IRVING E’ PAZZO O C’E’ UN PAZZO CHE SI SPACCIA PER IRVING? - DOPO ESSERE STATO MESSO FUORI ROSA LA SUPERSTAR NBA RISCHIA DI PERDERE I 200 MILIONI DI DOLLARI DEL SUO INGAGGIO CON I NETS. PERCHE’ LO FA? A SUO DIRE IL SUO OBIETTIVO È QUELLO DI DARE VOCE A CHI STA PERDENDO IL LAVORO A CAUSA DELLE RESTRIZIONI ANTI-COVID. MA A LUI CHI GLIELO PAGA LO STIPENDIO? E SOPRATTUTTO E’ CONSAPEVOLE CHE CON IL SUO GESTO RISCHIA DI COMPROMETTERE LA CORSA AL TITOLO DI BROOKLYN?

-

Condividi questo articolo


Da sport.sky.it

 

irving irving

Dopo il comunicato ufficiale dei Nets e la conferenza stampa tenuta dal GM Sean Marks, il punto di vista della dirigenza di Brooklyn è chiaro: Kyrie Irving resta fuori squadra fino a quando le prestazioni che riesce a garantire al gruppo sono quelle di un giocatore part-time. Non accettare la vaccinazione porta a questo e ai Nets non servono atleti “a mezzo servizio”.

 

L’ex giocatore di Cavaliers e Celtics infatti non ha alcuna intenzione di vaccinarsi e per questo Brooklyn è stata costretta nelle scorse ore a passare alle maniere forti, tagliando di netto i rapporti e provando così a mettere spalle al muro Irving. Un racconto e una storia a cui manca però un pezzo: perché l’All-Star dei Nets ha scelto questo muro contro muro? È davvero un no-vax?

 

irving 2 irving 2

Quali ragioni lo spingono a uno scontro del genere? The Athletic, ascoltando diverse fonti e raccogliendo indiscrezioni, ha cercato di ricostruire le motivazioni alla base di una scelta che in ogni caso costerà cara a Irving, che mette in grande affanno Brooklyn e che rischia di comprometterne le ambizioni da titolo e l’intera stagione prima ancora di alzare la prima palla a due della regular season.

 

kyrie irving 5 kyrie irving 5

Ascoltando quanto raccontato di chi gli è vicino (visto che il diretto interessato non parla con la stampa), Irving crede di combattere per qualcosa che va al di là della pallacanestro e la conseguenza (non voluta e non intenzionale) della sua missione è in conflitto con la sua carriera e con il bene della sua franchigia. Stando a quanto riportato da The Athletic, Irving non è contro i vaccini, non è un no-vax, ma ha deciso di battersi per le istanze portate avanti da quelle persone che hanno perso il lavoro a causa delle imposizioni dettate dalla somministrazione del vaccino.

 

Si tratta di una battaglia più grande di quelle che deve affrontare sul parquet, una sfida al controllo che a detta sua si sta facendo della società: “Vuole essere le voce di chi non viene ascoltato”, spiegano alcune fonti vicine a lui. Una lotta ideale, legata a principi nei quali Irving crede e per i quali vuole mettere a disposizione la sua cassa di risonanza: perdere soldi o popolarità non è un problema per un giocatore che, già da qualche tempo, aveva mostrato l'intenzione di essere controcorrente.

KYRIE IRVING KYRIE IRVING KYRIE IRVING KYRIE IRVING

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute