CHI SEMENYA, RACCOGLIE! IL TAS RESPINGE IL RICORSO DELL’ATLETA SUDAFRICANA AFFETTA DA IPERANDROGENISMO CONTRO LA REGOLA DELLA FEDERAZIONE INTERNAZIONALE CHE OBBLIGA LE ATLETE CON “DIVERSO SVILUPPO SESSUALE” AD ASSUMERE DOSI MASSICCE DI ANTICONCEZIONALI PER ABBASSARE IL TESTOSTERONE - ORA SEMENYA POTRÀ SCEGLIERE SE SOTTOPORSI A CURA, GAREGGIARE TRA GLI UOMINI (IPOTESI SURREALE) O COMPETERE IN GARE SU DISTANZE INFERIORI AI 400 METRI O SUPERIORI AL MIGLIO...

-

Condividi questo articolo

Marco Bonarrigo per corriere.it

SEMENYA SEMENYA

 

Con una decisione che ha pochi precedenti e farà enormemente discutere, il Tribunale di Arbitrato Sportivo di Losanna ha dichiarato mercoledì la sua incompetenza e di conseguenza respinto l’appello della mezzofondista sudafricana Caster Semenya contro la regola 141 della federazione internazionale di atletica leggera (Iaaf) che obbliga le atlete con “diverso sviluppo sessuale” ad assumere dosi massicce di anticoncezionali per abbassare sotto una certa soglia (5 ng/L) i valori di testosterone nel sangue se vogliono gareggiare nella categoria femminile.

 

SEMENYA SEMENYA

Dopo un anno di istruttoria, e pur trovando la norma “di difficilissima applicazione” e “certamente discriminatoria” e non escludendo problemi per la salute delle atlete, il massimo organo di giustizia sportiva non ha trovato, nel ricorso dell’atleta e della federazione sudafricana, elementi giuridici per poter dichiarare non valida la determinazione federale. Il Tas ha invitato la Iaaf a studiare con urgenza una procedura più equa e certa, ma di fatto ha dato il via libera alla regola con effetto immediato spiegando che comunque una regolamentazione è necessaria per salvaguardare l’equità delle sfide agonistiche. Il Tas anche spiegato che mentre la regola Iaaf può avere senso scientifico sulle distanze id 400 e 800 metri, questo senso non è dimostrato nei 1500 metri e nel miglio, id fatto invitando la federazione a un modifica immediata ma non vincolante della regola.

 

caster semenya caster semenya

A questo punto la Semenya - e le almeno altre 10 altre atlete di alto livello con lo stesso problema - potranno scegliere se sottoporsi a cura, farsi monitorare dai medici federali e gareggiare tra le donne, rischiando la sospensione se superano i valori-soglia, gareggiare tra gli uomini (ipotesi surreale) o competere in gare su distanze inferiori ai 400 metri o superiori al miglio, dove un alto livello di testosterone non è considerato vantaggioso.

 

Semenya ha vinto due titoli olimpici e tre mondiali negli 800 metri. Contro la regola 141 si sono espresse decine di associazioni per i diritti umani, il Consiglio dell’Onu e l’intero popolo sudafricano con in testa il presidente della repubblica Ramaphosa che ha parlato di decisione improntata alla peggior forma di razzismo, che umilia le donne nello sport per abbattere a un simbolo del nostro Paese».

semenya semenya caster semenya caster semenya caster semenya caster semenya violet rasebonya in primo piano e dietro caster semenya violet rasebonya in primo piano e dietro caster semenya semenya semenya semenya semenya caster semenya matrimonio caster semenya matrimonio caster semenya and violet rasebonya caster semenya and violet rasebonya caster semenya dopo li makeover caster semenya dopo li makeover caster semenya berlino caster semenya berlino caster semenya e violet rasebonya coi parenti caster semenya e violet rasebonya coi parenti caster semenya fidanzata caster semenya fidanzata caster semenya matrimonio caster semenya matrimonio SEMENYA SEMENYA violet rasebonya in primo piano e dietro caster semenya violet rasebonya in primo piano e dietro caster semenya semenya semenya

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute