THE DARK SIDE OF THE CITY! SPONSORIZZAZIONI GONFIATE, SOLDI IN NERO, CONTRATTI FINTI: LA PREMIER EMANA 115 ACCUSE DI FRODE SPORTIVA NEI CONFRONTI DEL MANCHESTER CITY (CHE HA CONQUISTATO 5 TITOLI IN SEI ANNI) – NEL MIRINO ANCHE IL CONTRATTO DI MANCINI QUANDO ERA MANAGER DEI CITIZENS. LE MOSSE PER DRIBBLARE LE NORME DEL FAIR PLAY FINANZIARIO - GUARDIOLA: “DITECI SUBITO SE SIAMO COLPEVOLI”. L’INDAGINE POTREBBE DURARE ANNI, MA IL CLUB RISCHIA L’ESCLUSIONE DAL CAMPIONATO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Davide Chinellato per La gazzetta dello Sport

 

guardiola mansour guardiola mansour

C’è un grande elefante nella stanza dei festeggiamenti del Manchester City per il quinto titolo in sei anni. Sono quelle 115 accuse di frode sportiva che la Premier ha emanato contro la sua squadra regina a febbraio. Sospetti che aspettano indagini e sentenze per le quali ci potrebbero volere anche anni.

 

Dubbi che dietro tutte quelle vittorie ci siano sponsorizzazioni gonfiate, contratti ombra e frodi finanziare. Illazioni che, una volta smaltita la sbornia degli elogi per la conquista del titolo, hanno spinto parte della critica britannica a parlare di campionati e campioni con l’asterisco. “Vorrei che la Premier ci dicesse se siamo colpevoli. Anche subito, se possibile” dice Pep Guardiola, in uno sfogo che rimette la vicenda sotto i riflettori.

 

mansour guardiola mansour guardiola

Le 115 violazioni che la Premier contesta al City partono dalla stagione 2009-10 fino a quella che si concluderà domenica. Coinvolgono anche Roberto Mancini, i dettagli del cui salario quando è stato tecnico della parte blu di Manchester, dal 2009 al 2013, non sarebbero stati diffusi per intero: l’attuale c.t. della Nazionale, oltre al suo ingaggio, sarebbe stato pagato una cifra extra attraverso una società di consulenza riconducibile però alla proprietà del City.

 

Nel mirino ci sono anche i contratti dei giocatori: la squadra non avrebbe dato alla Premier tutti i dettagli dei pagamenti dal 2010-11 al 2015-16. E molte delle sponsorizzazioni che il City ha ricevuto sarebbero state gonfiate ad arte per permettere di rispettare le norme del Fair Play Finanziario. Inoltre, il club è accusato di aver ostacolato l’indagine della lega inglese.

 

pep guardiola 2 pep guardiola 2

“Il City è sorpreso da queste presunte violazioni delle regole della Premier League, considerando in particolare il livello di dettaglio di informazioni che nel corso degli anni sono stati passati alla lega - aveva detto il club a febbraio -. Siamo felici di sapere che il problema verrà esaminato da una commissione indipendente, che considererà in modo imparziale le inconfutabili prove che esistono a supporto della nostra posizione. Non vediamo l’ora che questa vicenda venga messa a tacere una volta per tutte”. Le accuse della Premier sono simili a quella che avevano portato l’Uefa nel febbraio 2020 a bandire il City dalla Champions League, sentenza poi ribaltata in appello col proscioglimento totale. La Premier ha portato avanti un’indagine diversa: se riconosciuto colpevole, il City rischia una serie di sanzioni che vanno da una multa all’espulsione dalla lega.

manchester city vince la premier league 9 manchester city vince la premier league 9

 

(…)

manchester city vince la premier league 6 manchester city vince la premier league 6 manchester city vince la premier league 5 manchester city vince la premier league 5 manchester city vince la premier league 4 manchester city vince la premier league 4 manchester city vince la premier league 3 manchester city vince la premier league 3 pep guardiola 1 pep guardiola 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL MESSAGGIO DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE