POLVERIERA FERRARI! LA FRUSTRAZIONE DI VETTEL CHE LANCIA SOSPETTI SULLA MACCHINA DI LECLERC: “NON SONO UN IDIOTA. UNA MONOPOSTO È PIÙ VELOCE DELL’ALTRA" – LA REPLICA AL VELENO DEL TEAM PRINCIPAL MATTIA BINOTTO: "LE MACCHINE SONO IDENTICHE, LECLERC È BRAVO, PERÒ CI SI ASPETTA DI PIÙ ANCHE DA UN SECONDO PILOTA”. CHISSA’ IL PLURICAMPIONE DEL MONDO VETTEL COME VIVE LA CONDIZIONE DI ESSERE CONSIDERATO UN SECONDO PILOTA…

-

Condividi questo articolo

Da liberoquotidiano.it

 

 

leclerc leclerc

In Ferrari il clima è nuovamente incandescente all’indomani del Gran Premio di Portimao. E dire che la gara è stata anche positiva, almeno per Charles Leclerc, che è riuscito a mettere la sua monoposto in quarta posizione: un successo, considerando che puntualmente le Rosse sono state sverniciate anche da Renault, Racing Point e McLaren in questa disastrosa stagione.

 

La tensione ai box sta però crescendo sempre di più: al termine del GP Sebastian Vettel (partito quindicesimo e arrivato decimo) ha fatto i complimenti al compagno (“è più forte di me”), salvo poi avanzare sospetti molto pesanti parlando con le tv tedesche. “È ovvio che una macchina è più veloce dell’altra - ha sparato Vettel -, guardo i dati e non capisco. Un idiota non sarebbe in grado di comprendere i numeri di Charles, ma non sono completamente idiota”.

 

ferrari leclerc vettel ferrari leclerc vettel

Insomma, per Sebastian il compagno di scuderia ha qualcosa che lui non ha sulla sua monoposto. La replica (a distanza) di Mattia Binotto è gelida e altrettanto pesante perché per la prima volta ammette che il tedesco è il secondo pilota: “Le macchine sono identiche. Spero che Seb riesca a qualificarsi più avanti a Imola e far vedere meglio le sue qualità in gara. Charles è bravo, però ci si aspetta di più anche da un secondo pilota”.

gp portogallo gp portogallo leclerc leclerc binotto binotto vettel vettel LECLERC LECLERC LECLERC LECLERC leclerc binotto leclerc binotto

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute