CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

-

Condividi questo articolo


 

Riceviamo e pubblichiamo dall'ufficio stampa di Trenitalia:

 

Come di consueto, durante l'anno sono programmati due cambi orari, a giugno e dicembre. Quest'anno l'orario invernale entrerà in vigore domenica 13 dicembre. Sono in corso interlocuzioni con RFI da parte di Trenitalia e di tutte le altre imprese ferroviarie di trasporto per definire slot e orari del nuovo orario invernale.

coronavirus frecciarossa coronavirus frecciarossa

 

Trenitalia ha costruito l'offerta in base alle esigenze di mobilità previste nel periodo invernale che non possono essere semplicemente rimodulate sulla base delle esperienze degli anni passati, ma impongono una approfondita valutazione del mutato contesto.

 

Dagli inizi di novembre è previsto il caricamento sui sistemi di vendita di Trenitalia dei collegamenti per viaggi dal 13 dicembre.

 

 

DAGO-REPLICA - Purtroppo di consueto c'è ben poco visto che in passato a questo punto dell'anno i biglietti per gran parte dei treni invernali erano già disponibili per l'acquisto.

 

L'anno scorso il 17 ottobre c'era già disponibile il 75% dei treni negli orari natalizi anche se il cambio sarebbe avvenuto il 15 dicembre e dunque più tardi,  nel 2018 la stessa cosa avveniva l'8 ottobre, nel 2016 addirittura il 3 ottobre (per il 40% dei convogli).

 

 

frecciarossa covid frecciarossa covid

Se, come dice Trenitalia, gli orari dei treni invernali inizieranno a comparire ''agli inizi di novembre'' significa un mese dopo le scadenze consuete, e a ridosso delle partenze stesse. Ma chissà che da qui ai primi di novembre non sarà lo stesso governo a sconvolgere i piani degli italiani che intendono viaggiare per le feste natalizie…

 

Condividi questo articolo

media e tv

AIUTO! SONO IN ARRIVO LE “NUOVE KARDASHIAN” – CHARLI D’AMELIO È LA “TIKTOKER” PIÙ SEGUITA AL MONDO, CON 170 MILIONI DI “FOLLOWERS” E INSIEME ALLA SORELLA DIXIE, ANCHE LEI NELLA TOP TEN DEI “TIKTOKERS” PIÙ FAMOSI, SONO LE PROTAGONISTE DI UN REALITY SU DISNEY+ CHE RACCONTA LE LORO VITE PRIVATE – “IN TV NON NASCONDIAMO LE CRISI D’ANSIA, DOBBIAMO ANCORA FARE L'ABITUDINE A TUTTA QUESTA POPOLARITÀ” – MA INSIEME AGLI AMMIRATORI ARRIVANO ANCHE GLI “HATERS”

politica

COSI' NON SI PASS - SALLUSTI "AVVISA" SALVINI E MELONI DOPO IL FLOP DELLE PROTESTE NO PASS: “MI AUGURO CHE ANCHE GLI ESPONENTI DI CENTRODESTRA CHE IN QUESTI MESI HANNO STRIZZATO L'OCCHIO AI NO PASS PRENDANO ATTO CHE GLI ITALIANI LA PENSANO DIVERSAMENTE - SOGNO UN CENTRODESTRA CHE SI CANDIDI A GOVERNARE IL PAESE, NON UNO CHE SI METTE ALLA TESTA DI UNA MINORANZA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI IMPAURITA MA PIÙ PROBABILMENTE IGNORANTE, OSTILE ALLA SCIENZA E IN CERCA DI UN RUOLO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBE”

business

cronache

GIOVANNA BODA, INDAGATA PER CORRUZIONE, ERA CANDIDATA A DIVENTARE MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CON L'APPOGGIO DEL QUIRINALE E DI MARIA ELENA BOSCHI, ALLA CUI COGNATA STAVA CERCANDO UN POSTO DI LAVORO - “LA VERITÀ”: “QUALCUNO AI VERTICI DELLA PROCURA O DELLA FINANZA HA AVVERTITO CHI DI DOVERE CHE QUALCUNO STAVA CANDIDANDO A MINISTRO UN'INDAGATA PER CORRUZIONE, INTERCETTATA E A RISCHIO DI ARRESTO? FONTI SMENTISCONO QUESTA SECONDA IPOTESI. LA VICENDA DIFFICILMENTE SARÀ CHIARITA, ANCHE PERCHÉ SU DI ESSA È CALATO IL SILENZIO…”

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”