E ORA SPADAFORA COME SI METTE? I TECNICI DI PALAZZO CHIGI SCRIVONO AL MINISTRO DELLO SPORT: 20 PUNTI DI CRITICITÀ, LA LEGGE DELEGA DA RIVEDERE – “IL TESTO UNICO NON SI LIMITA A RIORDINARE IL CONI" MA "FUORIESCE DALLA DELEGA" SOPRATTUTTO SULLE PREROGATIVE AFFIDATE AL NUOVO DIPARTIMENTO SPORT - UNA NUOVA VERSIONE È STATA INVIATA NELLE ULTIME ORE. MA COME RISPONDERA’ SPADAFORA AI NUMEROSI RILIEVI?

-

Condividi questo articolo

Mario Canfora - Valerio Piccioni per gazzetta.it

 

conte spadafora conte spadafora

“Numerose criticità redazionali”. Con questa formula il Dagl (Dipartimento Affari Legislativi e Giuridici della Presidenza del Consiglio) boccia il Testo Unico della legge delega presentato dal ministro dello sport Vincenzo Spadafora e oggetto di confronto con le altre forze politiche di maggioranza e di dura contrarietà da parte di Coni e federazioni sportive. Nella lettera che viviseziona punto per punto il testo, sono segnalati 20 punti su cui bisognerà di nuovo intervenire.

 

 

Nel punto 1 si sottolinea che il Testo Unico “non si limita a riordinare il Coni e la disciplina di settore, ma si estende a tutti i profili che interessano latamente l’ordinamento sportivo, fuoriuscendo dalla delega almeno secondo un’interpretazione letterale. Si consiglia al punto 2 di interessare il Consiglio di Stato e al punto 3 “la questione di un trasferimento (essenzialmente da Sport e Salute al Coni) di beni, risorse umane e strumentali” sembra secondo il Dagl fuori delega perché la legge delega non prevede “passaggi di personale e di beni”, Vengono poi contestate al punto 5 “la mole di nuove competenze che vengono assegnate al Dipartimento”, che tende a divenire “un dicastero a sé”. Dunque troppo potere e troppe prerogative rispetto a una legge delega che prevedeva solo un “mero riordino del Coni”.

 

spadafora spadafora

VINCENZO SPADAFORA GIOVANNI MALAGO' VINCENZO SPADAFORA GIOVANNI MALAGO'

 Anche il punto 9 è particolarmente delicato perché si scrive che l’attuazione dei criteri dettati dall’Autorità politica oltrepassi il dettato della norma base che riconosce solo al Coni l’individuazione dei principi generali per la ripartizione di tali risorse”. Insomma, l’autorità di Governo può “controllare” ma enunciare dei “criteri”. C’è poi l’attuazione delle norme sul “lavoro sportivo”, in cui ci sarebbe nel Testo Unico una sorta di invasione di campo. “Occorre valutare se tali interventi possano ricondursi ai principi direttivi che appaiono piuttosto generici”.

 

vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 078 vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 078

C’è poi un punto, il 12, dove si discutono le prerogative di Sport e salute, che non darebbero coerenti come società “in house”. L’articolo 20, invece, mette in discussione la possibilità per le associazioni e le società sportive senza fini di lucro di operare per costruire, ammodernare, gestire impianti sportivi. Qui viene scritto che l’assenza di fini di lucro non toglie che “questi soggetti svolgano attività di rilevanza di mercato”. Insomma, una sorta di violazione della concorrenza.

vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 082 vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 082

 

E Questo parere si riferisce al Testo Unico inviato lo scorso 12 ottobre e non a una nuova versione che è stata inviata proprio nelle ultime ore. Bisognerà vedere se queste osservazioni sono state o saranno recepite nel nuovo testo. Ma è certo che la strada per approvare la Legge Delega si fa ora molto complicata e bisognerà ora capire come Spadafora intenda rispondere ai numerosi rilievi dei tecnici di Palazzo Chigi

vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 081 vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 081 vincenzo spadafora e vito cozzoli foto mezzelani gmt 072 vincenzo spadafora e vito cozzoli foto mezzelani gmt 072

vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 087 vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 087 vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 081 vincenzo spadafora incartato foto mezzelani gmt 081 vincenzo spadafora foto mezzelani gmt 069 vincenzo spadafora foto mezzelani gmt 069

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute