BINOTTO, CHE CASOTTO! FERRARI SMENTISCE L'ARRIVO DI VASSEUR, SOSTENUTO DALL’AD DI STELLANTIS TAVARES E DA LECLERC. MA IL CAPO DEL MURETTO DELLA "ROSSA" RESTA A RISCHIO - SAREBBE STATO LO STESSO VASSEUR, CHE HA FATTO DEBUTTARE CHARLES IN F1, NEL 2018, A PROPORSI - IL RAPPORTO COL PILOTA MONEGASCO RESTA OTTIMO. COME E' ALTRETTANDO SOLIDO IL LEGAME CON TAVERES CHE AVREBBE COMUNICATO A ELKANN...

-

Condividi questo articolo


Daniele Sparisci, Giorgio Terruzzi per il Corriere della Sera

 

Al capolinea del Mondiale ad Abu Dhabi, fra rimpianti e regolamenti di conti interni.

piero ferrari binotto piero ferrari binotto

C'è un clima da fine regno dentro la Ferrari, da congiura di palazzo. Il trono di Mattia Binotto traballa da mesi, ieri il Cavallino ha smentito la sostituzione immediata con quattro righe nelle quali non compaiono né messaggi di fiducia né parole dei vertici. Un gelo che rivela la debolezza della posizione dell'ingegnere reggiano, entrato a Maranello da stagista e promosso al timone della Scuderia nel 2019.

 

Il suo posto fa gola a molti, a cominciare da Fred Vasseur, il cui nome è circolato con forza.

 

Non uno dei soliti rumors.

Francese, 54 anni, l'attuale capo dell'Alfa-Sauber vanta una complessa rete di interessi e amicizie. Una su tutte: Carlos Tavares, a.d. di Stellantis, pare che Fred gli gestisca la collezione di auto d'epoca da corsa.

 

FREDERIC VASSEUR FREDERIC VASSEUR

Sarebbe stato lo stesso Vasseur a muoversi, dopo aver saputo che con l'arrivo dei tedeschi di Audi nella proprietà della Sauber (nel 2026) non avrebbe mantenuto il ruolo di adesso. Tavares avrebbe comunicato a John Elkann - che da tempo insieme all'ad Benedetto Vigna si occupa delle selezioni per il dopo Binotto- la disponibilità di Vasseur. Da subito, già a gennaio.

 

Se fosse soltanto così saremmo all'autocandidatura, in realtà c'è molto di più. Perché nella Ferrari c'è una corrente che ha spinto, e che spinge ancora, per accogliere Vasseur. Uomo capace di intrecciare relazioni traversali: vicino al boss della Mercedes Toto Wolff, proprietario di team in F2 e F3, di aziende come la Spark che produce telai per la Formula E. Ex socio di Nicolas Todt, manager di Leclerc, con il quale si separò non proprio pacificamente. Vasseur ha fatto debuttare Charles in F1, nel 2018, e il loro rapporto resta ottimo.

 

BINOTTO LECLERC BINOTTO LECLERC

Sono in molti a indicare proprio Leclerc come sponsor del suo arrivo a Maranello. Il motivo? La volontà di essere nominato prima guida, di essere messo al centro come la Red Bull ha fatto con Verstappen. Ma non si tratta semplicemente di un confronto Binotto-Leclerc, su questo tema la presidenza è chiamata a esprimersi cercando di ridurre le pretese del pilota o assicurandogli un appoggio pieno, cosa difficile da mettere in pratica visto l'ingaggio di un compagno forte e ambizioso come Sainz. L'insofferenza di Charles per la gestione di Binotto è palese, se si ritroveranno ancora insieme nel 2023 che rapporto sarebbe? Il monegasco e la Ferrari si giocano il secondo posto nei piloti e nei costruttori.

 

Due traguardi che, se mancati, riapriranno il tormentone, magri comunque in una stagione partita per lottare per il Mondiale e conclusa con un'involuzione rispetto alle quattro vittorie dell'inizio. E poi un conto è smentire, un altro utilizzare una comunicazione ufficiale, in un momento delicato, per dare fiducia in via definitiva. Forse il nome di Vasseur si è «bruciato», ma altri restano nel mazzo. Binotto resiste, convinto di vincere un giorno con la Ferrari, il sogno di una vita. Se davvero si volesse andare avanti con lui, basterebbe una presa di posizione netta, uscire dall'ambiguità. Una volta per tutte. Altrimenti è meglio cambiare subito.

carlos tavares carlos tavares CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS

binotto leclerc binotto leclerc

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DARE LA CACCIA AI TRUFFATORI DELLA FINANZA È UN BUSINESS MILIARDARIO – CHI SONO E COME OPERANO I FONDI “ATTIVISTI” CHE STANNO FACENDO TREMARE LA FINANZA GLOBALE: LUNGHE E METICOLOSE INDAGINI PER SCOPRIRE LE MAGAGNE NEI CONTI DELLE AZIENDE, POI LE OPERAZIONI “SHORT” PER INVESTIRE SUI RIBASSI – AZIONI CONDOTTE NON TANTO PER LA GIUSTIZIA DEI MERCATI, QUANTO PER IL PROFITTO – IL CASO DEL PICCOLO FONDO HINDENBURG, DEL 37ENNE AMERICANO NATHAN ANDERSON, CHE È RIUSCITO AD AFFOSSARE GAUTAM ADANI, L'UOMO PIÙ RICCO D'ASIA…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

IL MODELLO SANITARIO ITALIANO: CHI HA I SOLDI SI CURA SUBITO, GLI ALTRI ASPETTANO E SPERANO – SUPERATO IL COVID, INSIEME ALL’AUMENTO DELLE RICHIESTE DI VISITE ED ESAMI IN OSPEDALI PUBBLICI SONO AUMENTATI ANCHE I TEMPI DI ATTESA. RISPETTO AL 2019, LO SCORSO ANNO SONO STATI ESEGUITI 8,4 MILIONI DI CONTROLLI IN MENO – MI-JENA GABANELLI: “I SOLDI PER PAGARE PIÙ MEDICI CI SAREBBERO MA LE STRUTTURE PUBBLICHE NON RIESCONO A ORGANIZZARSI. MENTRE A QUELLE PRIVATE ACCREDITATE CONVIENE OFFRIRE PRESTAZIONI A PAGAMENTO…” – VIDEO