COSA C’E’ DIETRO L’ASSENZA DI FEDERER AGLI AUSTRALIAN OPEN? ROGER COME UNO SCOLARO CHE NON HA STUDIATO GIUSTIFICA IL FORFAIT CON I CLASSICI MOTIVI FAMILIARI. LA MOGLIE MIRKA, QUELLA CHE PORTA I PANTALONI IN CASA, NON SE LA SENTE DI STARE 14 GIORNI IN UNA STANZA PER LA QUARANTENA. IN REALTA’ LO SVIZZERO, TORMENTATO DAI GUAI FISICI, NON HA FRETTA. L’OBIETTIVO E’ UNO SOLO: SALUTARE IL TENNIS CON L’ORO OLIMPICO A TOKYO….

-

Condividi questo articolo

Da gazzetta.it

 

roger federer e la moglie mirka vavrinec roger federer e la moglie mirka vavrinec

 “Ho 39 anni, quattro bambini, ho vinto 20 tornei dello Slam. Per me non è più tempo di stare lontano dalla famiglia più di cinque settimane»: è la confessione di Roger Federer ad Andre Sa, ex buon giocatore di doppio brasiliano, oggi direttore delle pubbliche relazioni tra i giocatori degli Australian Open. Ed è questa la vera ragione per la quale lo svizzero avrebbe rinunciato all’appuntamento. Non l’infortunio, dunque. Ma una motivazione “personale”.

 

 

roger e mirka federer roger e mirka federer

“Ho parlato con Roger un mese fa - ha detto Sa - Avrebbe potuto venire in Australia con tutta la famiglia e trascorrere il periodo di quarantena. Il problema è che sua moglie Mirka, come i bambini, non sarebbe potuta uscire da una stanza per quattordici giorni. L’unica eccezione, infatti, riguarda i giocatori. Roger sarebbe potuto uscire, allenarsi e tornare, la famiglia no. E a Mirka non piaceva questa idea. Diversamente Roger avrebbe potuto venire a Melbourne da solo. Ma in tal caso sarebbe rimasto molto a lungo lontano dalla famiglia”.

mirka federer mirka federer roger federer 6 roger federer 6 roger federer 3 roger federer 3 roger federer 4 roger federer 4 roger federer nel terrazzo di carola e vittoria a finale ligure 1 roger federer nel terrazzo di carola e vittoria a finale ligure 1 roger federer 8 roger federer 8 mirka federer mirka federer roger federer roger federer FEDERER MIRKA FEDERER MIRKA MIRKA FEDERER MIRKA FEDERER mirka federer mirka federer

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute