“I CALCIATORI GAY? MEGLIO CHE EVITINO IL COMING OUT". BUFERA IN GERMANIA SULL'EX CAPITANO DELLA NAZIONALE TEDESCA, PHILIPP LAHM, AMICO DELLA MERKEL. NEL SUO LIBRO SUGGERISCE AI COLLEGHI CALCIATORI OMOSESSUALI DI NON PARLARE DI QUESTO TEMA CON I COMPAGNI DI SQUADRA ANCHE PER NON DIVENTARE OGGETTO DI "INSULTI E DIFFAMAZIONI"

-

Condividi questo articolo

Da gazzetta.it

 

LAHM MERKEL LAHM MERKEL

Philipp Lahm è finito al centro di una gigantesca polemica in Germania. Il motivo? L'ex capitano della nazionale tedesca, amico personale di Angela Merkel, nel suo nuovo libro, "Das Spiel. Die Welt des Fussbals", suggerisce ai colleghi calciatori omosessuali di non fare coming out: "Ancora manca la capacità di accettare, nel mondo del calcio e nella società in generale.

 

Se qualcuno avesse in mente di farlo e dovesse chiedermi un consiglio, gli suggerirei di consultarsi con una persona di fiducia e fare onestamente i conti con se stesso, su quali siano i veri motivi per questo passo. Ma non gli consiglierei mai di parlare di questo tema con i compagni di squadra. Non potrebbe contare sulla stessa maturità nei suoi avversari o sui campi, dovrebbe sopportare insulti e diffamazioni. Lo accetterebbe?".

 

 

LE REAZIONI

lahm lahm

Parole che nascono come critica a una certa preclusione che ancora esiste sul tema dell'omosessualità nel mondo del pallone, in Germania come in Italia, ma che sono suonate comunque come discriminatorie verso i gay. Tra l'altro proprio in questi giorni 800 calciatori e calciatrici hanno pubblicato un appello, rivendicando il diritto di fare coming out: "Vogliamo che chiunque decida di farlo sia sicuro del nostro sostegno e della nostra solidarietà". Tra i firmatari anche Kruse dell'Union Berlin e Hector, capitano del Colonia.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

VIDEO! QUANDO BENOTTI DISSE: "A PROFUMO (AD DI LEONARDO) GLI FACCIO FINIRE LA CARRIERA. LI MANDO TUTTI IN GALERA! HO DOCUMENTI DI TUTTI, CREO UNO SCANDALO CHE NON FINISCE MAI"  – GILETTI TORNA SUL CASO DEL GIORNALISTA MEDIATORE COINVOLTO IN UNA INCHIESTA SULLA PRESUNTA MAXI COMMESSA DI MASCHERINE ACQUISITE DALLA STRUTTURA COMMISSARIALE DI ARCURI E SCODELLA LE INTERCETTAZIONI-BOMBA TRA BENOTTI E SCOTTI (LINK UNIVERSITY) - LE 4 SOCIETA’ COINVOLTE - NELL’INDAGINE È FINITA ANCHE FRANCESCA CHAOUQUI - VIDEO

sport

cafonal

viaggi

salute