IL VIRUS NEL PALLONE – LA “LIGUE 1” NON È MANCO RICOMINCIATA CHE È GIÀ A RISCHIO: CI SONO QUATTRO POSITIVI NELL’OLIMPIQUE MARSIGLIA E LA PARTITA DI APERTURA CONTRO IL SAINT ETIENNE È STATA RINVIATA – IL CAMPIONATO FRANCESE È STATO IL PRIMO A CHIUDERE PER LA PANDEMIA E DOVEVA ESSERE IL PRIMO A RIAPRIRE. E INVECE…

-

Condividi questo articolo

 

 

Alessandro Grandesso per www.gazzetta.it

il velodrome di marsiglia il velodrome di marsiglia

 

E' stato il primo a chiudere a causa della pandemia. Doveva essere anche il primo a riaprire, ma il covid-19 ha rovinato i piani del campionato francese. La Ligue 1 infatti è costretta a rinviare Marsiglia-Saint Etienne, gara di apertura della nuova stagione, in programma per venerdì.

 

Colpa di quattro casi positivi tra i marsigliesi che di fatto impedisce alla squadra di Villas-Boas di presentarsi al completo al primo appuntamento della stagione. Il match potrebbe essere riprogrammato a metà settembre e intanto si valuta se anticipare un'altra partita.

andre villas boas andre villas boas

 

Lo ha deciso – come anticipato da Rmc – la commissione sanitaria della Lega che ha adottato un protocollo specifico in caso di contagi da coronavirus. Procedura che prevede il rinvio, con almeno tre positivi identificati nell'arco di una settimana.

 

steve mandanda steve mandanda

I giocatori in questione vanno isolati e gli allenamenti collettivi non possono riprendere prima di otto giorni. Impossibile dunque andare in campo venerdì per dare il via a un campionato fermatosi a metà marzo e chiuso a fine aprile su decisione del governo, avvallata da Federazione e Lega, anche se non erano stati registrati casi tra giocatori.

 

rongier rongier

Il primo a finire in ospedale è stato poi Sambia del Montpellier, ricoverato in rianimazione durante il confinamento. Poi più nulla fino alla ripresa dei raduni estivi, compromessi da numerosi contagi che hanno coinvolto almeno una decina di club, provocando l'annullamento di molte amichevoli.

 

Da ultimo il Marsiglia, anche se stamane pure il Nimes ha annunciato due casi sospetti in rosa, a sei giorni dalla prima giornata, contro il Brest. Intanto, molte associazioni di ultrà dei club di Ligue 1 hanno già annunciato di non voler tornare negli stadi, contestando la ripresa del campionato per ragioni strettamente finanziarie, con in più un limite a sole 5mila presenze sugli spalti, con mascherina e distanziamento obbligatori.

jordan amavi jordan amavi lopez lopez positivi marsiglia positivi marsiglia

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute