“QUANDO ERO RAGAZZO, NEGLI ANNI '70, FUORI DALLO STADIO OLIMPICO, HO MENATO I POLIZIOTTI E LANCIATO QUALCHE BOTTIGLIETTA...” – LUCIO CARACCIOLO, RAFFINATO ANALISTA GEOPOLITICO, DIRETTORE DELLA RIVISTA “LIMES”, A “UN GIORNO DA PERCORA” TIRA FUORI IL SUO ANIMO DA ULTRÀ DELLA ROMA: “QUANDO GLI ARBITRI USCIVANO DALLO STADIO CON IL PULLMAN, VENIVANO ACCOLTI DAI TIFOSI, TRA CUI IO, CON SIMPATIA…” – “SE LILLI GRUBER MI INVITA QUANDO C’E’ LA PARTITA? EVITO DI ANDARCI, SIAMO SUFFICIENTEMENTE AMICI PER POTERGLIELO DIRE…” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Da Un Giorno da Pecora

 

lucio caracciolo a un giorno da pecora lucio caracciolo a un giorno da pecora

Il direttore della rivista Limes Lucio Caracciolo, tra i più autorevoli ed equilibrati esperti di eventi geopolitici, è un insospettabile ed accesissimo tifoso della Roma, squadra che segue da sempre anche allo stadio, dove è abbonato. “Ora sono abbonato nel settore Tevere Centrale, da ragazzo andavo sul mitico muretto della Curva Sud. Il momento più bello allo stadio è quando si canta ‘Grazie Roma’, perché vuol dire che abbiamo vinto”, ha esordito il giornalista.

 

Ieri però il derby non è andato benissimo. “Si, ma la sconfitta un po’ me l’aspettavo”. I suoi amici laziali l’hanno presa in giro? “Ho il telefono spento da ieri sera alle 20, così non possono scrivermi”. Anche lei dà la colpa all’espulsione di Ibanez? “Forse non doveva giocare, non regge certe partite ma mi fido di Mourinho”. Il tecnico portoghese spesso se la prende con gli arbitri? “Per me Mou fa sempre bene”.

lucio caracciolo a un giorno da pecora lucio caracciolo a un giorno da pecora

 

Ha anche dei riti particolari che fa prima di ogni partita. “Si. Ad esempio il giorno della partita non mi taglio mai la barba”. Qual è stata la cosa più folle fatta per la fede giallorossa? “Menare alla polizia”. Prego? “ Quando ero ragazzo, negli anni Settanta, andavo allo stadio e c’erano degli arbitri un po’ particolari”. Cosa intende? “Funzionava così gli arbitri uscivano con un pullman e spesso dei tifosi, tra cui io, li accoglievamo con simpatia...”

 

In che senso? “La polizia tirava roba addosso a noi e io – ha detto a Un Giorno da Pecora Caracciolo - confesso di aver tirato qualche bottiglietta, ma non li ho colpiti”. Si ricorda in quale partita successe? “Forse un micidiale Roma Inter, con Michelotti di Parma come arbitro: ci rubarono letteralmente la partita”.

 

lucio caracciolo a un giorno da pecora lucio caracciolo a un giorno da pecora

Dall’inizio della guerra in Ucraina lei è quasi ospite fisso di Lilli Gruber a Otto e Mezzo. Se una partita importante della sua Roma coincidesse con l’invito al talk cosa farebbe? “Se posso, evito di andarci, tanto siamo sufficientemente amici per poterglielo dire”.

LUCIO CARACCIOLO - LUCIO CARACCIOLO - LILLI GRUBER - LUCIO CARACCIOLO LILLI GRUBER - LUCIO CARACCIOLO lucio caracciolo a otto e mezzo 1 lucio caracciolo a otto e mezzo 1 lucio caracciolo a otto e mezzo 5 lucio caracciolo a otto e mezzo 5 lucio caracciolo foto di bacco lucio caracciolo foto di bacco LUCIO CARACCIOLO LUCIO CARACCIOLO

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)