"IL  VILLAGGIO VIP DEL FORO ITALIANO TRA VINO ROSSO E PANINI ERA DIVENTATO PIÙ IMPORTANTE DEL TORNEO. STAVANO TUTTI A MAGNÀ..." - I RICORDI DI GIAMPIERO GALEAZZI: “FEDERER? TROPPO SACRESTANO. I MIEI EREDI? NON SO UN IMPERATORE” - E PARLA DI McENROE, DJOKOVIC, CR7 E FELICE PULICI: “PARLARE CON LUI DI LAZIO ERA UN COMBATTIMENTO” - LA FUGA DAL FORO ITALICO PER RACCONTARE IL 2° SCUDETTO BIANCOCELESTE (A UN FRATE CHIESE: "C’E’ UN DIO ALLORA?") - L'ANEDDOTO DI MALAGO’ SU ZOFF E IL GOL DE' TURONE: VIDEO

Condividi questo articolo

pulici cover pulici cover

 

 

 

Francesco Persili per Dagospia

“Il portiere è un uomo solo? Io non sono mai stato solo, in porta parlavo con il mondo. Nel vecchio Olimpico, senza copertura, ogni tanto guardavo verso la Madonnina di Monte Mario e mi rivolgevo anche a lei: “Vedi un po’ quello che puoi fare…”. Le parole di Felice Pulici, tratte da una vecchia intervista a Tv2000, rimbombano all’Aniene colorato per una sera di biancoceleste.

 

Va in scena la presentazione del libro (“Per Sempre Felice”, collana Lazialità) dedicato al portiere del primo scudetto della Lazio, scomparso lo scorso dicembre. “La sua è stata un’epopea incredibile”, spiega il numero 1 del Coni, Giovanni Malagò: “Campione indiscusso, uomo speciale e dirigente illuminato, anche del Coni. Era tifoso ma volava alto. Lui, uno dei simboli della Lazio ha collaborato per anni con un Presidente del Comitato regionale del Coni come Riccardo Viola, simbolo della Roma”. Un ‘unicum’ anche la sua storia che racconta di oratori e palloni finiti sotto gli autobus, di guanti di lana bagnati e briscole bugiarde, di litigate con Martini negli spogliatoi (“Non c’hai un capello..”) e goliardate di vecchi cronisti (“C’è Felice? No, è uscito. Impossibile, lui non esce mai…”) fino al giorno che vale una vita, forse due. 12 maggio 1974. Quando esplode la festa per il tricolore biancoceleste sul prato dell’Olimpico, lui improvvisa uno slalom e si precipita negli spogliatoi. Deve scappare all’aeroporto perché gli è nato il figlio. Ma si accorge che Martini gli aveva rubato le scarpe…

zoff aniene libro pulici zoff aniene libro pulici

 

“Ci sono diversi Pulici. Uno di questi si presenta con il passo da bullo mostrando al pubblico un uomo spavaldo, un ragazzaccio discolo e scavezzacollo che è meglio tenere alla larga. Invece questa è tutta esteriorità che serve a mascherare il vero Felice Pulici. L’antipersonaggio. Un uomo semplice, un atleta coscienzioso, uno che ha fortissimamente voluto il successo”. Così scriveva Enzo Tortora su ‘L’Intrepido’ nel 1974. “Quello che per due anni è stato il portiere meno battuto d’Italia è quello che concede meno alla platea. Un erede degnissimo degli Sclavi e dei Gradella, dei Sentimenti IV e di Lovati”, il riconoscimento del lazialissimo Sandro Ciotti lo riconnette alla grande tradizione dei numero 1 biancocelesti. “I portieri sono innamorati del ruolo e allenati alla responsabilità in tutti i campi. E Pulici lo ha dimostrato sempre”, assicura Dino Zoff. “Mi ha fatto diventare famoso”, Bruno Giordano rammenta il gol vittoria nel famoso derby del 1976 quando Felix parò anche le mosche. Si disse che “volò con le ali di Maestrelli”. “Senza di lui avremmo perso 5-1, chiosa Giordano”.

malago zoff libro pulici aniene 9 malago zoff libro pulici aniene 9

 

Ci sono diversi Pulici, già: il “portiere-muro”, il responsabile del settore giovanile (Nesta e Di Vaio, i suoi gioielli), il dirigente con Cragnotti al tempo del secondo scudetto, il giurista che difende la Lazio nel processo sportivo di Calciopoli, il cattolico che parla di fede con Ledesma in tv e legge Sant’Agostino, il segretario della Federazione Sordi. E sempre l’innamorato della Lazio “è lei che ti sceglie e, come i giovani figli di Sparta, attrae a sé solo chi è disposto a soffrire, perché quando c’è la Lazio in mezzo non c’è mai nulla di facile”.

 

malago libro pulici aniene malago libro pulici aniene

“Con lui non si parlava, si urlava, ricorda Nando Orsi, “sfogava nell’irruenza della voce la sensibilità che aveva dentro”. “Parlare della Lazio con lui era un combattimento per noi giovani giornalisti. Una volta mi raggiunse al Canottieri Roma per replicare a una critica: ‘Cosa hai detto? Non siamo organizzati? Te lo dimostreremo domenica”.

 

galeazzi maradona galeazzi maradona

Giampiero Galeazzi condivide con Dagospia altri ricordi biancocelesti a partire dalla fuga clamorosa dal Foro Italico: “Per la Lazio nel 2000 mollai la diretta della finale degli Internazionali di tennis. La Juve stava perdendo a Perugia e questo voleva dire scudetto per i biancocelesti. Io non ce la feci più. Abbandonai la telecronaca e mi precipitai all’Olimpico. Presi la troupe del tennis. A uno dissi, damme er microfono, mi buttai per strada e iniziammo. L’incontro col frate e quella domanda a bruciapelo. “C’è un Dio allora?”. Un servizio storico. “Ho avuto fortuna, libertà e molta fantasia. Agli Internazionali, l’intuizione del villaggio del Foro, poi ripresa da Cino Marchese. Nelle tende vicino al campo si distribuivano vino rosso e panini. I vip, da Gassman a Tognazzi, si fermavano e così mi misi a fare le interviste. Risultato? Er villaggio era diventato più importante del torneo. Stavano tutti a magnà e nessuno andava più a prendere freddo al campo Centrale”.

galeazzi 9 galeazzi 9

 

I servizi dagli spogliatoi e le interviste a Maradona, Dino Viola, Agnelli, Platini hanno fatto storia. “C’era maggiore familiarità e empatia con i grandi personaggi dello sport, con Rummenigge andavamo a cena insieme a Los Angeles. Oggi Federer mi sembra un po’ troppo sacrestano, ci vorrebbe un McEnroe. Djokovic? Ecco, lui è un bel personaggio,parla perfettamente l’italiano. Nel calcio sarei curioso di sapere se Ronaldo è quel professionista che raccontano che sia. Non solo in campo ma nel modo in cui si muove nel rapporto con i media”. Chi è il nuovo Galeazzi? Di eredi non ne voglio parlare, perché non sono un imperatore – ride – ma faccio il tifo per i giornalisti Rai”

zoff de angelis libro pulici zoff de angelis libro pulici galeazzi maradona 11 galeazzi maradona 11 libro pulici aniene 11 libro pulici aniene 11 galeazzi 8 galeazzi 8 abodi de angelis libro pulici aniene abodi de angelis libro pulici aniene corradi guido de angelis delio rossi aniene libro pulici corradi guido de angelis delio rossi aniene libro pulici galeazzi 1 galeazzi 1 galeazzi maradona 8 galeazzi maradona 8 galeazzi galeazzi galeazzi galeazzi galeazzi maradona rummenigge galeazzi maradona rummenigge galeazzi galeazzi galeazzi al mare galeazzi al mare GALEAZZI LIBRO GALEAZZI LIBRO galeazzi mara venier galeazzi mara venier galeazzi allo stadio galeazzi allo stadio galeazzi e mara venier 5 galeazzi e mara venier 5 galeazzi smaila galeazzi smaila giampiero galeazzi giampiero galeazzi giancarlo galeazzi giancarlo galeazzi galeazzi e mara venier 4 galeazzi e mara venier 4 giampiero galeazzi ugo trani giampiero galeazzi ugo trani Mara Venier e Giampiero Galeazzi a Domenica In Mara Venier e Giampiero Galeazzi a Domenica In mara venier galeazzi mara venier galeazzi galeazzi5 galeazzi5 libro pulici aniene glorie biancocelesti libro pulici aniene glorie biancocelesti malago aniene libro pulici malago aniene libro pulici manzini libro pulici aniene manzini libro pulici aniene pancaro aniene libro pulici pancaro aniene libro pulici

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

OK LA BREXIT MA BUSINESS IS BUSINESS - L’AD DI “LONDON STOCK EXCHANGE GROUP”, DAVID SCHWIMMER, HA RASSICURATO I DIPENDENTI CHE LAVORANO A PIAZZA AFFARI: “CI TENIAMO BORSA ITALIANA” - MA CON L’USCITA DALL’UE LA SOCIETÀ DIVENTA EXTRA-EUROPEA E IL GOVERNO POTREBBE RICORRERE AL GOLDEN POWER, OSSIA FAR VALERE L'INTERVENTO PUBBLICO IN SOCIETÀ STRATEGICAMENTE RILEVANTI PER TUTELARE L'INTERESSE NAZIONALE - GLI ASSETTI POTREBBERO VARIARE NEL CASO IN CUI SI CONCRETIZZASSE IL VECCHIO PROGETTO DI UNA BORSA EUROPEA…

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute