L’ETA’ D’ORO DEL TENNIS ITALIANO: NON C’E’ SOLO SINNER, LUCIANO DARDERI, 22 ANNI, VINCE L’ATP 250 DI CORDOBA ED ENTRA NELLA TOP 100 – L’AZZURRO NATO IN ARGENTINA CONQUISTA IL SUO PRIMO TITOLO ATP, ADESSO NEL RANKING È NUMERO 76. E PENSARE CHE QUESTO TORNEO DARDERI NON DOVEVA NEANCHE GIOCARLO. MA POI IL FATO CI HA MESSO LO ZAMPINO E… - IL TWEET DI BERTOLUCCI – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Paola Caruso per corriere.it - Estratti

 

LUCIANO DARDERI LUCIANO DARDERI

In attesa di rivedere in campo Jannik Sinner a Rotterdam, gli appassionati di tennis possono festeggiare un’altra vittoria italiana: Luciano Darderi ha vinto l’Atp 250 di Cordoba , partendo dalle qualificazioni. Il suo primo titolo Atp.

 

«Ancora non ci credo — ha detto — se penso che la scorsa settimana sono uscito al secondo turno in un torneo challenger... Ora sono qui con questo trofeo in mano davanti alla mia famiglia e alla mia ragazza».

 

Con questo successo Darderi si fa un bel regalo di compleanno (22 anni da compiere il 14 febbraio): l’ingresso nella top 100 acchiappando in un colpo solo la posizione n. 76 (ovvero +60 posizioni, visto che la settimana scorsa era n. 136). Un ingresso «salutato» anche da un tweet di Paolo Bertolucci che su X scrive: «Benvenuto nella Top 100 a Luciano Darderi».

 

 

In finale — l’azzurro nato in Argentina ma con passaporto italiano — ha battuto in un’ora e 25 minuti un veterano della terra rossa, il 34enne argentino Facundo Bagnis (anche lui qualificato e alla sua seconda finale in un torneo Atp).

LUCIANO DARDERI LUCIANO DARDERI

 

(...)

 

E pensare che questo torneo l’italiano non doveva neanche giocarlo. Ma poi il fato ci ha messo lo zampino e la storia è diventata una splendida conquista.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…