"IL CALCIO DI GUARDIOLA LOGORA CHI NON SA AMARE". PAROLA DI LELE ADANI - PEP TORNA IN FINALE DI COPPA DEI CAMPIONI DOPO 10 ANNI E PORTA IL CITY GIOCARE LA PRIMA FINALE DI CHAMPIONS DELLA STORIA (51 ANNI FA L’ULTIMA FINALE DEI CITIZENS NELLA VECCHIA COPPA DELLA COPPE) – IL PSG SI INCHINA ANCHE ALL’ETIHAD: DOPPIETTA DI MAHREZ. IL PRIMO GOL INNESCATO DA UN RINVIO CON IL CONTAGIRI DEL PORTIERE (CON PIEDI DA FANTASISTA) EDERSON, PUPILLO DI GUARDIOLA…

-

Condividi questo articolo


Da gazzetta.it

city psg city psg

Missione compiuta: per la prima volta nella sua storia il Manchester City arriva a giocare una finale di Champions, 51 anni dopo l'ultima finale in una coppa europea (nel 1970 era la Coppa della Coppe, poi vinta). Lo fa con gran merito, battendo il Psg anche in casa e con un cammino in Champions da dominatore: 11 vittorie e un pareggio (con il Porto), con 25 gol fatti e appena 4 incassati. Pep Guardiola è imbattuto da 14 partite e il 29 maggio a Istanbul contenderà il trofeo a uno tra Chelsea e Real Madrid.

 

Una forte grandinata si è abbattuta su Manchester, prima dell'inizio della gara di ritorno delle semifinali di Champions League tra Manchester City e Psg. La grandine è stata rimossa solo in alcuni parti del terreno di gioco dell'Etihad Stadium e il primo tempo si è giocato quasi completamente su un campo imbiancato

 

city psg city psg

PRIMO TEMPO

Mbappé rimane in panchina, il posto di titolare è di Icardi, assistito da Di Maria e Neymar. Guardiola all'inizio opta per Fernandinho in mezzo al campo, con Mahrez, Bernardo Silva e Foden nel tridente d'attacco. Il match, giocato su un campo insidioso, ricoperto di grandine, potrebbe avere una svolta importante già dopo 5 minuti, quando l'arbitro vede un mani di Zinchenko in area e concede il rigore ai francesi. Soltanto al video vedrà che il giocatore del City ha preso il pallone con una spalla e dovrà fare marcia indietro. L'inizio del Psg è coraggioso e il City difende con un certo affanno, ma quando si distende sono guai.

 

city psg city psg

Infatti, all'11', con un'azione veloce e letale, sblocca il match: rilancio lungo di Ederson per Zinchenko, che galloppa a sinistra e mette in mezzo; il tiro di De Bruyne viene deviato da Florenzi, la palla vaga nei pressi del secondo palo dove in agguato c'è Mahrez, che batte Navas.

 

La reazione del Psg c'è e Marquinhos timbra la traversa (16'). Tre minuti più tardi un errore in uscita degli inglesi, con Ederson fuori dai pali, permette a Di Maria di mirare la porta vuota, ma il suo tiro finisce di poco a lato. Piano piano il City si mette a difendere meglio e per il Psg diventa sempre più difficile creare occasioni pericolose. Icardi vaga con poche idee e anche Neymar va avanti a sprazzi. Alla lunga è Di Maria quello con maggior verve, positivo anche Verratti nelle due fasi. Il Psg deve segnare due gol per portare la gara ai supplementari, così il City controlla e morde. Nel finale è ancora Mahrez a impegnare Navas.

 

city psg city psg

SECONDO TEMPO

  Il Psg si butta in avanti a testa bassa e presta il fianco alle ripartenze del City, che con Foden impegna due volte Navas nel giro di pochi secondi (ma nel primo caso c'era fuorigioco). Sul ribaltamento di fronte, Neymar semina il panico in area inglese e Zinchenko, in scivolata disperata, devia in angolo, meritandosi i complimenti dei compagni. Gara viva, il muro inglese respinge tutto e appena Pochettino fa i cambi (fuori un pessimo Icardi e Herrera, dentro Kean e Draxler) il City mette la pietra tombale sulla gara (63'):

 

pep guardiola pep guardiola

Foden triangola con De Bruyne e crossa per Mahrez, che batte Navas. Il match, ormai segnato, diventa un rodeo e a farne le spese è Di Maria, che cade nel tranello di Fernandinho e viene espulso per un fallo di reazione. Per il City diventa tutto più facile: Foden, scatenato, con il mancino colpisce il palo, poi ci riprova e Navas para.

 

Condividi questo articolo

media e tv

FULVIO ABBATE: “MA LE ANIME BELLE DI SINISTRA CHE SCRIVONO ROMANZI EDIFICANTI DEDICATI AD AMICI MORTI GIOVANI DRAMMATICAMENTE, E PER QUESTO PUNTUALMENTE PREMIATI, GLI STESSI CHE SI SONO RISENTITI PER L’ACCENNO A UNA POSSIBILE PRESENZA DI “POLVERE BIANCA” (FRA L'ALTRO, CITATA NEL LORO GIORNALE DI RIFERIMENTO CULTURALE, "LA REPUBBLICA") NELLA TRAGICA FINE DI LIBERO DE RIENZO, DOV’ERANO QUANDO DELLE NOTTI DI LAPO VENIVA RACCONTATA OGNI POSSIBILE CRUDELE E OSCENA COSA? - A QUESTE PERSONE ANDREBBERO SEQUESTRATI DALLE LORO LIBRERIE PRIVATE ANCHE I...

politica

business

LA SINISTRA RIPARTA DA MARGHERITA AGNELLI – “IL FATTO”: “ORMAI VA DETTO. LA MADRE DI JOHN, LAPO E GINEVRA ELKANN VA ANNOVERATA TRA LE EROINE DEL SOCIALISMO ITALIANO, TIPO ANNA KULISCIOFF O MARIA GOIA. A DIFFERENZA DELLE MADRINE DEL MOVIMENTO, MARGHERITA LAVORA DIETRO LE LINEE NEMICHE, DOVE, CON INCISIVE AZIONI DI SABOTAGGIO, PROVA A MOSTRARE AL PROLETARIATO DI CHE LACRIME GRONDI E DI CHE SANGUE IL POTERE CHE LO OPPRIME E QUALI SIANO I SENTIMENTI E LA MORALITÀ DI CUI SI NUTRONO LE BELLE FAMIGLIE DEL CAPITALISMO ITALIANO…”

cronache

DA UN GRANDE PENE DERIVANO GRANDI RESPONSABILITÀ - AVERE UN AUGELLO DI GROSSE DIMENSIONI NON È SEMPRE UNA COSA BUONA, ANZI, PUÒ PROVOCARE MOLTI PROBLEMI. INFATTI ESISTE UN FORUM DOVE LA GENTE CONFRONTA I PROPRI DISAGI: "QUANDO DA FLACCIDO È PIÙ GRANDE DI UNO MEDIO ERETTO, SEMBRI UNA PERSONA PERVERTITA A PRESCINDERE DA COME TI COMPORTI" - "È DOLOROSO PER CHI NON È ABITUATO A QUALCUNO DELLA MIA TAGLIA E PER ME PERCHÉ QUANDO UN ANO È TROPPO STRETTO MI STRITOLA" - “ALCUNI UOMINI MI CHIEDEVANO DI SCOPARMI LE LORO MOGLI E...”

sport

CI AVETE FATTO DUE PALLE COSÌ – LA SQUADRA DI BASEBALL DI CLEVELAND, GLI “INDIANS”, CAMBIERÀ NOME PER NON OFFENDERE I NATIVI D’AMERICA. VIA ANCHE IL MITICO LOGO CON “CHIEF WAHOO”, CHE AVEVA 95 ANNI DI VITA – LA SQUADRA DA ORA IN POI SI CHIAMERÀ “GUARDIANS”: LA SCELTA È ARRIVATA DOPO UN LUNGO PERCORSO DI “PRESA DI COSCIENZA”, E SOPRATTUTTO DOPO LE MINACCE DEGLI SPONSOR – TRUMP SI INCAZZA: “È UNA VERGOGNA. POSSO ASSICURARE CHE LA GENTE PIÙ ARRABBIATA SONO PROPRIO GLI INDIANI DEL NOSTRO PAESE. PER LORO AVERE UNA SQUADRA COL LORO NOME ERA UN ONORE” – VIDEO

cafonal

viaggi

salute