RITORNA IL CRIMINE AI DANNI DEI TESSERATI DELLA ROMA - I LADRI SVALIGIANO LA VILLA DI FONSECA, A DUE PASSI DA VILLA PAMPHILJ. BOTTINO DA CENTOMILA EURO! IL COLPO MENTRE IL TECNICO GIALLOROSSO ERA A TRIGORIA E LA MOGLIE IN GIRO PER LA CITTÀ CON IL FIGLIA – I PRECEDENTI: LA RAPINA AI DANNI DI NAINGGOLAN NELLA VILLA DI CASALPALOCCO, NELLA ZONA DERUBATI ANCHE GLI EX GIALLOROSSI MEXES, MENEZ, DELVECCHIO, GERVINHO E DOUMBIA…

-

Condividi questo articolo

Da corrieredellosport.it

 

fonseca fonseca

Un piano studiato nei minimi particolari, da professionisti del crimine. Paulo Fonseca ieri in conferenza stampa non ha mostrato i segni dello shock provato appena ventiquattro ore prima, quando rientrato da Trigoria ha scoperto insieme alla famiglia di essere stato derubato. Il fatto è accaduto venerdì 30 ottobre.

 

Mentre il tecnico giallorossi si trovava al Fulvio Bernardini per dirigere l'allenamento post cska Sofia, e la moglie Katerina era a fare compre insieme al piccolo Martin, una gang specializzata in furti di case si è introdotta nella villa del portoghese, a due passi da villa Pamphili, senza lasciare impronte.

 

 

dan e ryan friedkin fonseca dan e ryan friedkin fonseca

All'interno della villa, i ladri sono andati a colpo sicuro cercando immediatamente tre orologi e alcuni oggetti preziosi per un valore di oltre 100mila euro. Un furto studiato nei minimi particolari e che non ha richiesto neanche troppo tempo, anche per questo la polizia del commissariato di Monteverde (dove Fonseca ha sporto immediatamente denuncia) ha chiesto alla famiglia se avessero parlato degli orologi con qualcuno. Sul posto, per ore, anche la polizia scientifica ma a un primo esame non sono state rilevate tracce di impronte o elementi identificativi di una banda. Nonostante il furto ha tirato un sospiro di sollievo sapendo che in casa non erano presenti moglie e figlio.

FONSECA FONSECA friedkin fonseca friedkin fonseca dzeko fonseca dzeko fonseca

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute