti risalgono all'11 aprile 2022, quando Meloni era parlamentare dell'opposizione e il presidente del Consiglio in carica Mario Draghi.

 

 

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

Canfora, invitato a parlare nel liceo scientifico 'Enrico Fermi' di Bari nell'ambito di un incontro sul conflitto russo-ucraino, definì Meloni "neonazista nell'anima", "una poveretta", "trattata come una mentecatta pericolosissima". La leader di Fratelli d'Italia querelò Canfora, e nei confronti del professore la Procura di Bari ha chiesto la citazione diretta in giudizio.

 

Canfora è dunque atteso per domani, alle 9, davanti alla giudice Antonietta Guerra. Circa trenta associazioni e organizzazioni e oltre duecentocinquanta cittadini e cittadine hanno firmato un appello di solidarietà nei confronti di Canfora: tra queste i sei comitati provinciali dell'ANPI pugliese, l'ARCI Puglia e Bari-BAT, la CGIL Puglia e Camera del Lavoro metropolitana di Bari, Libera Puglia, la Fondazione Giuseppe Di Vagno, partiti politici e associazioni politico-culturali, le organizzazioni studentesche riunite a livello regionale nella Rete della Conoscenza.

LUCIANO CANFORA LUCIANO CANFORA LUCIANO CANFORA LUCIANO CANFORA LUCIANO CANFORA LUCIANO CANFORA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO