STEFANO PIOLI NON SARÀ PIÙ L’ALLENATORE DEL MILAN! – DOPO CINQUE ANNI PASSATI SULLA PANCHINA DEL CLUB ROSSONERO E UNO SCUDETTO, "IL DIAVOLO" E IL TECNICO HANNO TROVATO L'ACCORDO PER UNA "RISOLUZIONE CONSENSUALE" DEL CONTRATTO. L'ADDIO DOPO L'ULTIMA PARTITA DI CAMPIONATO CONTRO LA SALERNITANA - PAULO FONSECA VICINO ALLA PANCHINA DEL MILAN

-

Condividi questo articolo


Marco Passotto per www.gazzetta.it

 

stefano pioli stefano pioli

La stima e l'affetto rimarranno, a prescindere da come sono andate le cose. E poiché ci sono, appunto, stima e affetto (reciproci), il Milan intende salutare come si deve Stefano Pioli. Nella mattinata di venerdì, vigilia dell'ultimo atto stagionale contro la Salernitana (sabato sera a San Siro), il club rossonero comunicherà ufficialmente la fine del rapporto con il suo attuale allenatore in anticipo di un anno sulla scadenza contrattuale.

 

Un congedo probabilmente diverso da quello che mediamente viene allestito quando una società cambia guida tecnica. Diciamo un addio più "sentito", basato sulla riconoscenza di via Aldo Rossi nei confronti di un allenatore che conclude un quinquennio indiscutibilmente positivo, al netto di una stagione attuale al di sotto delle attese (e delle possibilità).

pioli pioli

 

Il comunicato, da quanto filtra, non conterrà la parola esonero, segno che allenatore e club hanno evidentemente trovato un accordo per dirsi addio. In altre parole, il tecnico di Parma non rimarrà a libro paga del club. Le tempistiche dell'ufficialità non sono casuali: la società, così facendo, permetterà a Pioli di congedarsi senza imbarazzi e situazioni in sospeso da San Siro. Per l'amichevole contro la Roma in Australia (Perth) del 31 maggio la squadra dovrebbe essere affidata a Bonera.

paulo fonseca foto mezzelani gmt028 paulo fonseca foto mezzelani gmt028 fonseca dzeko fonseca dzeko FONSECA FONSECA pioli milan pioli milan

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ