AURELIONE, NON ERANO LE OSTRICHE – LA PROCURA DI MILANO INDAGA SU DE LAURENTIIS: ANDÒ ALLA RIUNIONE DELLA LEGA CALCIO "NONOSTANTE I MALESSERI RICONDUCIBILI AL COVID" - SI TRATTA DI UN’INDAGINE SENZA TITOLO DI REATO IN SEGUITO ALL’ESPOSTO DEL CODACONS (ANCORA?) - IL PRESIDENTE DEL NAPOLI NON SAPEVA ANCORA L’ESITO DEL TAMPONE MA NON RISPETTÒ L’ISOLAMENTO E PARTECIPÒ «SENZA MASCHERINA» ALL’INCONTRO DEL 9 SETTEMBRE

-

Condividi questo articolo

Da corriere.it

 

de laurentiis esce dall'assemblea di lega de laurentiis esce dall'assemblea di lega

La Procura di Milano ha aperto una indagine conoscitiva, ovvero senza titolo di reato né indagati, in seguito all’esposto presentato dal Codacons in merito al caso del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, e alla sua presenza lo scorso 9 settembre all’assemblea di lega Calcio nonostante avesse malesseri riconducibili al Covid e, a dire dell’associazione consumatori, «senza mascherina» . Il fascicolo a `modello 45´ è stato aperto dall’aggiunto Tiziana Siciliano per approfondimenti.

 

de laurentiis de laurentiis

Da quel che risulta al momento De Laurentiis al momento dell’assemblea non aveva ancora ricevuto l’esito del tampone e dunque non sapeva con certezza di essere positivo pur avendo qualche sintomo. Il questo caso il testo unico delle leggi sanitarie, non avendo lui rispettato l’auto isolamento fiduciario, prevede un illecito amministrativo punibile con una multa fino a 400 euro.

AURELIO DE LAURENTIIS SALE IN AMBULANZA AURELIO DE LAURENTIIS SALE IN AMBULANZA AURELIO DE LAURENTIIS E LA MOGLIE LASCIANO CAPRI 1 AURELIO DE LAURENTIIS E LA MOGLIE LASCIANO CAPRI 1 AURELIO DE LAURENTIIS E LA MOGLIE LASCIANO CAPRI AURELIO DE LAURENTIIS E LA MOGLIE LASCIANO CAPRI DE LAURENTIIS 1 DE LAURENTIIS 1 DE LAURENTIIS DE LAURENTIIS DE LAURENTIIS DE LAURENTIIS DE LAURENTIIS DE LAURENTIIS AURELIO DE LAURENTIIS SALE IN AMBULANZA AURELIO DE LAURENTIIS SALE IN AMBULANZA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute