PIANTI E RIMPIANTI - LUCA BEATRICE DÀ IL BENSERVITO AL DYBALA FRIGNONE: "L'ULTIMA MODA NEL CALCIO È DISPERARSI QUANDO SI LASCIA UN CLUB. PAULO PERÒ HA AVUTO 7 ANNI PER DIVENTARE PRIMATTORE ALLA JUVENTUS SENZA RIUSCIRCI: SE VOLEVA PIÙ SOLDI DOVEVA MERITARSELI SUL CAMPO. MA DA QUELLA PARTITA CONTRO IL BARCELLONA NEL 2017 IN CUI TUTTI GRIDAMMO AL NUOVO MESSI, NELLE SFIDE IMPORTANTI LA 'JOYA' O SI ECLISSAVA O LE SALTAVA PER INFORTUNIO…"

-

Condividi questo articolo


Luca Beatrice per "Libero Quotidiano"

 

LUCA BEATRICE LUCA BEATRICE

Il gusto della lacrima in primo piano, avrebbe detto Giorgio Gaber. Dopo il mondo dello spettacolo e della tv anche il calcio è invaso da pianti incontrollati per gli addii dai verdi campi, dai monti sorgenti dall'acque, ed elevati al cielo, versione manzoniana dell'abbandono contemporaneo.

 

bonucci dybala bonucci dybala

Non sono tra i qualunquisti capaci di parlare solo di soldi, importanti ma non rappresentano tutto nella vita dove invece esistono i sentimenti, per fortuna.

 

La penultima giornata di serie A è stata contrassegnata dal pianto: ha cominciato Lorenzo Insigne a Napoli - ma forse erano più tristi i tifosi del Genoa retrocesso in serie B - e ha finito Paulo Dybala, inconsolabile, vittima di una società crudele che ha deciso di non rinnovargli più il contratto.

 

dybala dybala

In mezzo, dignitoso e dritto, il congedo di Giorgio Chiellini, capitano della Juventus e della Nazionale, penultimo eroe del ciclo vincente bianconero, uno che la storia l'ha scritta davvero ma il fisico non gli regge più come un tempo e quindi ha pensato a una possibile esperienza americana, poi si vedrà. Giusto il tributo che si deve a un capitano per il valore simbolico: toccò a Del Piero, a Buffon ora a Chiello, fu ed è commozione vera.

 

bonucci dybala bonucci dybala

L'ULTIMO LAMPO

Stesso stadio, stessa partita, Juve-Lazio con i soliti bianconeri sciagurati di questa stagione e l'ex Maurizio Sarri sulla panchina romana, ultimo a vincere lo scudetto a Torino da mal sopportato e forse unico allenatore a capire qualità e limiti di Dybala.

 

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 1 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 1

Che nella Juve ha avuto sette anni di tempo per recitare il ruolo di primattore senza riuscirci, per un motivo o per l'altro. L'ultimo suo lampo assoluto risale all'aprile 2017 quando con una doppietta e una prestazione stellare schiantò il Barcellona.

 

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 13 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 13

Trovato l'erede di Messi, scrivemmo tutti quanti, ma non fu vera gloria perché a fronte di bellissimi gol contro squadre di seconda fascia, nelle partite importanti la Joya o si eclissava o la saltava per infortunio. Da Cardiff 2017 finale di Champions a Roma 2022 finale di Coppa Italia, sono più le lacrime versate dai tifosi per brutte sconfitte e prestazioni mediocri rispetto a quelle andate in scena lunedì.

 

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 10 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 10

Tutto estetica e fragilità, Paulo Dybala rappresenta quella nuova specie piuttosto nutrita di giocatori che reclamano affetto e protezione come i panda. Piace infatti a ragazzini e ragazzine dalla commozione facile, cresciuti con i reality e la lacrima sempre in tasca buona per qualsiasi causa.

 

Piace perché non dimostra i 29 anni, ha la faccia da cucciolo e anche il gesto di esultanza, la famosa Dybala Mask, è un nascondere qualcosa del viso, segno molto adolescenziale. Per farlo crescere Andrea Agnelli e la dirigenza gli hanno affiancato prima il bomber Pipita Higuain poi il divino Cristiano Ronaldo ed ha patito il dualismo con entrambi.

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 16 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 16

 

Con Allegri tante discussioni per quale ruolo destinargli, e sempre l'opinione pubblica dalla sua parte, volete mettere un argentino malinconico rispetto a un livornese verace?

 

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 11 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 11

VOLTARE PAGINA

Le lacrime di Dybala non hanno origine venale. Non è stata questione di denaro, semplicemente la Juventus ha deciso di voltare pagina, come ha fatto con tanti altri, perché non ci credeva più.

 

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 2 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 2

E lui si è ritagliato ancora una volta il ruolo di vittima designata, non con dolo ma con quella studiata ingenuità di un ragazzo non ancora cresciuto.

 

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 15 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 15

Tutto lo stadio (non tutto) si è commosso per il suo addio, ad agosto se lo ritroverà molto probabilmente all'Inter e sarà un nemico dal quale guardarsi perché così va il mondo e non c'è proprio niente di male.

 

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 14 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 14

Debbo dire però che al viso stravolto dalle lacrime dell'ex numero 10 preferisco la maglia bagnata dal sudore di Giorgio Chiellini. Il capitano. I finali deamicisiani lasciamoli ai meccanismi della finzione.

 

le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 12 le lacrime di paulo dybala mentre saluta la juventus 12 paulo dybala 4 paulo dybala 4 paulo dybala 2 paulo dybala 2 allegri dybala allegri dybala allegri dybala allegri dybala paulo dybala 1 paulo dybala 1 paulo dybala 3 paulo dybala 3 delusione dybala foto mezzelani gmt148 delusione dybala foto mezzelani gmt148 PAULO DYBALA E BEPPE MAROTTA 1 PAULO DYBALA E BEPPE MAROTTA 1 paulo dybala 5 paulo dybala 5 dybala abbraccia lautaro in inter juventus dybala abbraccia lautaro in inter juventus paulo dybala 6 paulo dybala 6 paulo dybala paulo dybala PAULO DYBALA E BEPPE MAROTTA 2 PAULO DYBALA E BEPPE MAROTTA 2 paulo dybala jose mourinho paulo dybala jose mourinho

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute