BATTERE LA SPAGNA PER EVITARE PIU’ AVANTI INGHILTERRA E FRANCIA – IL CALENDARIO DEGLI EUROPEI DEGLI AZZURRI E LA PARTITA CHIAVE CONTRO LE "FURIE ROSSE" IL 20 GIUGNO A GELSENKIRCHEN PER ARRIVARE PRIMI NEL GIRONE (E FINIRE DALLA PARTE DELLA GERMANIA) - SPALLETTI HA SCELTO IL GRUPPO SU CUI PUNTARE: POCHE LE VARIABILI (CALAFIORI, CRISTANTE) CON L’INCOGNITA SCAMACCA – IL CT REPLICA ALLE CRITICHE SULLA COSTRUZIONE DAL BASSO, NEFASTA CONTRO IL VENEZUELA: “LA FACCIAMO MA NON FINO ALL’INCOSCIENZA”

-

Condividi questo articolo


Paolo Condò per la Repubblica - Estratti

 

 

luciano spalletti luciano spalletti

 

(...) I bravi commissari tecnici sanno far lievitare le squadre, trasformandole in qualcosa di più della somma dei loro componenti. È quello che ci si aspetta anche da Luciano Spalletti, cui va riconosciuta una difficoltà supplementare, il minor tempo a disposizione — la sua è stata una chiamata d’emergenza — per assemblare il gruppo. Dopo aver prodotto la qualificazione senza spareggi, e non era scontato, Spalletti ha avuto i giocatori per questa settimana americana, alla quale aggiungerà una quindicina di giorni prima dell’Europeo.

 

Ogni esperimento, riuscito o meno, risulta quindi prezioso perché gli indica la direzione in cui muoversi in relazione alle ore di lavoro che potrà metterci. Soltanto lui può valutare se la costruzione dal basso, nefasta nel primo tempo col Venezuela, possa raggiungere un grado di sicurezza sufficiente entro il 15 giugno, data del debutto con l’Albania. E la sua risposta sul tema — «costruzione dal basso sì, ma non fino all’incoscienza » — è un modo per prendere tempo, perché il limite verrà fissato appunto dagli allenamenti.

giacomo raspadori luciano spalletti giacomo raspadori luciano spalletti

 

Le lezioni americane sono servite a promuovere alcuni singoli: Bellanova e Vicario sono stati debuttanti convincenti, Retegui ha fatto uno scatto deciso verso la maglia di centravanti, a Pellegrini è riuscito anche in azzurro il salto di qualità ammirato nella Roma, abbiamo rivisto la versione lussuosa di Jorginho e Zaniolo ha riempito di cose — tutte buone tranne il tiro in porta — le sue partecipazioni. Più in generale l’Italia ha un ottimo trio di centrocampo, perché a Barella e Pellegrini può aggiungere il redivivo Jorginho (in mancanza di Tonali, che sarebbe stato il terzo elemento).

 

luciano spalletti luciano spalletti

È la nostra forza, alla quale va aggiunto il totem Donnarumma e l’efficacia dei difensori laterali. E qui tocca parlare di modulo, perché se è vero che l’atteggiamento più o meno offensivo decide l’intonazione della squadra, una cosa sono Di Lorenzo (o Bellanova) e Dimarco terzini di una difesa a quattro, un’altra esterni di uno schieramento a cinque.

 

Nella prima opzione, l’Italia aggredisce. Nella seconda, è più probabile che riparta.

 

È saggio quindi che Spalletti sviluppi sia il 4-3-3 sia il 3-4-2-1: per quanto i moduli siano fluidi, la differenza consiste tra un difensore centrale e un attaccante laterale, e non è la stessa cosa. Correndo un po’ con la fantasia immaginiamo un modulo per cercare il vantaggio e un altro per conservarlo, ma le sfumature tattiche sono infinite. Decrittando le parole del ct, il gruppo per l’Europeo è questo con un paio di aggiunte al massimo (Calafiori, Cristante, forse un altro Under) e l’incognita Scamacca, che non è ben chiaro se sia stato rimandato oppure bocciato.

luciano spalletti con la nazionale italiana di calcio 2 luciano spalletti con la nazionale italiana di calcio 2

 

Una valutazione onesta sul valore di quest’Italia vede nei quarti di finale le colonne d’Ercole della spedizione. Fermarsi prima sarebbe deludente, arrivare fin lì è il traguardo più realistico, oltrepassarli sarebbe un risultato eccellente. E qui sarà bene cominciare a studiare il tabellone a eliminazione diretta, perché non è bilanciato. Francia e Inghilterra, favorite con parecchio margine sulle altre, in caso di (probabile) vittoria nel girone sono destinate allo stesso lato del tabellone, che è tennistico e dunque una volta qualificati si conosce il proprio percorso sino alla finale. Da quella parte andrà la seconda del girone contenente gli azzurri. Il che significa che se a Spalletti riuscisse il colpo di vincere il gruppo, il cammino ne sarebbe molto agevolato.

 

luciano spalletti con la nazionale italiana di calcio 1 luciano spalletti con la nazionale italiana di calcio 1

La partita chiave diventa quindi Italia Spagna del 20 giugno a Gelsenkirchen, secondo match del nostro calendario. Dando per scontato che gli azzurri battano l’Albania nella prima gara — non per mancanza di rispetto, ma senza quei tre punti non ha senso fare calcoli — una seconda vittoria sarebbe un jackpot col quale controllare il terzo match, con la Croazia. La Spagna, che secondo i bookmaker è la terza favorita, se ne andrebbe dal lato forte con le prime due, e tanti saluti.

 

Successe più o meno nel 2016: guerre stellari tra Francia, Germania, Italia e Spagna dalla stessa parte, e Portogallo in finale dall’altra (e poi campione) dopo aver liquidato Croazia, Polonia e Galles.

luciano spalletti luciano spalletti

 

Se di ciascun girone prendiamo le tre nazionali meglio piazzate nel ranking Fifa, il nostro B è di gran lunga il più impegnativo (Spagna 8, Italia 9, Croazia 10, totale 27): seguono il D (Francia 2, Olanda 6, Austria 25, totale 33) e il C (Inghilterra 3, Danimarca 21, Serbia 32, totale 56).

 

Vincendo il girone possiamo immaginare Ungheria o Scozia negli ottavi e Germania nei quarti: i tedeschi hanno appena vinto in Francia riguadagnando consensi, ma restano la cruna dell’ago più larga da passare per andare a Berlino. Se arriviamo secondi la strada pare scritta: Svizzera negli ottavi, Inghilterra nei quarti.

 

Un terzo posto qualificante (quattro gironi su sei promuoveranno anche la ruota di scorta) potrebbe voler dire Portogallo e poi Olanda, ma qui prevedere confina con indovinare. Battiamo la Spagna, e poi godiamoci il panorama.

luciano spalletti con la nazionale italiana di calcio luciano spalletti con la nazionale italiana di calcio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)