L’IBRA DEI RECORD NON BASTA: IL MILAN PRENDE TRE PERE – CONTRO L’UDINESE FINISCE 3-1: ZLATAN IBRAHIMOVIC SEGNA UN RIGORE (RIBATTUTO) E, CON I SUOI 41 ANNI E 166 GIORNI, DIVENTA IL MARCATORE PIÙ ANZIANO NELLA STORIA DELLA SERIE A – MA PIOLI HA BEN ALTRI PENSIERI: PER UNA PARTE DELLA PARTITA L’UDINESE HA FATTO CIÒ CHE HA VOLUTO. PIOLI DEVE DARE UNA SCOSSA ALLA SQUADRA IN VISTA DEI QUARTI DI CHAMPIONS CONTRO IL NAPOLI…

-

Condividi questo articolo


 

 

1. SERIE A, UDINESE-MILAN 3-1: IBRA NON BASTA, QUARTO POSTO A RISCHIO

Estratto da www.sportmediaset.it

 

udinese milan 1 udinese milan 1

Il Milan crolla 3-1 contro l'Udinese nella 27a giornata di Serie A e ora mette a serio rischio il quarto posto e un piazzamento nella prossima Champions League. Partono male i rossoneri che al 10' vanno già sotto a causa di un destro preciso di Pereyra, un'azione viziata da un errore in impostazione da Bennacer.

 

 Nel finale del primo tempo succede di tutto: Doveri assegna un rigore grazie al Var per un mano di Bijol, Ibra sbaglia dal dischetto ma l'arbitro fa ripetere perché Beto è entrato prima in area e partecipato all'azione. Nella ripetizione lo svedese non sbaglia (49'), diventando il più vecchio marcatore della Serie A. Al 51', però, Beto anticipa Thiaw e riporta ancora avanti l'Udinese. Al 70' il tris di Ehizibue da pochi passi che chiude il match. Per Pioli solo un punto nelle ultime tre di campionato, 15 in 12 gare nel 2023. [...]

udinese milan 2 udinese milan 2

 

2. IBRA, RECORD  AMARISSIMO 

Estratto dell’articolo di Pietro Guadagno per il “Corriere dello Sport”

 

Il nuovo Milan si è già arenato. Sembrava che, con il passaggio alla difesa a 3, Pioli avesse risolto tutti i problemi. Invece, gli effetti della svolta si sono esauriti in fretta. Il tempo di infilare 4 vittorie consecutive, senza nemmeno un gol  […] e l’impianto si è inceppato ancora.  […] In Friuli […] il Diavolo è crollato dalle fondamenta, ovvero dalla difesa. Il terzetto Kaluku-Thiaw-Tomori, infatti, è stato “tritato” dai vari Sucess, Beto e Pereyra. […]

 

IBRA GOL, MA...

[…] Senza il vero Leao, il Diavolo perde gran parte del suo potenziale. E se manca pure Theo Hernandez, come ieri sera, la luce si spegne del tutto. Tanto più che nemmeno Ibrahimovic - con tanto di fascia di capitano per celebrare il suo ritorno da titolare - è in grado di tenerla accesa.

zlatan ibrahimovic zlatan ibrahimovic

 

Ieri sera lo svedese sarà anche diventato il marcatore più anziano nella storia della serie A con i suoi 41 anni e 166 giorni, ma lo ha fatto grazie a un rigore - ribattuto per l’ingresso anticipato di Beto, dopo che Silvestri gli aveva parato il primo tentativo - e, per il resto, è stato solo la pallida ombra dello straordinario campione di un tempo.

 

[…] Per una ventina di minuti, l’Udinese ha fatto ciò che ha voluto, poi il Milan si è scosso, grazie ad una folata di Diaz e ad una stoccata di Leao. Che poi si è pure guadagnato il rigore, provocando il fallo di mano di Bijol: decisione al limite. La ripetizione del tiro di Ibra, invece, ha scatenato le proteste di Sottil, che ha finito per farsi cacciare.

 

udinese milan 4 udinese milan 4

«È una barzelletta», ha gridato il tecnico al momento di uscire. Ma, volendo, è stato più da barzelletta come il Milan ha difeso sull’ultima azione del primo tempo, consentendo a Success di mettere la palla dentro e a Beto di girare il pallone alle spalle di Maignan, prendendo il tempo al dormiente Thiaw. Il Diavolo ha provato ad attaccare ad inizio ripresa, ma un’altra difesa da film horror ha chiuso definitivamente i giochi. Success ha “scherzato” Thiaw di fisico, offrendo il pallone al solitario Udogie, la cui ciabattata in diagonale è stata corretta in rete da Ehizibue.

udinese milan 5 udinese milan 5 milan udinese milan udinese udinese milan 7 udinese milan 7 udinese milan 6 udinese milan 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"