A BERGAMO NON SANNO DOVE METTERE I MORTI, LA QUARANTENA NON SI SA FINO A QUANDO DURERA’ E IL MONDO DEL CALCIO LITIGA - LOTITO, DE LAURENTIIS E GIULINI CONTRO AGNELLI E MAROTTA: BUFERA PER GLI ALLENAMENTI - CLUB, MEDICI SPORTIVI E ASSOCALCIATORI ANCORA SENZA ACCORDO - IPOTESI: LAVORO A GRUPPETTI DAL 4 APRILE E DAL 13 ANCHE LE PARTITELLE. NO DI LAZIO, NAPOLI E CAGLIARI…

-

Condividi questo articolo

Andrea Ramazzotti per corrieredellosport.it

 

andrea agnelli 3 andrea agnelli 3

Oggi la situazione forse sarà più chiara una volta per tutte, ma l’ipotesi di arrivare a un accordo totale sul tema degli allenamenti tra le 20 squadre di A, l’Aic e la Federazione italiana medici sportivi è assai complicata. Ieri, al termine di un’altra giornata di contatti, contrasti e telefonate, a dispetto del tentativo di mediazione della Lega, non tutti i presidenti concordavano sulla ripresa fissata a gruppetti per il 4 aprile e sulle partitelle e le esercitazioni tattiche che prevedono contati e marcature strette di nuovo consentite dal 13.

lotito lotito

 

Lazio, Napoli e Cagliari sono orientate ad andare avanti per la loro strada e, forti del dpcm del Governo che è dalla loro parte, intendono riaprire già nei prossimi giorni i rispettivi centri sportivi ai singoli che hanno voglia di sudare in campo e non a casa da soli. Pare che anche alcuni club del torneo cadetto sposino questa posizione. Chiara l’irritazione di 17 società su 20 di A che ormai da una settimana abbondante cercano un punto d’intesa per fissare condizioni di ripresa dell’attività sostanzialmente uguali per tutti.

 

lotito lotito

Dalla loro parte la Juventus, l’Inter, il Milan e le altre formazioni hanno la Federazione italiana medici sportivi che chiede a tutti di ripartire dopo il 3 aprile e ha stabilito, tramite un documento diffuso ieri, un protocollo di lavoro a step (non si può fin dal primo giorno di sedute far finta che il Coronavirus non sua esistito). E pure l’Aic non è a favore di un’immediata ripresa.

 

 

Saranno i singoli medici sociali delle società che faranno gli allenamenti ad accollarsi la responsabilità penale trattandosi di una situazione di pericolo. E in condizioni come quelle attuali, i calciatori non saranno obbligati a presentarsi ma potranno decidere liberamente. Almeno sentendo quello che sostiene l’Aic, pronta a impugnare l’accordo collettivo.

de laurentiis gattuso de laurentiis gattuso andrea agnelli 2 andrea agnelli 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute