"FRIEDKIN E PINTO: A CHE GIOCO GIOCATE?" – ZAZZARONI MENA DURO SULLA SOCIETA’ “ASSENTE”. COM’È POSSIBILE CHE LA PROPRIETÀ E IL GENERAL MANAGER CONTINUINO A FREGARSENE DELLE RICHIESTE D’ATTENZIONE DI MOURINHO? TIAGO PINTO CHE RUOLO STA INTERPRETANDO? I FRIEDKIN HANNO PROGRAMMI DIVERSI DA QUELLI DI MOU? E, SE SÌ, QUALI?" - ATTENZIONE A NON CONSIDERARE I TIFOSI CHE VOGLIONO ANCORA MOURINHO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Ivan Zazzaroni per il Corriere dello Sport

 

mourinho friedkin mourinho friedkin

Come si possono sporcare i giorni che precedono una finale prestigiosa e importantissima per la storia della Roma, ovvero un momento che dovrebbe essere entusiasmante, di totale condivisione? Proprio come sta facendo la società: con il silenzio infinito, l’assenza, una presa di distanza a questo punto voluta.

 

 

Come si può tradire un allenatore, mancando di rispetto al suo passato e al suo presente, al suo lavoro? E come si possono ignorare i sacrifici e l’impegno di una squadra povera di tecnica ma seria, molto presente a sé stessa, quasi devota e di cuore? Sempre con il silenzio infinito, l’assenza e una presa di distanza assurda. Com’è possibile, in altre parole, che la proprietà e il general manager continuino a fregarsene delle richieste d’attenzione di Mourinho? Hanno sensazioni e programmi diversi dai suoi? E, se sì, quali? Considerano la figura di un tecnico monumentale troppo scomoda e ingestibile? È per caso intervenuto un che di gelosia? Si sono stufati dell’amatissimo capopopolo e sperano di indurlo a lasciare?

 

mourinho in tribuna agli internazionali mourinho in tribuna agli internazionali

(...) Quando Dan volò a Londra per convincere Mourinho a accettare la Roma e gli promise il primo anno di sacrifici, il secondo di crescita e il terzo di successi, sapeva perfettamente di inseguire il top: da allora cos’è cambiato?

 

Per quasi ventiquattro mesi Mou è stato azienda, rispettoso ancorché sofferente: si è limitato a tre, quattro punture che erano chiari inviti al confronto e alla chiarezza. Nelle ultime settimane non ce l’ha più fatta. S’è reso conto che le commoventi risposte vincenti del gruppo meritavano segnali e comportamenti differenti: non ha attaccato pubblicamente la società per distogliere l’attenzione dai risultati, visto che ha raggiunto la seconda finale europea di fila con l’unica delle quattro semifinaliste non precipitate dalla Champions.

 

mourinho mourinho

È un fatto che negli ultimi sei mesi Allegri sia rimasto solo, senza la società azzerata dalla giustizia sportiva. Mourinho si è ritrovato nella stessa condizione, nel suo caso però la giustizia non ha toccato palla. Analogie e differenze tra i due potrebbero continuare all’infinito, ma qui mi fermo. E Tiago Pinto? Che ruolo sta interpretando? Ha mai provato a fare da tramite, da collante tra l’allenatore-amico e la proprietà? Mi sa di no: continua a far finta di niente, non capendo che a Mou e a questa squadra deve i successi che in qualche modo sta firmando.

 

Ecco allora la domanda delle mille pistole: non pensa, la proprietà, che il pubblico sempre presente all’Olimpico possa sentirsi poco considerato? Un pubblico che ha tollerato anche momenti di calcio pratico confidando nella forza della passione e avendo fiducia esclusivamente in Mou. Qualcuno a Trigoria ritiene che siano tutti stupidi?

 

mourinho tiago pinto mourinho tiago pinto

Tra meno di un mese si concluderà anticipatamente l’avventura romanista dello Special, un romanzo (troppo) breve ma indimentacabile. Al momento non vedo come possa andare diversamente, visto che nessun texano si è mai fatto vivo. Manco Kit Carson. Un finale del genere non lo meritano l’allenatore, i collaboratori, i giocatori e soprattutto i romanisti. Se c’è un mistero, va svelato ora. Al tecnico. Ai tifosi. A noi che abbiamo giocato con Mourinho una delle più emozionanti e gratificanti partite giallorosse. Dan e Ryan Friedkin, a che gioco giocate? Lina, help us, please.

 

PS. Jim Pallotta cercò a lungo e invano di portare la Roma fuori dal Grande Raccordo Anulare. I Friedkin ci sono finalmente riusciti. Ma solo grazie a Mourinho.

mourinho friedkin mourinho friedkin mourinho friedkin mourinho friedkin jose mourinho foto mezzelani gmt 090 jose mourinho foto mezzelani gmt 090

 

mourinho zazzaroni tiago pinto mourinho zazzaroni tiago pinto

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)