VOLERE LE CITTÀ VUOTE E LE TASCHE PIENE – DA QUANDO IL COVID HA ANNIENTATO IL TURISMO, MOLTE CITTÀ SI STANNO CHIEDENDO SE NON SIA IL CASO DI LIMITARE IL NUMERO DI INGRESSI, SNOBBANDO I TURISTI LOW-COST E DIROTTANDO SU CHI HA SOLDONI DA SPENDERE: UNA SCELTA "NON DEMOCRATICA" (MA ANCHE BIPOLARE) VISTO CHE I RESIDENTI CHE SI LAMENTANO DEL SOVRAFFOLLAMENTO SONO GLI STESSI CHE ORA FRIGNANO PER LA MANCANZA DI TURISTI...

-

Condividi questo articolo


Articolo di “El Pais”, dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

roma senza turisti roma senza turisti

Fino a quando il Covid-19 ha limitato i viaggi, leggiamo su El Pais, il turismo è stato uno dei settori economici con una crescita più rapida nel mondo, sostituendo le fabbriche come generatore di posti di lavoro per lavoratori poco qualificati. Offre una nicchia in cui può adattarsi quasi qualsiasi città o paese ed è la più grande fonte di reddito per molte nazioni in via di sviluppo.

taj mahal taj mahal

 

Permette di mantenere infrastrutture culturali come musei, teatri, grandi auditorium e parchi, che non potrebbero sopravvivere solo con il sostegno locale. I redditi derivanti dal l'affitto di una stanza o della casa vacanze offrono a molti un certo margine di tranquillità, e le piccole imprese in zone meno centrali delle città ricevono clienti che in precedenza visitavano solo le zone turistiche. E i soldi spesi in caffè e negozi di quartiere hanno più probabilità di rimanere in città di quelli che finiscono in alberghi e ristoranti di grandi catene.

 

Ma i residenti delle città più visitate d'Europa e degli Stati Uniti si sono lamentati del turismo sfrenato che porta alla gentrificazione, alla mancanza di alloggi per i vicini e al degrado ambientale. Si lamentavano che i luoghi emblematici erano così pieni che perdevano il loro fascino, e i servizi di noleggio per soggiorni brevi distruggevano la personalità e la tranquillità dei quartieri.

 

barcellona barcellona

Queste reazioni negative non sono nuove, esistono dal XIX secolo, quando Thomas Cook ha organizzato i viaggi di gruppo, sfruttando l'innovazione tecnologica dei treni passeggeri. Poi, con i voli, una classe media mondiale sempre più numerosa alla ricerca di nuove esperienze, le campagne commerciali delle città e le immagini seducenti sui media, la domanda di viaggi ha continuato a crescere. E negli ultimi decenni, gli effetti negativi del turismo sono stati aggravati dall'avvento di voli a basso costo, che trasportano giovani desiderosi di bere, di drogarsi, di legare e di spendere al meglio spendendo pochi soldi. Inoltre, agli agglomerati turistici si sono aggiunte le gigantesche navi da crociera che sputavano migliaia di persone che inondavano di colpo le strade e tornavano a dormire sulla nave, per cui non lasciavano quasi alcun profitto.

TURISTI ALLE EOLIE TURISTI ALLE EOLIE

 

Ora la sfida che i responsabili politici devono affrontare è quella di concepire strategie che impediscano l'eccesso di turisti e vadano a vantaggio dei residenti e dei visitatori. L'idea di limitare le visite e di permettere che vengano solo persone benestanti può effettivamente causare meno danni ed essere più redditizia. Ma queste politiche sono antidemocratiche e privano le persone normali della possibilità di vedere il mondo. Sono sicuro che molti di coloro che si lamentano perché i loro quartieri sono invaso dai turisti cercano essi stessi offerte per viaggiare e visitare il mondo.

 

venezia 2 venezia 2

La tassa d'ingresso per accedere a determinati siti o addirittura a intere città, come Venezia, e l'imposizione di una tassa su coloro che soggiornano in hotel sono state strategie abituali per ottenere benefici dal turismo. E ci sono state molte città che hanno applicato questi tassi anche agli affitti a breve termine. Ma se è giusto obbligare i visitatori a coprire i costi che creano, imporre un'elevata tassa che escluda le persone con risorse modeste è un problema.

 

VENEZIA TURISTI VENEZIA TURISTI

Regolare e limitare semplicemente il numero di visitatori è fattibile in luoghi chiaramente delimitati. Il Bhutan concede un numero chiuso di visti, e altrove le spiagge e i parchi possono ridurre il numero di posti auto o riservarli ai residenti. Distribuire i turisti nelle zone meno conosciute della città riduce le folle nei siti più iconici. Ma ha anche l'inconveniente che può deviare i turisti verso quartieri che non vogliono visitatori o i cui residenti di diverse razze o etnie non sono disposti a servire come attrazioni turistiche. È ironico che le strutture costruite per i turisti, come i parchi a tema e i casinò, siano state anche criticate perché sono artificiali e non si adattano all'ambiente circostante, ma sono servite a preservare e proteggere aree più a rischio distogliendo molti visitatori dai circuiti storici.

 

venezia 1 venezia 1

Quando i viaggi erano una cosa per ricchi del Grand Tour, non c'erano questi dilemmi, anche se i pellegrinaggi religiosi hanno sempre posto problemi logistici. Ora, la gestione del turismo nel futuro richiederà la pianificazione e la gestione da parte dei governi a tutti i livelli. A livello nazionale, si può scegliere di ridurre il numero di visti; e tutte le amministrazioni devono valutare l'impatto ecologico del turismo di massa e cercare modi per mitigarne gli effetti.

 

giovani inglesi a magaluf giovani inglesi a magaluf

I governi locali possono usare tasse e regolamenti per aumentare i benefici e limitare gli oneri. Ma è comunque importante non perdere di vista il piacere che le persone traggono dal poter rompere la loro routine e l'apertura mentale che offre il visitare luoghi e incontrare persone diverse. Tradizionalmente, la gente locale esprime sempre un certo disprezzo per gli estranei, ma i valori democratici di inclusione e accoglienza ci costringono a temperare questa avversione con l'empatia.

machu picchu machu picchu VENEZIA TURISTI VENEZIA TURISTI bali senza turisti bali senza turisti turisti inglesi a magaluf 2 turisti inglesi a magaluf 2 TURISTI ALLE EOLIE TURISTI ALLE EOLIE VENEZIA TURISTI VENEZIA TURISTI VENEZIA TURISTI VENEZIA TURISTI turisti inglesi ubriachi a magaluf turisti inglesi ubriachi a magaluf turisti inglesi ubriachi a ibiza turisti inglesi ubriachi a ibiza turisti a roma turisti a roma VENEZIA TURISTI VENEZIA TURISTI turisti ubriachi in spagna turisti ubriachi in spagna TURISTI RUSSI A VENEZIA TURISTI RUSSI A VENEZIA mascherina in aeroporto mascherina in aeroporto TURISTI ZOZZONI A VENEZIA TURISTI ZOZZONI A VENEZIA coronavirus milano coronavirus milano turista cinese a venezia turista cinese a venezia turisti a roma con la mascherina turisti a roma con la mascherina TURISTI ALLE EOLIE TURISTI ALLE EOLIE venezia 3 venezia 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

AIUTO! SONO IN ARRIVO LE “NUOVE KARDASHIAN” – CHARLI D’AMELIO È LA “TIKTOKER” PIÙ SEGUITA AL MONDO, CON 170 MILIONI DI “FOLLOWERS” E INSIEME ALLA SORELLA DIXIE, ANCHE LEI NELLA TOP TEN DEI “TIKTOKERS” PIÙ FAMOSI, SONO LE PROTAGONISTE DI UN REALITY SU DISNEY+ CHE RACCONTA LE LORO VITE PRIVATE – “IN TV NON NASCONDIAMO LE CRISI D’ANSIA, DOBBIAMO ANCORA FARE L'ABITUDINE A TUTTA QUESTA POPOLARITÀ” – MA INSIEME AGLI AMMIRATORI ARRIVANO ANCHE GLI “HATERS”

politica

COSI' NON SI PASS - SALLUSTI "AVVISA" SALVINI E MELONI DOPO IL FLOP DELLE PROTESTE NO PASS: “MI AUGURO CHE ANCHE GLI ESPONENTI DI CENTRODESTRA CHE IN QUESTI MESI HANNO STRIZZATO L'OCCHIO AI NO PASS PRENDANO ATTO CHE GLI ITALIANI LA PENSANO DIVERSAMENTE - SOGNO UN CENTRODESTRA CHE SI CANDIDI A GOVERNARE IL PAESE, NON UNO CHE SI METTE ALLA TESTA DI UNA MINORANZA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI IMPAURITA MA PIÙ PROBABILMENTE IGNORANTE, OSTILE ALLA SCIENZA E IN CERCA DI UN RUOLO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBE”

business

cronache

GIOVANNA BODA, INDAGATA PER CORRUZIONE, ERA CANDIDATA A DIVENTARE MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CON L'APPOGGIO DEL QUIRINALE E DI MARIA ELENA BOSCHI, ALLA CUI COGNATA STAVA CERCANDO UN POSTO DI LAVORO - “LA VERITÀ”: “QUALCUNO AI VERTICI DELLA PROCURA O DELLA FINANZA HA AVVERTITO CHI DI DOVERE CHE QUALCUNO STAVA CANDIDANDO A MINISTRO UN'INDAGATA PER CORRUZIONE, INTERCETTATA E A RISCHIO DI ARRESTO? FONTI SMENTISCONO QUESTA SECONDA IPOTESI. LA VICENDA DIFFICILMENTE SARÀ CHIARITA, ANCHE PERCHÉ SU DI ESSA È CALATO IL SILENZIO…”

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”