“LA PIETÀ RONDANINI VA BENE LÌ DOV’È” – BEPPE SALA REPLICA PICCATO A VITTORIO SGARBI, CHE COME PRIMO ATTO DA SOTTOSEGRETARIO HA ANNUNCIATO DI VOLER SPOSTARE IL CAPOLAVORO DI MICHELANGELO: “DAL PUNTO DI VISTA CULTURALE FORSE IL NUOVO GOVERNO DOVREBBE DARSI ALTRE PRIORITÀ”

- -

 

-

Condividi questo articolo


Maurizio Gianattasio per www.corriere.it

beppe sala 7 beppe sala 7

 

La Pietà Rondanini resta lì dov’è. E il Governo farebbe meglio a occuparsi di altre cose. Sintesi brutalissima, ma che non si discosta molto dalle poche righe con cui il sindaco Beppe Sala liquida la richiesta del sottosegretario alla cultura Vittorio Sgarbi di riportare l’opera di Michelangelo nella sala degli Scarlioni del Castello Sforzesco, nell’allestimento originale firmato dal gruppo di architetti Bbpr.

 

vittorio sgarbi versione one man show foto di bacco (9) vittorio sgarbi versione one man show foto di bacco (9)

Sala affida a una storia su Instagram il suo laconico pensiero. Sullo sfondo una foto dove si vede la Pietà all’interno dell’attuale allestimento, ossia il padiglione «ritrovato e restaurato» dell’Ospedale spagnolo e sotto poche parole. «Va bene lì dov’è (e dal punto di vista culturale forse il nuovo Governo dovrebbe darsi altre priorità)».

 

A metà aprile del 2015 la Pietà è stata spostata dalla sala degli Scarlioni all'Ospedale Spagnolo, sempre all'interno del perimetro del Castello Sforzesco. È stata imbragata, ricoperta da una gabbia tecnologica, trasferita nella sua nuova casa e posta sulla piattaforma antisismica a prova di vibrazioni.

 

LA STORIA INSTAGRAM DI BEPPE SALA SULLA PIETA RONDANINI LA STORIA INSTAGRAM DI BEPPE SALA SULLA PIETA RONDANINI

I milanesi e i turisti hanno potuto riammirarla il 2 maggio, ossia il giorno dopo l’inaugurazione di Expo. Secondo Claudio Salsi, per lunghi anni soprintendente del Castello, la nuova collocazione ha dato maggiore visibilità all'opera, oggi ampiamente conosciuta da italiani e stranieri.

 

Contrario a un nuovo spostamento anche Stefano Boeri. Da assessore alla Cultura della giunta a Pisapia, aprì e portò avanti la riflessione sulla Pietà. «La collocazione attuale - dice - permette una pluralità di punti di vista e percezioni che a mio parere restituisce la complessità di quest’opera enigmatica e potente, unica nell’arte del suo tempo».

MANIFESTO ELETTORALE DI VITTORIO SGARBI MANIFESTO ELETTORALE DI VITTORIO SGARBI vittorio sgarbi versione one man show foto di bacco (8) vittorio sgarbi versione one man show foto di bacco (8) beppe sala 6 beppe sala 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA