IL PRONOSTICO DI SCONCERTI SUL DERBY: "MILAN-INTER SENZA UN FAVORITO. ANCHE SE QUALCOSA DENTRO DI ME DICE..." – PERRONE (IL FOGLIO) - "MILAN E INTER SONO RIPARTITE COME LA CITTÀ. TRA IBRA E DZEKO SI DECIDE LO SCUDETTO" – LA CANZONE DI CELENTANO CHE CELEBRA IL DERBY DI MILANO, SAN SIRO E "QUELLA MORA SUGLI SPALTI" – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Mario Sconcerti per il Corriere della Sera

 

IBRA DZEKO IBRA DZEKO

Resto al lato tecnico. Se il Milan sceglie Tonali per Bennacer ha in mente una partita più coperta. È l’alternativa che può cambiare la squadra. Personalmente non toglierei mai Bennacer se sta bene, ma capisco che Tonali oggi ha più energia. Il punto di equilibrio della partita sarà spezzato da quello tra Diaz e Calhanoglu che darà di più al gioco. L’Inter sta meglio in questo momento, il Milan ha più profondità.

 

Da Valutare Ibrahimovic che però in queste partite è spesso decisivo. I jolly dell’Inter sono Lautaro e la modestia intelligente di Darmian. Saranno decisivi i dettagli e gli episodi, quindi i giocatori meno famosi ma fondamentali nel chiudere gli angoli. Darmian, appunto, ma anche Calabria e Saelemaekers, Dimarco quando entrerà. Pronostico: qui permettetemi la tripla. Davvero, non so fare un pronostico. Anche se qualcosa dentro di me, in modo del tutto incosciente, mi dice Inter.

 

 

PIOLI INZAGHI PIOLI INZAGHI

 

LA STRACITTADINA E’ TORNATA A CAMMINARE

ROBERTO PERRONE per il Foglio Sportivo

 

Èil Derby. Sì, il derby di Roma accende e divide la città come se fosse la finale di Champions League. Sì, nel derby di Torino c'è una rivalità politico- geografica, la squadra del popolo e della città contro la squadra del padrone, troppo grande e troppo seguita per essere legata a un solo luogo.

 

stefano pioli foto mezzelani gmt030 stefano pioli foto mezzelani gmt030

Sì, nel derby di Genova le gradinate vengono giù come lava ribollente e lo stadio ti sta addosso come non succede altrove. Tutto vero, ma quando si parla di derby, solo per quello di Milano la "d" diventa maiuscola. Il Derby è questo, quello Milano, di San Siro, la "Scala del calcio", che tra le definizioni abusate da cui siamo circondati è la meno banale.

 

Nello stadione che, forse, ha gli anni contati, domani sera si incroceranno Milan e Inter per un'altra sfida scudetto. Entreranno nel teatro intitolato a Giuseppe Meazza che tornerà ad avere un pubblico dopo venti mesi. Quando cominciai la mia avventura nel giornalismo, mi portarono nell'ufficio di Pilade Del Buono, al Giornale diretto da Montanelli. Pilade aveva strappato Gianni Brera al Giorno e l'aveva portato da Indro. Il suo primo articolo, in quella che allora era la Terza Pagina, campeggiava appeso dietro la sua scrivania. Era il necrologio di Meazza. Il titolo mi è rimasto impresso: "Peppin Meazza era il folber".

 

zlatan ibrahimovic contro la roma 6 zlatan ibrahimovic contro la roma 6

Parentesi: era rimasto impreso anche a Montanelli che odiava le espressioni dialettali e fece un bel respiro per accettarlo. Peppin Meazza era il folber, e il Derby la più alta espressione. Ibrahimovic contro Dzeko, un derby formato gigante tra il quarantenne Zlatan e il trentacinquenne Edin che per la prima volta si affrontano nella stracittadina milanese

 

inzaghi inter udinese inzaghi inter udinese

 Per me, ragazzo di provincia, il derby è sempre stato questo, il Derby Milan- Inter ( secondo calendario), un mare di cappelli e cappotti in bianco e nero, che formavano una sola, unica, lunga onda di tessuto e sentimenti, di umanità diversa che nel grande stadio consacrato al rito del calcio, diventava tutt' uno, lasciava fuori le differenze di classe e si fondeva in un'unica fede. Quella per il football. Una grande fede divisa in due dal tifo, ovviamente. San Siro- Meazza era un luogo magico dove nascevano storie.

 

Solo il Derby con maiuscola ha una canzone straordinaria a raccontarlo: "Oh, bella mora / Se non sbaglio lei ha visto l'inter- Milan con me / Ma come fa lei a non ricordar / Noi eravamo in centomila / Allo stadio quel dì / Io dell'iInter / Lei del Mi- Milan / Oh, bella mora" canta Adriano Celentano sui vecchi gradoni di cemento dello stadio prima dei vari "ri tocchi", soprattutto quello del 1990. Il Derby di Milano è storia e cronaca, cultura e spettacolo.

zlatan ibrahimovic contro la roma 7 zlatan ibrahimovic contro la roma 7

 

In questi giorni, come accade sempre, avrete letto le sue vicende e i suoi aneddoti, un percorso lungo 112 anni dalla prima volta, il 10 gennaio 1909, sul campo di porta Monforte, Milan- Inter 3- 2. La narrazione del Derby incrocia quella della città e della Nazione. A San Siro- Meazza il calcio italiano ha raggiunto le sue vette. Questi muri, questo prato hanno visto più trofei di tutti gli altri, e ci sono le targhe, quando entri e alzi la testa, a ricordarli: 37 scudetti ( 18 Milan, 19 Inter), 10 Coppe dei Campioni, vecchie e nuove ( 7 Milan, 3 Inter). Basta questo, senza contare tutti gli altri trofei che, pure, sono numerosi. Non c'è un luogo come questo, in Italia, non c'è un Derby come questo. Certo, negli ultimi anni è stata una sfida al ribasso, negli anni della Juventus dominante Milan e Inter non erano degni avversari, perché a Madama i pericoli ( quasi sempre presunti) li portavano altri, il Napoli soprattutto, la Roma talvolta, nell'anno del Covid la Lazio fermata sul più bello dal virus e mai più tornata.

simone inzaghi 2 simone inzaghi 2

 

Ora, da un anno, il Derby è tornato quello dei cappotti e di Celentano, un evento, perché Milan e Inter sono tornate lassù, in alta classifica. Ora siamo al Derby numero 229 ( in serie A il numero 175) ma sommando le gare non ufficiali ( qualcuno l'ha fatto, complimenti, ma si trovi uno bravo per l'analisi) sarebbero 300 cifra tonda. Siccome la matematica non è mai stata il mio mestiere lo riporto così, senza assumermi alcuna responsabilità.

 

Questa se l'assumeranno "bauscia" e "casciavit", secondo l'antica divisione che è bella ma non esiste più nei fatti, perché le carte sociali si sono mischiate e gli interisti non sono più i borghesi coi danè, un po' ganassa ( arroganti/ strafottenti) e i milanisti non sono più il popolo operaio, che usa i cacciaviti, appunto. Se l'assumeranno bauscia e casciavit in maglietta e calzoncini, Pioli & Inzaghi, Ibrahimovic & Dzeko. Grazie a loro e a tutti gli altri, il Derby è tornato importante e ora cammina di nuovo insieme con la città. Sì, perché se anche negli anni calcisticamente bui, aveva mantenuto intatto il suo fascino, per lo scudetto era meno rilevante.

 

CELENTANO 19 CELENTANO 19

Il Derby di Milano ha vissuto una sorta di staffetta con la città. Con l'expo del 2015 Milano ha avuto un'accelerazione, diventando una metropoli che poco aveva a che spartire con il resto d'italia: "Milano vicino all'europa", cantava Lucio Dalla in tempi non sospetti, mentre Milan e Inter "che fatica".

 

Poi è arrivato il virus e Milano ha rallentato, la città ha frenato, i grandi alberghi sono rimasti vuoti, il centro, un po' per lo smart working e molto per l'as senza di turismo è diventato un deserto. Invece, proprio durante la pandemia Milan e Inter hanno ripreso il posto che devono occupare in classifica, per l'eredità, per la discendenza. Ora, la città, uscita dalla pandemia ( speriamo), ha ripreso il suo cammino: il Derby e Milano procedono nuovamente affiancati, non hanno più due velocità ma lo stesso ritmo, la stessa emozione. Ci vediamo sugli spalti, oh bella mora.

 

 

zlatan ibrahimovic contro la roma 5 zlatan ibrahimovic contro la roma 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

URGE UN T.S.O. PER SALVINI: IN UNA SOLA GIORNATA È STATO CAPACE DI BRUCIARE LA SECONDA CARICA DELLO STATO, POI DI ANNUNCIARE CHE IL CENTRODESTRA NON VUOLE IL BIS DI MATTARELLA, INFINE, IN DUPLEX CON CONTE,PROPORRE ELISABETTA BELLONI PRESIDENTE - L’INTESA TRA I DUE CIUCCI PRESTATI ALLA POLITICA FA FELICE GRILLO E LA MELONI, FA INCAZZARE DI MAIO, TAGLIANDO FUORI PD, LEU, ITALIA VIVA E FORZA ITALIA: MANCO IN NICARAGUA CON ORTEGA IL CAPO DEI SERVIZI SUL COLLE E UN DUPLEX DRAGHI-BELLONI, DUE TECNICI AI MASSIMI VERTICI DELLO STATO - LA BELLONI NON CE LA FARÀ MAI. PER DI PIÙ IL BERLUSCA È FUORI DI SÉ CONTRO IL KING PIPPA SALVINI E MEDITA DI ALLEARSI AL PD CONTRO DI LUI. PER ELEGGERE CHI? MATTARELLA O AMATO, OVVIAMENTE...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute