VE LO RICORDATE? E’ UNA VECCHIA CONOSCENZA DELLA SERIE A. E’ STATO  RAPITO PER LA SECONDA VOLTA MENTRE SI TROVAVA CON LA SUA FIDANZATA A WARRI, CITTÀ NIGERIANA SUL DELTA DEL NIGER. "QUATTRO ORE NEL BAGAGLIAIO DI UN'AUTO, PERCHÉ?" - I SEQUESTRATORI MI HANNO DETTO ANCHE DI AVER PERSO DEI SOLDI SCOMMETTENDO SULLE PARTITE DELLA MIA NAZIONALE. DI CHI SI TRATTA?

-

Condividi questo articolo

Da gazzetta.it

 

obodo obodo

Shock in Nigeria. Christian Obodo, 36 anni, vecchia conoscenza della Serie A per il suo passato tra Perugia, Udinese, Fiorentina, Lecce e Torino, è stato sequestrato da uomini armati mentre si trovava con la sua fidanzata a Warri, città nigeriana sul delta del Niger. Secondo le ricostruzioni di Afp, il centrocampista si era fermato a comprare della frutta, ma una volta sceso dall'auto degli uomini l'hanno trascinato in un'altra macchina. Un testimone ha raccontato l'accaduto.

 

Il sequestro del padre di Carlos Tavez è soltanto l'ultimo caso di rapimento di parenti dei calciatori famosi in Sudamerica. In Argentina si ricorda quello del padre dell'ex interista Diego Milito, sequestrato e poi rilasciato grazie al pagamento di un riscatto, e del fratello dell'ex Roma, Erik Lamela, vittima di un rapimento-lampo.

 

 

obodo obodo

IL FATTO

Rapito e rilasciato, Obodo ha parlato così della sua brutta esperienza. Non la prima, perché l'ex Udinese era già stato sequestrato nel 2012, sempre a Warri. "Non capisco perché devono farmi vivere queste situazioni", ha detto. Otto anni fa, infatti, Obodo fu rapito mentre stava andando in chiesa. I sequestratori chiesero un riscatto di 150mila euro, ma Christian fu salvato da un raid della polizia.

 

Stavolta è stato rilasciato subito, come raccontato proprio da Obodo a Brila FM: "Sono stato chiuso per 4 ore nel bagagliaio di una macchina, al caldo. I rapitori mi hanno detto anche di aver perso dei soldi scommettendo sulle partite della nazionale nigeriana. Non mi hanno fatto male, né minacciato".

obodo obodo

 

IN ITALIA

Arrivato in Italia a 17 anni grazie al Perugia di Gaucci, Obodo ha giocato tra Serie A e B dal 2001 al 2012. Prima in Umbria, poi Fiorentina, Torino, Udinese e Lecce (243 presenze e 15 totali). Otto anni fa ha lasciato il campionato italiano e ha girato l'Europa: Portogallo, Bielorussia, Romania, Grecia, dove ha chiuso la carriera nel 2017 dopo una parentesi senza successo nell'Apollon Smirne. Per lui anche 21 presenze e quattro gol con la Nigeria, con cui ha ottenuto un terzo posto nella Coppa d'Africa del 2006.

obodo obodo

 

Condividi questo articolo

media e tv

SLURP! LILLI-BOTOX IN SOCCORSO DI CONTE: “È  GENTILE, EDUCATO E AFFABILE". POI LE SI ALLUNGA IL NASINO: "NON CHIEDE MAI LE DOMANDE PRIMA" (INFATTI LA DOMANDA SU DRAGHI, CON SGRADEVOLE BATTUTA A SEGUIRE, ERA STRA-PREPARATA) - DA PINOCCHIA A CROCEROSSINA: "LA TOSSE? AVEVA LE CORDE VOCALI IRRITATE, CERTO NON METTEREBBE A RISCHIO LA SALUTE DI ALTRI" - INFINE SI SCIOGLIE COME UN LECCA-LECCA: "L’HO TROVATO MOLTO DETERMINATO, UN PO’ STANCO, MA È NORMALE PER UN UOMO CHE HA MESSO AL CENTRO DELLA SUA VITA IL LAVORO” (SLURP. SLURP!)

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute