WASHINGTON NON VUOLE LA PACE: VUOLE VINCERE LA GUERRA (SULLA NOSTRA PELLE) - BIDEN E’ ANDATO A VISITARE LA FABBRICA DELLA LOCKHEED MARTIN CHE PRODUCE I MISSILI JAVELIN: L’UCRAINA NE HA RICEVUTI GIA’ 5 MILA - IL PRESIDENTE AMERICANO E’ TORNATO A SPINGERE SULLA LOTTA FRA “DEMOCRAZIE E AUTOCRAZIE” E HA RILANCIATO LA NECESSITÀ DI BATTERE PUTIN PERCHÉ SE “NON FERMIAMO I DITTATORI NE CONTINUERANNO A SORGERE” - LA CASA BIANCA HA SPESO OLTRE 3 MILIARDI PER LA DIFESA DI KIEV...

-

Condividi questo articolo


Alberto Simoni per “la Stampa”

 

UCRAINA - SOLDATI UCRAINI LANCIANO UN JAVELIN MISSILE DI FABBRICAZIONE AMERICANA UCRAINA - SOLDATI UCRAINI LANCIANO UN JAVELIN MISSILE DI FABBRICAZIONE AMERICANA

Le atrocità di Putin sono «rivoltanti», dice il presidente Biden dall'Alabama dove ieri è andato a visitare la fabbrica della Lockheed Martin che produce i missili Javelin: già 5mila esemplari ne sono stati consegnati a Kiev.

 

Il leader Usa parla da commander in chief e oltre a ribadire il mantra della lotta fra «democrazie e autocrazie», rilancia la necessità di battere Putin perché se «non fermiamo i dittatori ne continueranno a sorgere». Il leader Usa ha evidenziato che la guerra avrà costi elevati e che è necessario continuare a inviare armamenti. I fondi, oltre tre miliardi spesi finora per la difesa dell'Ucraina, «sono un investimento diretto nella difesa della libertà e della democrazia» ha quindi spiegato il presidente statunitense.

 

PUTIN BIDEN PUTIN BIDEN

Nel Freedom Press Day invece il segretario di Stato Antony Blinken, ha scelto la sede della stampa estera a Washington per delineare il fronte del conflitto in Ucraina: una guerra anche fra la verità e la propaganda, fra il coraggio dei giornalisti che cercano di raccontare al mondo la brutalità di quanto accade e le intimidazioni e le minacce russe nei confronti dei media. «La stampa libera è il pilastro di ogni democrazia in salute, e il più efficace strumento per la difesa dei diritti umani», ha spiegato il segretario di Stato indicando i luoghi nel mondo dove questa libertà è più a rischio: in Cina, in Messico nell'Afghanistan dei taleban. E ovviamente in Russia.

UCRAINA - SOLDATO UCRAINO CON IL JAVELIN ANTI CARRO UCRAINA - SOLDATO UCRAINO CON IL JAVELIN ANTI CARRO

 

Nel 2021, 293 reporter sono stati arrestati solo perché facevano il loro lavoro. Molti vivono costantemente sotto minaccia o spiati. Il simbolo della "brutalità russa" è non solo nelle vittime, ma anche nella vernice rossa corrosiva gettata in faccia al nobel per la Pace Dmitry Muratov, direttore della iper critica nei confronti del Cremlino "Novaya Gazeta". I cui giornalisti - come quelli di altre testate indipendenti e perseguitate - ormai sono fuori dalla Russia ma con qualsiasi mezzo tentano di raccontare quel che accade nel Paese.

lloyd austin volodymyr zelensky antony blinken lloyd austin volodymyr zelensky antony blinken putin zelensky biden putin zelensky biden

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA