PORTATE I SALI A VANNACCI! L’ITALIA FIGLIA DELL’IMMIGRAZIONE DOMINA AGLI EUROPEI DI ATLETICA: JACOBS È NATO IN TEXAS, MATTIA FURLANI HA ORIGINI SENEGALESI, SIMONELLI HA LA MAMMA DELLA TANZANIAM, CHITURU ALI, MAMMA NIGERIANA E PAPÀ GHANESE, È CRESCIUTO IN UNA FAMIGLIA ITALIANA DALL’ETÀ DI TRE ANNI MENTRE CRIPPA È NATO IN ETIOPIA - “UNA LEZIONE PER LE RIDICOLE POSIZIONI SULLA PUREZZA DEL DNA ITALIANO” - CARLO VERDELLI E LA STILETTATA AL GENERALE CANDIDATO DELLA LEGA: "COME E' LA STORIA DEI TRATTI SOMATICI?"

-

Condividi questo articolo


 

Karima Moual per repubblica.it

 

vannacci vannacci

Non so in questa ultima giornata elettorale come la prenderanno i Vannacci, i loro fratelli, cugini e amici al governo - costruttori della narrativa sul pericolo della "sostituzione etnica”, e ideatori di una nuova branca nell’armocromia, quella sulle sfumature e gradazioni del colore della pelle, per decretare il segmento dell “l’italianità” dei cittadini con origini straniere;

 

ma vorrei sommessamente far notare che è grazie ai “ nuovi italiani”, i figli appunto dell’immigrazione, nelle sue gradazione di colori, che l’Italia sta dominando gli europei di atletica.

 

 

marcell jacobs marcell jacobs

E’ obiettivamente la notizia più bella e politica della giornata. Bella perché la bandiera italiana attraverso i suoi campioni viene tenuta alta con la vittoria. Ma anche tanto politica, perché a tenerla alta sono anche e soprattutto i “nuovi italiani” sui quali da ormai troppi anni, la politica si divide.

 

Tra chi prova timidamente a convincere che l’integrazione è l’unico strumento a nostra disposizione per costruire una società coesa e anche competitiva, e chi non ne vuole sapere di riconoscerli come tali, e quindi non solo li ignora ma intossica il processo della loro integrazione, giocando alla divisione e parallelamente rendendo anche il processo dall'acquisizione di quel foglio di carta che è la cittadinanza un percorso a ostacoli.

Chituru Ali Chituru Ali

 

Eppure, non c’è niente da fare, la realtà riesce con la sua forza dirompente a imporsi. Certo, è drammaticamente devastante e deprimente riconoscere che purtroppo in questo processo di riconoscimento mancato, di politiche fallimentari in tema, si perda molto tempo e anche tante risorse umane, non dimentichiamo infatti che nello sport, tanti talenti sono in panchina perché ancora senza cittadinanza italiana e si trovano a non poter competere.

 

 

Ma vale per lo sport come vale per tutto nel nostro paese, con la differenza che nello sport è più plateale l’immagine di quello che possiamo vincere e vinciamo, come altrettanto quello che perdiamo.

 

E’ la stessa identica partita. E’ una verità che emerge sempre più spesso e con più forza soprattutto attraverso lo sport perché come sappiamo è lo strumento per eccellenza che attraverso l’immagine dei corpi in gara riesce a trasmetterci messaggi a livello internazionale che vanno al di là dello sport. Solo per fare qualche esempio, lo è stato per la pallavolista Paola Egonu, il velocista Marcel Jacobs e tanti altri ancora, e lo è oggi con Mattia Furlani, figlio dell’Italia e del Senegal, Chituru Ali, mamma nigeriana papà ghanese ma cresciuto in una famiglia italiana dall’età di tre anni.

ali jacobs simonelli ali jacobs simonelli

 

Cosa continuano a dirci queste vittorie di un’Italia, con la molteplicità dei suoi colori, che lo sport ci impone di guardare in faccia? Almeno due cose. La prima: che è l'Italia vera, quella del nostro presente ma anche del futuro che ci attende e non è solo più bella nella naturalezza di questo processo in atto - nonostante il vento contro, di chi scrive che è “un mondo al contrario” nell’incapacità di seguire i processi di evoluzione ottenendo benefici, preferendo chiudersi pigramente nel passato a rischio di cadere anche nel ridicolo alla ricerca di una purezza dell’italianità del dna - ma dimostra di essere anche più attuale, più forte e competitiva.

 

lorenzo simonelli lorenzo simonelli

La seconda è che la forza dello sport è certamente fisica, e ha un palcoscenico più grande, ma attenzione a pensare che gli immigrati e i loro figli siano dei supereroi solo negli sport. I nuovi italiani, a bassi o alti livelli, fanno la loro parte ed è riconosciuta statisticamente come segmento di crescita in vari settori. Hanno voglia di essere riconosciuti, spinti dalla fame di un riscatto, che un paese come l’Italia è ora che lo recepisca costruendoci “valore produttivo e competitivo”, e non solo il tempo di gioire per un gara sportiva che si vince.

 

I “nuovi italiani” che tengono alta la bandiera italiana nello sport ci devono far riflettere sui tanti altri senza riflettori accesi che costruiscono futuro ma che qualcuno ha deciso di farli sentire meno italiani.

Lorenzo Simonelli Lorenzo Simonelli furlani furlani mattia furlani mattia furlani mattia furlani mattia furlani furlani dosso simonelli furlani dosso simonelli yeman crippa yeman crippa YEMAN CRIPPA YEMAN CRIPPA YEMAN CRIPPA YEMAN CRIPPA Lorenzo Simonelli Lorenzo Simonelli

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...

DAGOREPORT - L’AMERICA È PSYCHO! I DEMOCRATICI SONO COSI’ TERRORIZZATI ALL’IPOTESI DI TRUMP ALLA CASA BIANCA CHE ORMAI LE SPARANO SENZA RITEGNO - L’ULTIMA? SPINGERE BIDEN A TOGLIERSI DALLE PALLE PER CANDIDARE KAMALA HARRIS AFFIANCATA DA BARACK OBAMA COME VICE - UNO SCENARIO POSSIBILE (OBAMA E' STATO PRESIDENTE PER 8 ANNI MA PUO' FARE IL NUMERO DUE) MA FANTASIOSO: BARACK STAREBBE ALLE SPALLE DI UNA SCARTINA COME KAMALA? E POI: L’AMERICA ACCETTEREBBE MAI DUE NERI ALLA GUIDA DEL PAESE? - L’ENDORSEMENT PELOSETTO DI OCASIO CORTEZ A BIDEN: LA 34ENNE PASIONARIA SPERA CHE IL PRESIDENTE VADA A SBATTERE, CHE VINCA TRUMP, COSI’ TRA QUATTRO ANNI SARA’ LEI A CANDIDARSI…

FLASH! – BRUTTISSIMA NOTIZIA PER L’AD IN PECTORE DELLA RAI, GIAMPAOLO ROSSI. DAJE E DAJE, AMADEUS IN MODALITÀ CATERPILLAR AVREBBE FINALMENTE CONVINTO QUEL CACADUBBI DI FIORELLO, CHE NON AVEVA NESSUNISSIMA VOGLIA DI LAVORARE ANCORA IN RAI, A ENTRARE NELLA FAMIGLIA DISCOVERY (AMADEUS, FAZIO E CROZZA) PER UN PROGRAMMA SUL 9 – ENTRO FINE LUGLIO SAREBBE ATTESA LA FIRMA DEL CONTRATTO, A SETTEMBRE IL DEBUTTO DELLO SHOWMAN SICULO - LA SMENTITA DI FIORELLO: "INDISCREZIONE TOTALMENTE FALSA"