LA VERSIONE DI MUGHINI - "ELEGGERE SARRI A CAPRO ESPIATORIO È TROPPO FACILE. I PROBLEMI DELLA JUVE ODIERNA SONO NUMEROSI. LI HA AGGRAVATI UNA CAMPAGNA ACQUISTI NON FELICE. E LA ROSA DELLA JUVE E’ LA PIU’ VECCHIA DELLA SERIE A - E’ STATO PAZZESCO CREDERE (E CHE LO CREDESSERO DUE UOMINI ESPERTISSIMI DI CALCIO QUALI FABIO PARATICI E PAVEL NEDVED) CHE SARRI FACESSE ALLA JUVE QUEL CHE AVEVA FATTO A NAPOLI. INSEGNARE CALCIO A TIPINI COME RONALDO, BONUCCI, PJANIC, DYBALA? E DIFATTI…" - IL FUTURO? SIMONE INZAGHI O IL RITORNO DI ALLEGRI...

-

Condividi questo articolo

Giampiero Mughini per Dagospia

 

agnelli sarri agnelli sarri

Caro Dago, credo che almeno i due terzi della gran marea di innamorati della Juve stiano alzando il calice per l’esonero del Maurizio Sarri da loro odiatissimo.

 

Premesso che sono fra quelli che reputarono negativamente l’esonero di Massimiliano Allegri, l’allenatore che aveva sul petto le medaglie di cinque scudetti e di due finali di Champions, io non levo nessun calice: mando anzi un saluto a un grande uomo di calcio che pure non ha trovato a Torino la sua tana giusta.

 

E’ stato pazzesco credere – e che lo credessero due uomini espertissimi di calcio quali Fabio Paratici e Pavel Nedved - che potesse andare altrimenti, che lui arrivasse alla Juve e facesse quel che aveva fatto a Napoli. Creare una squadra dal nulla forte di quei tre bassottini avanti che schizzavano da tutte le parti.

 

SARRI AGNELLI SARRI AGNELLI

Venire a Torino e insegnare calcio a tipini come Ronaldo, Bonucci, Pjanic, Dybala? E difatti lui ci ha tentato innanzitutto con Ronaldo, al quale ha chiesto di giocare da centravanti, da uomo che sta al centro dell’area. E quello gli ha risposto con un no risoluto. Il suo reame è un altro, partire da sinistra e accentrarsi.

 

Tutto il resto viene da sé, a cominciare dal mistero di una difesa che era stata per anni e anni il forte della Juve, un reparto che si rafforza con l’acquisto sonante di un giovane difensore forse il più forte al mondo e che pur tuttavia prende gol a grappoli come non succedeva alla Juve da svariati decenni.

 

Né è da dimenticare il congedo di quel giocatore che per quattro anni era stato una risorsa preziosa in ogni zona del campo e in ogni tipo di partita, il gigantesco Mario Mandzukic che se non sbaglio Sarri giudicava un “non giocatore”.

paratici sarri agnelli nedved paratici sarri agnelli nedved

 

No, eleggere Sarri a capro espiatorio è troppo facile. I problemi della Juve odierna sono numerosi.

 

Li ha aggravati una campagna acquisti che non è risultata felice. Rabiot e Ramsey, giocatori acquistati a parametro zero, ai quali vanno però pagati stipendi sontuosi, sono stati due scelte azzeccate? A voi l’arduo giudizio. Rabiot forse sì, l’altro non so. E poi c’è il fatto che la nostra rosa è la più vecchia della serie A.

 

Uno come il dottor Chiellini non ha l’eguali al mondo per temperamento, potenza fisica, classe e tutto, solo che l’anno prossimo avrà un anno in più. E quanto al nostro centrocampo ve lo ricordate e fate un confronto con quello che allineava tipini quali Andrea Pirlo, Marchisio, Pogba, Vidal? E che dire del fatto che avevamo cercato a tutti i costi di vendere il diamante che ha nome Paulo Dybala?

 

sarri allegri sarri allegri

Per gusto sono poi uno che non fa il toto-allenatori. Dipendesse da me il nome di Simone Inzaghi sarebbe il primo della lista. Dipendesse da me, applaudirei il ritorno di Allegri, al quale vanno fatte delle scuse.

simone inzaghi foto mezzelani gmt010 simone inzaghi foto mezzelani gmt010

 

I problemi sono tanti e non di facile risoluzione. Come sono tanti, tantissimi, i nove scudetti vinti uno dopo l’altro, ossia la leggenda che la Juve ha saputo costruire dopo la cialtronesca distruzione di una squadra e di una società operata da Calciopoli.

sarri de laurentiis agnelli sarri de laurentiis agnelli

 

GIAMPIERO MUGHINI

 

mughini mughini simone inzaghi e ciro immobile foto mezzelani gmt043 simone inzaghi e ciro immobile foto mezzelani gmt043 simone inzaghi e la moglie simone inzaghi e la moglie simone inzaghi simone inzaghi

MARCO GIAMPAOLO - MASSIMILIANO ALLEGRI - GIOVANNI GALEONE MARCO GIAMPAOLO - MASSIMILIANO ALLEGRI - GIOVANNI GALEONE allegri allegri nedved allegri nedved allegri sarri allegri sarri allegri LA CENA TRA ANDREA AGNELLI E MAURIZIO SARRI LA CENA TRA ANDREA AGNELLI E MAURIZIO SARRI

 

Condividi questo articolo

media e tv

UN LAVORO DI UNA VITA ED ESSERE POI ADDITATI PER UNA COSA DEL GENERE. SONO STATA VIOLENTATA DALLE DONNE” – FERMI TUTTI: PARLA EMILY ANGELILLO, LA BALLERINA E POLE DANCER PROTAGONISTA DEL TUTORIAL SULLA SPESA SEXY DI “DETTO FATTO” TRAVOLTA DAGLI HATER: “VOLEVA ESSERE UNA RISATA IN UN MOMENTO DIFFICILE. IL SIPARIETTO FINALE ANDAVA VISTO PER QUELLO CHE ERA” – “IO VIVO PER LE DONNE E PER L’EMANCIPAZIONE, TUTTO QUESTO MI HA SPEZZATO IL CUORE, È STATA LA GIORNATA PIÙ TRISTE DELLA MIA VITA” - VIDEO

 

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute