CHE RAZZA DI GIUSTIZIA - L'ASSOLUZIONE DI FRANCESCO ACERBI DALLE ACCUSE DI INSULTI RAZZISTI NEI CONFRONTI DI JUAN JESUS A CAUSA DI "MANCANZA DI PROVE" È L'ENNESIMA FIGURACCIA DEL CALCIO ITALIANO - A DIFFERENZA DALLA GIUSTIZIA ORDINARIA, IN QUELLA SPORTIVA SI DEVE DIMOSTRARE L'INNOCENZA, NON LA COLPEVOLEZZA. PER QUESTO PRINCIPIO, IN PASSATO, CERTE SQUALIFICHE A TEMA RAZZISMO SONO ARRIVATE SULLA BASE DI UNA "RICOSTRUZIONE CREDIBILE" - E ALLORA PERCHE' NON E' STATO APPLICATO IN QUESTO CASO?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Giulia Zonca per “la Stampa”

francesco acerbi juan jesus francesco acerbi juan jesus

 

[…] Francesco Acerbi viene assolto per mancanza di prove e per quanto il calcio abbia dato certezze sul fatto di non sapere come trattare il razzismo, questo livello di disagio non può entrare nel caso specifico. Anche se succede dopo una sequenza di goffe, inadeguate, arcaiche reazioni della serie A […] La sentenza si basa sui fatti, non sui pessimi umori. […]

 

Per quanto sia inadeguata la realtà, il giudizio su Acerbi non può e non deve aggiustare il contesto, non ha il compito di porsi al peggio, deve concentrarsi sul merito di quanto è successo durante l'ultima Inter-Napoli. Secondo il giudice sportivo di serie A qualche cosa di sbagliato è capitato in campo la sera del 17 marzo, nelle motivazioni si scrive che Juan Jesus è stato sicuramente e minacciosamente offeso, solo che la natura discriminatoria di queste offese le ha sentite solo lui.

JUAN JESUS E FRANCESCO ACERBI JUAN JESUS E FRANCESCO ACERBI

 

Quindi non valgono. Per la giustizia sportiva, al contrario di quella ordinaria, si deve dimostrare l'innocenza, non la colpevolezza. Cioè in questa situazione sarebbe toccato ad Acerbi certificare la natura non discriminatoria e proprio per questo principio, in passato, certe squalifiche a tema razzismo sono arrivate, in altre categorie, sulla base di una ricostruzione credibile. Senza ulteriori testimonianze. […]

JUAN JESUS E FRANCESCO ACERBI JUAN JESUS E FRANCESCO ACERBI

 

 Ma nel momento in cui si è definito l'atteggiamento di Acerbi lesivo verso Juan Jesus gli sarebbe pure bastato. Non era obbligatorio, in assenza di convinzione e di fatti incontestabili, però allora dare a Juan Jesus la ragione dello stupido, quella che non serve a niente, aggiusta probabilmente la forma e allarga, a dismisura, il danno: lascia spazio a ogni dubbio. E ognuno è davvero tanto ragionevole.

juan jesus inter napoli juan jesus inter napoli

 

Nessun altro ha sentito, le tante telecamere non hanno visto, eppure la scansione dei fatti porta a credere che degli insulti ci siano stati: Juan Jesus lo dice subito all'arbitro, dopo lui e Acerbi si parlano, si chiariscono, quando Juan Jesus riferisce in tv di avere subito un insulto razzista, non assolve Acerbi, gli evita la pena: «Ha chiesto scusa». Solo il giorno successivo, davanti all'enormità del fatto, partono smentite, spiegazioni e controaccuse. Versioni contrastanti.  Non ci sono testimoni, ma ci sono comportamenti: probabilmente non bastano per una sentenza che avrebbe creato un precedente complicato da gestire. […]

JUAN JESUS ACERBI JUAN JESUS ACERBI FRANCESCO ACERBI FRANCESCO ACERBI FRANCESCO ACERBI FRANCESCO ACERBI juan jesus juan jesus acerbi genoa inter acerbi genoa inter francesco acerbi francesco acerbi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”