ROMA, "JOYA" E DOLORI – LA ROMA BATTE IL LECCE: DYBALA SEGNA IL GOL DECISIVO SU RIGORE E SI FA MALE AL QUADRICIPITE DELLA COSCIA SINISTRA – MOURINHO, CHE RISALE AL QUINTO POSTO, TEME DI PERDERE L’ARGENTINO NEL CICLO CALDISSIMO DI PARTITE CHE ATTENDE LA ROMA - I SALENTINI HANNO GIOCATO IN DIECI DAL PRIMO TEMPO PER IL ROSSO A HJULMAND – IL DOPPIO EX ZIBI’ BONIEK (CHE HA GIOCATO NELLA ROMA E ALLENATO IL LECCE): “ESPULSIONE RIDICOLA. NON C’ERA NESSUNA CATTIVERIA…”

-

Condividi questo articolo


Da www.corrieredellosport.it

 

roma lecce roma lecce

La Roma non può esultare per il gol del vantaggio contro il Lecce. Perché il suo realizzatore si è infortunato. Tutta la Roma è in ansia per le condizioni di Paulo Dybala, uscito per infortunio al quadricipite della coscia sinistra. L'argentino ha sentito dolore dopo aver calciato il rigore che ha riportato la Roma in vantaggio contro il Lecce. Nessuno festeggiamento con i compagni, l'argentino è immediatamente uscito dal campo con una smorfia di dolore e preoccupazione per l'infortunio che sarà valutato nelle prossime ore con gli esami strumentali.

 

 

ROMA-LECCE

Da fanpage.it

roma lecce roma lecce

La Roma non sbaglia all'Olimpico e batte 2-1 un Lecce che non ha mai mollato. Di Smalling nel primo tempo la rete che ha sbloccato la partita prima del pareggio di Strefezza che aveva chiuso i primi 45 minuti. Nella ripresa ci pensa Dybala a mettere a segno il rigore decisivo che consente ai giallorossi di vincere la partita ma di perdere l'argentino per infortunio. La Joya infatti si fa male subito dopo aver calciato il tiro dagli undici metri: problema muscolare per lui. Il Lecce ha giocato inoltre in dieci dal primo tempo per il rosso a Hjulmand.

 

Inizia la partita e la Roma è già praticamente in vantaggio. I giallorossi iniziano con il piglio giusto la partita mostrando subito grande voglia di riscattare la sconfitta in Europa League contro il Betis. La squadra di Mourinho passa infatti in vantaggio subito grazie al gol di Smalling. Il difensore inglese, in rete per la seconda volta consecutiva dopo il gol all'Inter, insacca di testa una palla precisa crossata da destra da Lorenzo Pellegrini che non lascia scampo a Falcone. Incredibilmente la Roma sfiora anche il raddoppio sempre con Smalling che cerca di mettere in rete col tacco un assist di Dybala ma il suo tiro viene deviato in angolo e la palla finisce sulla traversa.

dybala roma lecce dybala roma lecce

 

A mettere la gara in discesa per la Roma ci ha poi pensato l'arbitro che ha espulso Hjulmand per un fallo in scivolata durissimo su Belotti. Il direttore di gara è stato richiamato dal Var, ha rivisto l'intervento, e tirato fuori il rosso per il giocatore dei salentini. Una mazzata per la squadra di Baroni che però non si abbatte e incredibilmente, in dieci uomini, trova il gol del pareggio con Strefezza. Il fantasista del Lecce trova la rete bucando le mani a Rui Patricio con un preciso tiro in area di rigore che non lascia scampo al portiere portoghese. Le due squadre vanno così negli spogliatoi all'intervallo sul punteggio di 1-1.

 

Nella ripresa Mourinho sostituisce Vina con Zalewski e Zaniolo con Abraham. Proprio l'attaccante inglese si procura subito un calcio di rigore fischiato immediatamente dall'arbitro. Fallo netto di Askildsen con un colpo sulla caviglia dell'ex Chelsea. Dal dischetto si presenta Paulo Dybala che realizza il gol del 2-1 che vuol dire sorpasso riportando in vantaggio la Roma. Ma dall'esultanza dell'argentino si capisce subito che qualcosa non stava andando per il verso giusto. La Joya infatti si infortuna calciando il pallone dagli undici metri chiedendo immediatamente il cambio.

 

 

Dalle prime ricostruzioni si tratterebbe di un infortunio muscolare alla coscia sinistra che non gli ha permesso di stare in campo e infatti Mourinho l'ha sostituto con Matic. Il prosieguo della gara non vive poi di ulteriori occasioni degne di nota se non quella che ha portato Belotti vicino al tris con un colpo di testa deviato in angolo da Falcone. Il portiere del Lecce decisivo anche a pochi minuti dalla fine con una parata bellissima su colpo di testa di Abraham. Al triplice è fischio è così la Roma a poter esultare per aver conquistato tre punti d'oro che portano i giallorossi al quinto posto con 19 punti.

dybala roma lecce dybala roma lecce

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

PILLOLE DI GOSSIP! "IL PORTAFOGLI SI PUÒ CAMBIARE, MA ALL'IGNORANZA UMANA NON C'È RIMEDIO", EZIO GREGGIO CAZZIA CHI SOSTIENE CHE LA FIDANZATA ROMINA PIERDOMENICO STIA CON LUI SOLO PER SOLDI: “PURTROPPO LA MAMMA DEI CRETINI È SEMPRE INCINTA E VEDO CHE A ALCUNE PERSONE NASCERANNO PRESTO FRATELLI E SORELLE!" – DANA SABER VS IL “GF VIP”, LA GUERRA FEDEZ-JACOBS, LA DE FILIPPI PUNTA SU EMMA E DI MARTINO, IL TOTO-CONCORRENTI PER L’ISOLA (ANCORA GEGIA?) - UN FAN CHIEDE A CHECCO ZALONE: “PUÒ FARE UN SELFIE CON MIA MOGLIE CHE È INCINTA?” L’ATTORE RISPONDE: “VA BENE. MA NON SONO STATO IO”

politica

business

cronache

sport

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute

INOCULATI PER BENE – È POLEMICA NEGLI USA PER LA DECISIONE DI PFIZER E MODERNA DI PORTARE IL COSTO DELLA SINGOLA DOSE DI VACCINO ANTI-COVID SUL LIBERO MERCATO A 130 DOLLARI, QUANDO IL COSTO STIMATO DI PRODUZIONE È DI 2,85 DOLLARI – MAURO MASI: “L’ANNUNCIO DI BIDEN NEL MAGGIO 2021 AL WTO DI ‘NON VOLER PROTEGGERE LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE PER I VACCINI’ È RIMASTO LETTERA MORTA. AD OGGI, NULLA È CAMBIATO RISPETTO A TRE ANNI FA, PRIMA DELLA PANDEMIA, E IL TEMA RESTA IRRISOLTO”