CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

-

Condividi questo articolo

 

Riceviamo e pubblichiamo dall'ufficio stampa di Trenitalia:

 

Come di consueto, durante l'anno sono programmati due cambi orari, a giugno e dicembre. Quest'anno l'orario invernale entrerà in vigore domenica 13 dicembre. Sono in corso interlocuzioni con RFI da parte di Trenitalia e di tutte le altre imprese ferroviarie di trasporto per definire slot e orari del nuovo orario invernale.

coronavirus frecciarossa coronavirus frecciarossa

 

Trenitalia ha costruito l'offerta in base alle esigenze di mobilità previste nel periodo invernale che non possono essere semplicemente rimodulate sulla base delle esperienze degli anni passati, ma impongono una approfondita valutazione del mutato contesto.

 

Dagli inizi di novembre è previsto il caricamento sui sistemi di vendita di Trenitalia dei collegamenti per viaggi dal 13 dicembre.

 

 

DAGO-REPLICA - Purtroppo di consueto c'è ben poco visto che in passato a questo punto dell'anno i biglietti per gran parte dei treni invernali erano già disponibili per l'acquisto.

 

L'anno scorso il 17 ottobre c'era già disponibile il 75% dei treni negli orari natalizi anche se il cambio sarebbe avvenuto il 15 dicembre e dunque più tardi,  nel 2018 la stessa cosa avveniva l'8 ottobre, nel 2016 addirittura il 3 ottobre (per il 40% dei convogli).

 

 

frecciarossa covid frecciarossa covid

Se, come dice Trenitalia, gli orari dei treni invernali inizieranno a comparire ''agli inizi di novembre'' significa un mese dopo le scadenze consuete, e a ridosso delle partenze stesse. Ma chissà che da qui ai primi di novembre non sarà lo stesso governo a sconvolgere i piani degli italiani che intendono viaggiare per le feste natalizie…

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SALVA STATI O SALVA BANCHE? – LA RIFORMA DEL MES DI CUI SI PARLA IN QUESTI GIORNI RIGUARDA PRINCIPALMENTE GLI ISTITUTI DI CREDITO (DEGLI ALTRI) E NON C’ENTRA NIENTE CON IL MECCANISMO “SANITARIO” – IL RISCHIO PRINCIPALE A CUI HANNO ALLUSO GALLI E VISCO (MICA BORGHI & BAGNAI) È AVVICINARE UNA RISTRUTTURAZIONE “ALLA GRECA” DEL DEBITO PUBBLICO. IL MES E LA COMMISSIONE EUROPEA AVREBBERO IL COMPITO DI MONITORARE PREVENTIVAMENTE LA SITUAZIONE FINANZIARIA DEGLI STATI MEMBRI, INDIPENDENTEMENTE DALLE RICHIESTE DI SOSTEGNO…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute