WHATEVER IT TAKES PER UN CHILO DI VONGOLE – A DUE SETTIMANE DAL PASSAGGIO DI CONSEGNE CON LA MELONI, MARIO DRAGHI È STATO PIZZICATO DA “CHI” AL MERCATO RIONALE VICINO CASA, AI PARIOLI – SORRIDENTE E RILASSATO, L’EX PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ORDINA VONGOLE E GAMBERI DAL PESCIVENDOLO DI FIDUCIA. POI SI AGGIRA PER I BANCHI. E DALLA FRUTTIVENDOLA RICEVE IN REGALO UN MELOGRANO…

- -

 

-

Condividi questo articolo


Giulia Cerasoli per “Chi”

 

mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 1 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 1

Sono passate solo poche settimane dal passaggio di consegne con la nuova premier Giorgia Meloni ed ecco che “Chi” sorprende Mario Draghi in modalità “casalingo”, intento a fare la spesa al mercato rionale vicino a casa, nel quartiere Parioli. Sorridente e rilassato, l’ex presidente del Consiglio ordina vongole e gamberi dal pescivendolo di fiducia e, poi, in attesa che gli puliscano il pesce, si aggira per i banchi.

 

A quello della frutta una delle venditrici lo omaggia con un bel melograno. Sorpreso, Draghi accetta il dono, saluta gli altri negozianti e torna a ritirare il pesce. In attesa di conoscere quale sarà il suo prossimo incarico (c’è chi parla della Nato e chi, invece, ipotizza un ruolo al vertice dell’Europa) Super Mario si dedica, quindi, alla famiglia e ai nipotini. E non solo fa la spesa, ma ha anche ripreso a trascorrere lunghi periodi nell’amata Città della Pieve, in Umbria, con la moglie Serenella.

mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 3 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 3 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 2 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 2 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 4 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 4 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 6 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 6 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 5 mario draghi al mercato rionale dei parioli foto chi 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...