ZINGARETTI, CHE DISFATTA! IL GRANDE SCONFITTO TRA I DEM E’ L’EX GOVERNATORE DEL LAZIO CHE PUNTAVA A PRENDERE PIÙ VOTI DI SCHLEIN PER DIVENTARE CAPOGRUPPO PD ALL’EUROPARLAMENTO – “ZINGA” HA PRESO 123.812 PREFERENZE, MENO PURE DI “LELLO” TOPO, MOLTO LONTANO DALL'OBIETTIVO (200MILA) – BETTINI, DOPO LA ROTTURA CON LUI, HA FERMATO LA SUA CORSA LAVORANDO NELL’OMBRA PER MATTEO RICCI PROTAGONISTA DI UN EXPLOIT (PIU’ DI 100MILA VOTI, SOLO 20MILA MENO DI ZINGA) – IL PD E’ IL PRIMO PARTITO TRA I SOCIALISTI IN EUROPA: PINA PICIERNO IN POLE PER RUOLI DI VERTICE

-

Condividi questo articolo


 

DECARO ANTONIO     496.550

BONACCINI STEFANO 389.284

STRADA CECILIA MARIA         283.145

SCHLEIN ELLY  248.751

ANNUNZIATA LUCIA   241.120

GORI GIORGIO            210.790

 

TOPO RAFFAELE DETTO LELLO          127.653

ZINGARETTI NICOLA   123.812

NARDELLA DARIO       116.160

RICCI MATTEO            103.088

PICIERNO GIUSEPPINA DETTA PINA  121.820

 

 

PD PRIMO TRA I SOCIALISTI: ORA PUÒ AMBIRE AI VERTICI

Daniele Castellani Perelli per “la Repubblica”

 

zingaretti schlein zingaretti schlein

Le urne hanno parlato e alla fine il Pd ha superato il Psoe spagnolo. Con 21 seggi contro 20, il partito di Elly Schlein sarà il primo all'interno del gruppo socialista S&D. Un risultato di prestigio, mentre i socialdemocratici tedeschi sono crollati (14) e i socialisti francesi sono ancora lontani dagli antichi fasti (13). «Usciamo da queste elezioni come la prima forza della famiglia socialista e democratica europea», ha esultato Peppe Provenzano, responsabile Esteri del Pd.

 

Ma in che cosa si tradurrà questo risultato? In più "punti" da spendere. Proprio così. Nel gergo, spiegano dal Pd, si parla di "punti" con cui un partito può reclamare per sé dei ruoli di potere. Non c'è un automatismo, tutto dipende dalle trattative all'interno di S&D. Sicuramente un esito naturale può essere la presidenza del gruppo stesso. L'ultima volta andò appunto al Psoe, che conquistò 21 seggi e fece eleggere Iratxe García Pérez.

zingaretti bettini zingaretti bettini

 

Toccasse stavolta al Pd, uno dei nomi di peso potrebbe essere Stefano Bonaccini, che ha preso ben 390mila preferenze, ma è anche vero che appartiene alla minoranza interna e non sempre si premia il più votato.

 

Un altro tema sul tavolo è quello della presidenza del Parlamento. La popolare Roberta Metsola potrebbe essere confermata, ma non è escluso che, come successe tra David Sassoli e la stessa Metsola a gennaio 2022, si possa riproporre una staffetta. Poi ci sono le presidenze delle commissioni parlamentari. Il Pd ha già guidato egregiamente quella degli Affari economici e monetari, sia nell'ultima legislatura con Irene Tinagli sia in quella precedente con Roberto Gualtieri, e dunque difficilmente se la vedrà riconfermata per la terza volta consecutiva. Il gruppo S&D si riunirà per la prima volta il 25 giugno. Quello sarà il luogo ufficiale per affrontare le questioni di cui sopra. E molto dipenderà da come Schlein vorrà giocarsi le sue carte, o meglio i suoi punti.

zingaretti gentiloni zingaretti gentiloni

 

TUTTE LE PARTITE APERTE NEL PD

(askanews) – Tanti europarlamentari, il posto d’onore di prima delegazione nel gruppo Pse, ma anche un nodo da sciogliere, quello del capogruppo a Bruxelles. E’ in fondo un piacevole problema, ma in ogni caso una questione che Elly Schlein dovrà gestire con grande accortezza, perché sono molti i nomi di primo piano che potrebbero ricoprire quel ruolo.

 

Innanzitutto c’è da chiarire che le caselle sono di fatto diverse: il posto di capodelegazione Pd nel gruppo di Socialisti e democratici, il ruolo di capogruppo dell’intera pattuglia di parlamentari di S&d, la casella di vice-presidente del Parlamento europeo in questi anni affidata a Pina Picierno.

nicola zingaretti goffredo bettini nicola zingaretti goffredo bettini

 

Come prima delegazione di S&d il posto di capogruppo dovrebbe spettare proprio al Pd e da tempo si faceva per esempio il nome di Stefano Bonaccini, che ha totalizzato 389mila preferenze. Tante, ma meno di quelle che ha preso Antonio Decaro, quasi 500mila, dato difficile da ignorare. Ma un parlamentare Pd sottolinea: “Lui tra un anno potrebbe essere il candidato in Puglia”.

 

zingaretti laureti zingaretti laureti

Al tempo stesso l’ex governatore dell’Emilia Romagna potrebbe voler mantenere il suo ruolo di presidente Pd. Sia Bonaccini che Decaro, peraltro, sono alla prima esperienza al Parlamento Ue e questo, spiega qualcuno, potrebbe essere considerato un problema.

 

C’è poi Nicola Zingaretti, il cui nome era circolato soprattutto per la casella di vice-presidente del Parlamento europeo. Zingaretti, d’altro canto, nel centro è arrivato terzo, dietro a Elly Schlein e Dario Nardella, senza superare le 100mila preferenze.

 

nicola zingaretti nicola zingaretti

Inoltre, bisogna anche considerare che per assegnare a lui la vice-presidenza bisognerebbe ‘bocciare’ la Picierno, che al sud ha conquistato comunque 121mila preferenze e che allo stato è l’unica donna in un ruolo apicale nell’europarlamento. Quindi, c’è anche da valutare la posizione di Brando Benifei, attuale capodelegazione, rieletto con 64mila preferenze. Un puzzle che la Schlein comporrà nelle prossime settimane.

nicola zingaretti elly schlein al monk 1 nicola zingaretti elly schlein al monk 1 nicola zingaretti elly schlein nicola zingaretti elly schlein nicola zingaretti elly schlein nicola zingaretti elly schlein

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ