IL VIRUS NELLE CULLE - AL BAMBIN GESÙ DI ROMA UN BIMBO 5 MESI POSITIVO. E’ IN ISOLAMENTO, «MA NON PRESENTA COMPLICAZIONI» - AD OGGI SONO STATI OLTRE 120 I BAMBINI SEGNALATI E GESTITI DAL BAMBINO GESÙ COME CASI SOSPETTI. SOLO DUE, CON QUESTO, I CASI POSITIVI, ENTRAMBI IN FORMA LIEVE E IN BUONE CONDIZIONI DI SALUTE...

-

Condividi questo articolo


Da www.Ilmessaggero.it

 

culle culle

All'Ospedale pediatrico Bambino Gesù è ricoverato un bimbo di 5 mesi positivo al coronavirus. Il neonato, secondo quanto si apprende, non ha complicazioni. Il bimbo è arrivato con sintomo febbrile domenica 15 marzo al pronto soccorso del Bambino Gesù del Gianicolo, trasportato dall'ambulanza del 118. Segnalato come caso sospetto, è stato gestito da subito secondo i protocolli di sicurezza.

 

Il piccolo paziente è seguito in isolamento da un'equipe interdisciplinare di Malattie infettive, Immunoinfettivologia e Broncopneumologia dell'Ospedale, che ha lavorato in queste settimane in stretta collaborazione con i colleghi dell'Istituto Spallanzani. Ad oggi sono stati oltre 120 i bambini segnalati e gestiti dal Bambino Gesù come casi sospetti. Solo due, con questo, i casi positivi, entrambi in forma lieve e in buone condizioni di salute.

ospedale bambino gesu' 1 ospedale bambino gesu' 1 ospedale bambino gesu' ospedale bambino gesu'

 

Condividi questo articolo

media e tv

“CHIUDERE CARTABIANCA È FOLLIA, IN ITALIA C’È UNA CHINA PERICOLOSA. DOMANI QUALCUNO SI FARÀ VIDIMARE LE DOMANDE DA PALAZZO CHIGI?” - MARIO GIORDANO A TUTTO SPIANO: “IL COPASIR INDAGA SUGLI OSPITI? SE C’È UNA SPIA E LO PROVI, LO DENUNCI ALLA POLIZIA” - IL PRIMO LAVORO A “IL NOSTRO TEMPO” INSIEME A TRAVAGLIO: “IO ERO IL CLASSICO TERZOMONDISTA, LUI TRADIZIONALISTA” - GAD LERNER, “LUCIGNOLO”, FELTRI E L’ASPETTO: “IN TUTTA LA MIA VITA MI HANNO SEMPRE PRESO PER IL CULO. ORA CI SCHERZO MA HO SEMPRE SOFFERTO. UNA VOLTA BISOGNAVA RICEVERE DEI RUSSI, E IL DIRETTORE MI DISSE…”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“CHI NON È VACCINATO NON È COPERTO” - BASSETTI PROVA A RASSICURARE SUI PRIMI CONTAGI DI VAIOLO DELLE SCIMMIE, MA OTTIENE L’EFFETTO OPPOSTO: LE INIEZIONI OBBLIGATORIE CONTRO LA MALATTIA SONO STATE ABROGATE NEL 1981 E NON VENGONO FATTE PRATICAMENTE DAL 1974 - "È UN PROBLEMA EUROPEO E GLOBALE, DOBBIAMO FARE MOLTO BENE IL TRACCIAMENTO E FERMARE IL FOCOLAIO. NON C'È UNA CURA SPECIFICA, IN GENERE QUESTE FORME SI AUTOLIMITANO. SI TRASMETTE ANCHE ATTRAVERSO IL RESPIRO, MA SOLO SE…”