SARRI TORNA, TUTTO E’ PERDONATO! LA LEZIONE DEL BARCELLONA ALLA JUVE HA MESSO A NUDO I LIMITI E IL RITARDO DELLA SQUADRA DI PIRLO. I CATALANI SONO ENTRATI 40 VOLTE NELL’AREA BIANCONERA, UN RECORD. CHE RICORDA L’EPOCA GUARDIOLA E CHE È CLAMOROSO IN UNA SFIDA FRA DUE SQUADRE TEORICAMENTE PARI GRADO IN EUROPA. IL TECNICO BIANCONERO: “SONO ANNI CHE GIOCANO COSÌ, A NOI SERVE TEMPO” - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

Paolo Tomaselli per corriere.it

 

pirlo pirlo

La lezione del Barcellona nel 2-0 alla Juve ha messo a nudo il ritardo dei bianconeri e anche l’ambizione del progetto di Andrea Pirlo, quella di giocarsela allo stesso modo, con la mentalità offensiva, il possesso del pallone, la voglia di proporre calcio fino a dentro l’area avversaria: i catalani sono entrati 40 volte nell’area bianconera, un record, soprattutto in una sfida tra due squadre teoricamente pari grado in Europa.

 

juve barcellona messi juve barcellona messi

La squadra di Koeman per la prima volta in questa stagione è sembrata l’erede dei Barça più convincenti degli ultimi anni: «È stata la nostra miglior partita», ha ammesso compiaciuto il tecnico olandese che alzò la Coppa del 1992 contro la Sampdoria di Vialli e Mancini. Messi e compagni avevano qualcosa da dimostrare, dopo il Clasico perduto e le dimissioni del presidente Bartomeu, diventato il «nemico» numero uno. Se comandano i giocatori è il caso di dimostrarlo anche in campo, insomma.

 

 

juve barcellona demiral messi juve barcellona demiral messi

«Loro sono anni che giocano così, noi avevamo tanti giovani alle prime esperienze in Champions. Anche loro ne hanno? Ma crescono nella cantera, sono abituati da sempre a questo gioco.

maurizio sarri maurizio sarri

 

Noi li prendiamo dalla Fiorentina o dal Parma e ci vuole tempo per costruire», è l’analisi di Pirlo sul tema della qualità del gioco e degli interpreti. In realtà Pedri, che compirà 18 anni il 25 novembre, arriva dal Las Palmas ed è cresciuto nelle Canarie. L’altro baby titolare, il centrale Arajuo, ha fatto una stagione nel Barcellona B, mentre Ansu Fati entrato nel finale per procurarsi il rigore del 2-0, è l’ultimo vero grande prodotto della Masia. 

 

Il problema però è l’abitudine complessiva del Barcellona a giocare in un certo modo.

 

juve barcellona morata juve barcellona morata

Lo stesso modello, almeno idealmente, perseguito da Pirlo e dal suo staff, con l’aggiunta di un recupero palla più aggressivo e quindi un tocco ulteriore di modernità. «Dobbiamo essere più veementi a centrocampo», dice il tecnico della Juventus, ma altri 5 gialli e il rosso per doppia ammonizione a Demiral (il terzo espulso da inizio stagione) dicono che non è nemmeno quello il problema. Il problema è tenere il pallino del gioco e non dover sempre inseguire. L’idea è questa. La pratica verrà. Forse.

 

juve barcellona morata juve barcellona morata juve barcellona morata juve barcellona morata juve barcellona juve barcellona juve barcellona juve barcellona

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute