“A NIZZA RACCOGLIEVO PEZZI DI CIOCCOLATO PER STRADA, AVEVO FAME” – YANNICK NOAH SI RACCONTA A "L’EQUIPE" 40 ANNI DOPO LA VITTORIA AL ROLAND GARROS: "HO VISSUTO MOLTI MOMENTI DI SOLITUDINE. NON AVEVO UNA RACCHETTA. HO GIOCATO CON LA STESSA PALLA PER UN ANNO. HO FATTO IL ROLAND GARROS JUNIOR, SENZA MAI MANGIARE. CI SONO PERSONE CHE HANNO VINTO MOLTO DI PIÙ E NON PROVANO LA METÀ DI QUELLO CHE PROVAVO IO”

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

yannick noah 1988 yannick noah 1988

Quaranta anni fa Yannick Noah vinceva al Roland Garros. Un francese campione di Francia. I giornali celebrano l’evento da un po’. Noah nel frattempo è diventato prima una rockstar, poi un capovillaggio impegnato nel sociale in Camerun.

 

Oggi gli dedica un lungo ritratto anche il New York Times. Ma è in un’intervista a L’Equipe, nella quale ripercorre partita dopo partita quel successo leggendario, che Noah regala qualche piccola perla di tennis che non c’è più.

 

Dice che ai suoi tempi i giocatori erano diversi l’uno dall’altro, e ogni partita era un match di personalità. Erano “ruoli che recitiamo. E oggi, penso che l’abbiamo perso un po’… Con le nuove regole del tennis e il fatto che abbiamo meno diritto di esprimerci, il pubblico non conosce i giocatori. La gente crede di conoscere Nadal, Federer, Djokovic, il che è normale visto che li vede tutti i giorni da vent’anni. All’epoca non era così. Ma il pubblico sentiva le voci dei giocatori. Penso a Nastase che ha aperto una porta. La gente amava Nastase perché era un giocatore brillante ma le partite venivano costantemente interrotte, c’era umorismo, passione, dramma”.

YANNICK NOAH 45 YANNICK NOAH 45

 

 

E poi c’è “il gioco invisibile”, lo chiama così. Le personalità che appaiono o scompaiono in campo. “L’aura, il posto che prendi in campo. Alcuni giocatori, quando entrano in campo, ti sembra che stiano rimpicciolendo. Altri, hai l’impressione che occupino tutto lo spazio. Ricordo Victor Pecci che era alto, imponente e quando entrava in campo si aveva l’impressione che fosse quasi più grosso del campo.

 

McEnroe, se ha iniziava a ridere era molto piccolo! Quando urlava, era più grosso. Io avevo il mio posto, quello di questo gladiatore che attaccava, che poteva finire pieno di creta con un gioco sgargiante, qualcosa di un po’ artistico. Lendl era il ragazzo serio, pulito, potente, duro”.

 

 

Di Pecci Noah racconta che sentiva una rivalità tra maschi. Era più bello di lui, e questa cosa lo infastidiva: “Tutte le ragazze sognavano Pecci ed era super fastidioso perché quando arrivi in campo vuoi prendere quel posto. E quel posto che mi è capitato di avere, lo prendeva lui. Era più facile per me giocare contro un ragazzino che aveva una faccia da torta che contro un bel ragazzo”.

YANNICK NOAH 3 YANNICK NOAH 3

 

“Forse è la mia educazione, il fatto che vengo da una famiglia molto modesta, che ho avuto dei momenti difficili… Ma ogni volta che vincevo una partita, ero quasi sorpreso. Mi è capitato di vincere partite in cui piangevo, mentre invece mi dicevano ”ma aspetta, sei più bravo di lui!”. Ho sempre avuto questa cosa in cui ero tipo ‘me lo merito?’ Certo, sei un duro. Ma se faccio un concerto dopo trent’anni di carriera, c’è sempre questa sensazione ‘è troppo bello, dammi un pizzico’.

 

La mia carriera è stata quella. È così bello, tutti questi viaggi, questa vita, tutti questi amici, tutta questa avventura, vincere un Grande Slam. È pazzesco. E tienilo per te. È fantastico perché non mi ci abituo, non sono stanco, mai. Ci sono persone che hanno vinto molto di più e non provano la metà di quello che provavo io”.

 

 

yannick noah yannick noah

Quando sono arrivato in Francia “avevo fame, raccoglievo roba per strada a Nizza, pezzetti di cioccolato. Per un torneo junior al Roland Garros un amico dei miei genitori mi aveva dato un appartamento in rue du Point du Jour, a Boulogne, un appartamento superbo ma avevo zero franchi. E quando arrivi al Roland e non hai il buono pasto perché sei troppo giovane…

 

Ho fatto il Roland junior, senza mai mangiare. Rinforza. Ci sono persone che mi hanno fatto un po’ male e la mia unica difesa era vincere. Ho vissuto molti momenti di solitudine. Ma il desiderio non è qualcosa che hai nei tuoi geni, è un corso di vita. Non sono nato a Parigi andando al Racing o al Tcp, andando a lezioni di gruppo da quando avevo quattro anni. No, non avevo una racchetta. Ho giocato con la stessa palla per un anno. Restano quelle cose”.

YANNICK NOAH YANNICK NOAH

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…